Deputati e Senatori salentini

Camera: gli eletti salentini per ogni partito

Popolo delle Libertà: Ce la fa ovviamente il Ministro uscente Raffaele Fitto, blindatissimo al primo posto della lista. Con lui a Montecitorio il consigliere regionale di Acquarica del Capo, Rocco Palese, e il leccese Roberto Marti.

Partito Democratico: con il PD a Roma va il leccese Massimo Bray, insieme alla riconfermata Teresa Bellanova e il segretario provinciale del partito Salvatore Capone di San Cesario.

Per il Movimento 5 stelle “passa” il leccese Diego De Lorenzis.

Tra i bocciati eccellenti: Lorenzo Ria del Centro Democratico e Paolo Pagliaro del MIR.

Al Senato sono questi i salentini eletti

Sono appena quattro i nuovi senatori salentini. E tre sono del Movimento 5 Stelle, tutti leccesi: l’avvocato Maurizio Buccarella, l’impiegata Barbara Lezzi e la “precaria” (nel senso di occupazione) Daniela Donno. L’altro certo di un posto a Palazzo Madama è Dario Stefàno, di Otranto, assessore regionale all’Agricoltura e capolista del Sel.

Per il Pdl ci sono ancora possibilità per l’ex sindaco idruntino Francesco Bruni per il quale scatterebbe il seggio se il capolista e leader del movimento Silvio Berlusconi optasse per un’altra regione. In questo caso Otranto avrebbe addirittura due senatori e se si pensa che parliamo di un paese con appena 5.500 abitanti…

Fanno molto rumore le esclusioni del vice presidente della Regione Loredana Capone (PD), del senatore uscente Salvatore Ruggeri (Con Monti) e dell’ex sindaco leccese Adriana Poli Bortone (Grande Sud)


Commenti

commenti