Connect with us

Gallipoli

A Gallipoli saranno reintrodotte in mare 7 Caretta caretta

Sabato 28 maggio, alle 15, in località Punta Suina, a sud di Gallipoli, nel Parco Naturale Regionale Isola S. Andrea-Litorale Punta Pizzo, verranno reintrodotte in mare 7

Pubblicato

il

Sabato 28 maggio, alle 15, in località Punta Suina, a sud di Gallipoli, nel Parco Naturale Regionale Isola S. Andrea-Litorale Punta Pizzo, verranno reintrodotte in mare 7 tartarughe marine appartenenti alla specie Caretta caretta. Tale avvenimento si svolgerà nell’ambito della Manifestazione ormai giunta alla decima edizione,  “Appuntamento con il Mare – Tutela e salvaguardia dell’ambiente marino” organizzata dall’Associazione Salento Ambiente di Gallipoli, dall’Acquario della Stazione Zoologica “A.DOHRN” di Napoli, dal Centro Studi Cetacei, col patrocinio del Comune di Gallipoli e con la collaborazione della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Gallipoli e del Parco Regionale “Isola di SantìAndrea-Litorale di Punta Pizzo”. L’Acquario di Napoli e il Centro Studi Cetacei (C.S.C.), sono impegnati ormai da oltre un ventennio nel rilevamento e recupero di Tartarughe, spiaggiate o rinvenute morti o in difficoltà lungo le coste italiane. Caretta caretta è la specie di tartaruga marina più comune nelle acque italiane, classificata come “endagered” nella lista rossa delle specie a rischio d’estinzione dall’IUCN (International Union for the Conservation of Nature and Natural Resources) ed inclusa dalla Unione Europea nell’Annex II della Direttiva habitat tra le specie prioritarie e la Convenzione di Washington, C.I.T.E.S., come tale la sottopone a tutela internazionale vietandone la pesca, la vendita ed anche la semplice detenzione. Le tartarughe che saranno reintrodotte in mare erano state ritrovate in precarie condizioni di salute nel corso del 2009 e nel 2010 al largo delle coste salentine, e grazie al tempestivo intervento coordinato tra la Capitaneria di Porto di Gallipoli il dott. Giorgio Cataldini, referente del C.S.C. di Gallipoli e i responsabili del Turtle Emergency Center della Provincia di Lecce-Museo di Calimera, si è riusciti a stabilizzare le loro condizioni di salute. Una volta recuperate le tartarughe sono state ricoverate presso il Rescue Center dell’Acquario della Stazione Zoologica “A. Dohrn” di Napoli, che è un Ente Pubblico di Ricerca  di  elevato livello, finanziato dal Ministero della Ricerca Scientifica all’avanguardia per lo studio, la cura e la riabilitazione dei rettili marini e punto di riferimento internazionale per la formazione di ricercatori di varie università ed enti di ricerca scientifica. Le tartarughe ricoverate erano gravemente ferite a causa dell’impatto con strumenti di pesca o imbarcazioni, debilitate e denutrite per l’ingestione di ami, lenze e plastica oppure presentavano gravi problemi di ipotermia a causa di fattori ambientali sfavorevoli. Si sono resi quindi necessari interventi specifici di cura e riabilitazione prima di poterle rimettere in natura nelle zone di provenienza.

Questi i nomi delle tartarughe che verranno ritorneranno nel loro mare

“Baghera” segnalata  da un privato cittadino in  prossimità della Baia Verde a sud della costa gallipolina il 16 luglio 2009. Era debilitata e presentava il carapace e le pinne posteriori ricoperte da balani e vegetazione algale che ne impedivano una agile movimento natatorio.

“Cezanne”, ritrovata spiaggiata il 12 maggio 2009 sul litorale antistante lo stadio del comune di Gallipoli. Al momento del recupero pesava solo 700 gr. Era fortemente debilitata.

“Sarah” era stata ritrovata nelle acque antistanti Lido San Giovanni a Gallipoli. Giaceva streamata tra lammassi di posidonia spiaggiata dal forte temporale dei giorni precedenti.

“Nettuno”,   ritrovato il 12 maggio 2010 da un privato cittadinoa Mancaversa sulla litosale a sud di Gallipoli. Presentava il carapace e il piastrone completamente ricoperti da grossi balani e da abbondante vegetazione algale che rendevano difficoltoso il nuoto e la caccia ed indice di una prolungata e forzata sosta in acque stagnanti e perciò fortemente debilitata.

“Afrodite” ritrovata il 12 maggio 2010 a 1,5 miglia dalla costa del Lido san Giovanni a sud di Gallipoli. A salvarla sono stati i pescatori dell’equipaggio Albatros, un Motopesca del Compasrtimento di Gallipoli che prontamente hanno avvisato il dott. Cataldini e la Capitaneria di Porto.  Aveva ingoiato un grosso amo, in uso col palangaro di superficie, che l’aveva seriamente debilitata. Per questo motivo il carapace era ricoperto di alghe.

“Eros”  recuperata da un privato cittadino a nord della costa gallipolina il 31 maggio 2010. Era debilitata e presentava  le pinne anteriori e posteriori ricoperte da grosse lepadi ed  alghe brune. Per questo motivo, nonostante la sua mole ( circa 40 Kg per una lunghezza totale di oltre 70 cm) presentava una ridotta capacità di movimento, essenziale per la sopravvivenza di questi animali.

“Zeus” recuperato (6 giugno 2010) in mare da alcuni pescatori all’imboccatura del Porto di Gallipoli e prontamente consegnato in Capitaneria. Era fortemente debilitato in balia delle onde con il carapace e il piastrone completamente ricoperti da balani e da vegetazione algale che impedivano una spedita e libera capacità di nuoto e di conseguenza la possibiltà di procacciarsi il cibo. Una lunghezza totale di oltre 70 cm.

La reintroduzione in mare è da considerare la tappa finale del percorso di ricerca e studio che da anni viene condotto dagli Enti coinvolti in questa manifestazione e finalizzato alla salvaguardia della biodiversità del Mediterraneo. L’obiettivo principale è quello di frenare la diminuzione delle popolazioni di tartarughe marine nel Mediterraneo, reintroducendo in mare, in aree idonee, gli animali curati e riabilitati , dunque ancora in grado di riprodursi. Il rilascio in mare delle tartarughe avverrà a cura dell’equipe scientifica del Rescue Center delle tartarughe marine della Stazione Zoologica “Adohrn” di Napoli coordinata direttamente dalla Direttrice Prof.ssa Flegra Bentivegna. Hanno assicurato la loro presenza il Sindaco e gli Amministratori del Comune di Gallipoli, Iil Comandante del Compartimento Marittimo di Gallipoli, il Comandante provinciale del Corpo della Guardia Forestale, il Comandante della Polizia Provinciale i rappresentanti degli Enti Scolastici territoriali, nonchè le Autorità Civili , Militari e di Pubblica Sicurezza del territorio. Si coglie l’occasione per ringraziare pubblicamente la Capitaneria di Porto, il Corpo Forestale dello Stato, la Polizia di Stato, il Comando dei Carabinieri, la Guardia di Finanza, la Polizia Municipale, la Polizia Provinciale e la Protezione Civile operanti nel territorio di Gallipoli e del Salento ed il Servizio Veterinario ASL/LE di Gallipoli, per il  loro prezioso aiuto e insostituibile collaborazione.

Dott. Giorgio Cataldini

Continua a Leggere

Attualità

Se 23 anni vi sembran pochi…

Grazie ancora a tutti coloro che, da 23 anni, continuano a seguirci con affetto…

Pubblicato

il

Dopo 23 anni di onorato servizio non cullarsi su quanto già realizzato, ripensare un giornale e rinnovarlo profondamente lo abbiamo sentito come un sacrosanto
dovere! Tutto cambia, tutto si evolve, soprattutto su internet, ed ecco perché abbiamo deciso di rinnovarci anche online con una nuova veste grafica più accattivante, più
funzionale alle nuove esigenze dei lettori e strettamente connessa all’oggetto che, ormai, fa parte della nostra vita: lo smartphone.

Sotto l’ombrellone, nelle sale d’attesa, sulla panchina al fresco di un albero, in un bar, su un marciapiede o in casa, è lo strumento che più di tutti ci informa e ci tiene aggiornati. I giornali cartacei a voler dar retta ad una profezia di almeno 15 anni fa, sarebbero dovuti soccombere sotto il peso del digitale ed invece… siamo qui.

Per questo una nuova grafica, una nuova impaginazione e un “solo” rinnovato spirito giornalistico.
“il Gallo” sarà nuovo nella veste ma antico nel cuore: darà sempre voce a tutti, prediligendo, come racconta la sua storia, chi di voce non ne ha.

Restando fedele al ruolo di garante della verità e di strumento della comunicazione per la crescita di tutto il Salento, guarderà al futuro con coraggio, mantenendo sempre fede al valore etico, sociale ed educativo di una informazione di qualità e mai sottomessa.

Grazie ancora a tutti coloro che, da 23 anni, continuano a seguirci con affetto. Grazie agli inserzionisti che hanno creduto e credono in noi, perché consapevoli o no, sono l’unica fonte di finanziamento della nostra testata che mai ha usufruito di alcun finanziamento pubblico o istituzionale e, forse, anche per questo, continua ad essere libera.

Per davvero.

Continua a Leggere

Cronaca

Spengono incendio, trovano cadavere

Dopo ore di lavoro per domare le fiamme tra Lido Pizzo e Punta della Suina, la scoperta choc: un corpo carbonizzato

Pubblicato

il

Scoperta choc nel pomeriggio di oggi, sabato 13 luglio, per i vigili del fuoco impegnati nello spegnere l’incendio divampato in zona Pizzo, nei pressi di Punta della Suina, a Gallipoli.

Dopo ore di lavoro, con l’ausilio anche dei Canadair, per domare le fiamme divampate nella tarda mattinata ed estesesi a macchia d’olio, i pompieri avrebbero rinvenuto un corpo senza vita. Il cadavere è completamente carbonizzato, al punto non solo da non poterne riconoscere l’identità ma da non poter nemmeno capire nell’immediato se si tratti di un decesso causato dall’incendio o se il corpo fosse lì già da tempo.

Nel frattempo, clienti di alberghi della zona erano stati fatti evacuare per evitare conseguenze derivanti dall’incendio. Dopo il rinvenimento del cadavere, alle forze dell’ordine ed agli uomini del 115 presenti sul posto, si sono aggiunti anche gli uomini della scientifica ed il magistrato di turno.

 

Continua a Leggere

Cronaca

Rifiuti ammassati e dati alle fiamme

Deferiti un 64enne ed un 45enne, con quest’ultimo che accidentalmente ha provocato il propagarsi di un incendio pericoloso

Pubblicato

il

Tiene banco ancora la scarsa cultura ambientale e lo smaltimento illecito di rifiuti in Salento. Due situazioni particolari sono state, nelle scorse ore, individuate dai carabinieri tra Melendugno e Gallipoli.

A Melendugno un uomo di 64 anni aveva realizzato una sorta di mini discarica privata dove aveva ammassato, in un terreno di sua proprietà, scarti di vario tipo, dai più ai meno pericolosi e dannosi per l’ambiente.

I militari hanno rinvenuto prevalentemente materiale plastico, rottami ferrosi, pneumatici fuori uso e delle lastre ondulate di eternit, accatastate.

Per l’uomo è scattato il deferimento, stesso provvedimento che ha colpito un 45enne tavianese per simile condotta, se non più grave.

L’uomo infatti aveva messo assieme un mucchio di rifiuti, perlopiù pedane in legno e cartoni, per poi bruciarli in un terreno di cui risulta conduttore. Il tentativo di smaltire illecitamente i rifiuti si è però scontrato con le goffe modalità: ignorando il vento di queste ore e la sua pericolosità, infatti, l’uomo ha dato alle fiamme il mucchio di legname e carta provocando in pochi attimi un incendio divampato sulla vegetazione circostante.

Non bastasse, le fiamme hanno rapidamente avvolto anche un altro mucchio di rifiuti stipati nel terreno: cassette in plastica, pedane e cassette in legno, contenitori in polistirolo, tubazioni in plastica ed altro materiale plastico di vario genere utilizzato in agricoltura. L’incendio ha in breve fatto scattare l’allarme, richiedendo l’intervento del 115 per scongiurare pericoli ulteriori.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus