Connect with us

Attualità

Tricase, Tutino: campa cavallo che l’erba cresce

Il Castello dei Trane, risalente al XV secolo ed uno dei pochi nel Salento a conservare il fossato originale, ricoperto da erbacce e abbandonato a se stesso.

Pubblicato

il

Tante segnalazioni ci sono giunte in merito all’incurio che circonda il Castello dei Trane, da tutti conosciuto come il Castello di Tutino. Edificato nel XV secolo e uno dei pochi nel Salento a conservare ancora parte del fossato originario. Il fossato c’è ancora garantito anche se ad affacciarsi oggi lo si può solo immaginare ricoperto com’è dall’erbacce. Sul posto per scattare delle foto siamo subito stati avvicinati da alcuni abitanti del posto che lamentavano come il quartiere resti “abbandonato a sé stesso per lunghi periodi”.

erbacceSconsolato il commento di uno di loro: “Vada per l’incuria delle strade di Tutino, come del resto quelle di tutta Tricase, vada per quel palo messo proprio al centro del fossato e che spezza violentemente la visuale di quello che dovrebbe essere un bene architettonico e storico di pregio per tutto il paese (“e che è stato protagonista dell’ultima campagna elettorale”); vada per eventuali interventi di cui il Castello avrebbe bisogno… ma almeno potrebbero ripulire il fossato e le mura da quelle erbacce!”. Laconico il commento di un altro signore che si avvicina con l’aria di chi ne ha viste tante: “Scommettiamo che qualche giorno prima della festa della Madonna delle Grazie (la settimana dopo Pasqua, Ndr) ripuliranno? Si ricordano di noi una volta l’anno!”. Per fortuna che quella ricorrenza non è poi così lontana…

Questo accade a Tricase ma siamo certi che non è l’unico episodio in cui la storia e l’architettura di un paese vengono calpestati dall’incuria e dall’abbandono, Chiunque volesse segnalare episodi similari in uno dei Comuni del Salento, può inviarci una mail con delle foto e un breve testo ad info@ilgallo.it. Noi pubblicheremo il tutto nella speranza di solleticare l’amor proprio di chi ci amministra.

Giuseppe Cerfeda

Attualità

Una scuola come nuova per Otranto

Per primaria e secondaria un edificio più sicuro, funzionale e bello

Pubblicato

il

Negli ultimi mesi, sono stati eseguiti interventi che hanno riconsegnato a ragazzi e docenti un edificio più sicuro, funzionale e bello.

La struttura è stata messa in sicurezza negli elementi strutturali e impiantistici, adeguata sismicamente e rinnovata funzionalmente nella palestra, negli spazi esterni e nei due ingressi (oggi un percorso coperto protegge i ragazzi fino ai cancelli).

L’inserimento di un ascensore ha reso fruibile il primo piano anche ai diversamente abili.

La scuola secondaria

La palestra

Continua a Leggere

Attualità

Taviano senz’acqua martedì 15 ottobre

Sospensione dell’erogazione idrica dalle 8 alle 16: Aqp raccomanda ai residenti della cittadina di razionalizzare i consumi, evitando gli usi non prioritari dell’acqua nelle ore interessate dall’interruzione idrica

Pubblicato

il

Giornata di possibili disagi quella del prossimo 15 ottobre (martedì) a Taviano.

L’acquedotto Pugliese ha infatti annunciato attraverso il proprio sito che sarà sospesa l’erogazione dell’acqua per otto ore dalle 8 del mattino alle 16.

L’interruzione sarà necessaria per permettere ad Acquedotto Pugliese di effettuare alcuni interventi per il miglioramento del servizio nell’abitato tavianese.

Per consentire l’esecuzione di tali opere, dunque, sarà sospesa temporaneamente la normale erogazione idrica.

I disagi, naturalmente, riguarderanno quegli stabili sprovvisti di autoclave e riserva idrica o con insufficiente capacità di accumulo.

Aqp raccomanda ai residenti della cittadina di razionalizzare i consumi, evitando gli usi non prioritari dell’acqua nelle ore interessate dall’interruzione idrica.

I consumi, infatti, costituiscono una variabile fondamentale per evitare eventuali disagi.

Per maggiori informazioni: numero verde 800.735.735; www.aqp.it (sezione “Che acqua fa?”).

Continua a Leggere

Attualità

Bellanova: “Consulta per crisi climatica e priorità agricole”

L’annuncio della ministra salentina: «Coinvolgeremo anche Enti, Università, imprenditori, organizzazioni agricole e industriali, sindacati, parlamento, regole, cittadini, in un processo partecipativo di scrittura del futuro agricolo, alimentare e ambientale del Paese»

Pubblicato

il

«È  mia intenzione dare vita al Ministero a una Consulta permanente per la crisi climatica e le priorità agricole per costruire insieme il piano strategico nazionale, coinvolgendo anche Enti, Università, imprenditori, organizzazioni agricole e industriali, sindacati, parlamento, regole, cittadini, in un processo partecipativo di scrittura del futuro agricolo, alimentare e ambientale del Paese».

Lo ha annunciato la ministra delle politiche agricole alimentari e forestali  tera Bellnova che ha aggiunto: «Il nostro faro sono gli Obiettivi sostenibili dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, all’interno dei quali l’Italia e la sua agricoltura devono ritrovare un ruolo guida».

«La nostra priorità assoluta è tutelare il reddito degli agricoltori», ha sottolineato l’ex sindacalista di Ceglie Messapica, «la via primaria è garantire competitività alle imprese, a partire dall’utilizzo della leva fiscale».

Presentando le linee programmatiche del dicastero in un’audizione alle commissioni dell’Agricoltura riunite di Camera e Senato la Bellanova ha concluso: «Anche in questa sede voglio ribadire che, come concordato con il ministro dell’Economia Gualtieri escludo un taglio delle agevolazioni per il gasolio agricolo. La missione complessiva del governo è quella di garantire una diminuzione della pressione fiscale e in questo contesto credo vada assicurata attenzione alle esigenze del comparto agricolo».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus