Connect with us

Gallipoli

A Gallipoli saranno reintrodotte in mare 7 Caretta caretta

Sabato 28 maggio, alle 15, in località Punta Suina, a sud di Gallipoli, nel Parco Naturale Regionale Isola S. Andrea-Litorale Punta Pizzo, verranno reintrodotte in mare 7

Pubblicato

il

Sabato 28 maggio, alle 15, in località Punta Suina, a sud di Gallipoli, nel Parco Naturale Regionale Isola S. Andrea-Litorale Punta Pizzo, verranno reintrodotte in mare 7 tartarughe marine appartenenti alla specie Caretta caretta. Tale avvenimento si svolgerà nell’ambito della Manifestazione ormai giunta alla decima edizione,  “Appuntamento con il Mare – Tutela e salvaguardia dell’ambiente marino” organizzata dall’Associazione Salento Ambiente di Gallipoli, dall’Acquario della Stazione Zoologica “A.DOHRN” di Napoli, dal Centro Studi Cetacei, col patrocinio del Comune di Gallipoli e con la collaborazione della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Gallipoli e del Parco Regionale “Isola di SantìAndrea-Litorale di Punta Pizzo”. L’Acquario di Napoli e il Centro Studi Cetacei (C.S.C.), sono impegnati ormai da oltre un ventennio nel rilevamento e recupero di Tartarughe, spiaggiate o rinvenute morti o in difficoltà lungo le coste italiane. Caretta caretta è la specie di tartaruga marina più comune nelle acque italiane, classificata come “endagered” nella lista rossa delle specie a rischio d’estinzione dall’IUCN (International Union for the Conservation of Nature and Natural Resources) ed inclusa dalla Unione Europea nell’Annex II della Direttiva habitat tra le specie prioritarie e la Convenzione di Washington, C.I.T.E.S., come tale la sottopone a tutela internazionale vietandone la pesca, la vendita ed anche la semplice detenzione. Le tartarughe che saranno reintrodotte in mare erano state ritrovate in precarie condizioni di salute nel corso del 2009 e nel 2010 al largo delle coste salentine, e grazie al tempestivo intervento coordinato tra la Capitaneria di Porto di Gallipoli il dott. Giorgio Cataldini, referente del C.S.C. di Gallipoli e i responsabili del Turtle Emergency Center della Provincia di Lecce-Museo di Calimera, si è riusciti a stabilizzare le loro condizioni di salute. Una volta recuperate le tartarughe sono state ricoverate presso il Rescue Center dell’Acquario della Stazione Zoologica “A. Dohrn” di Napoli, che è un Ente Pubblico di Ricerca  di  elevato livello, finanziato dal Ministero della Ricerca Scientifica all’avanguardia per lo studio, la cura e la riabilitazione dei rettili marini e punto di riferimento internazionale per la formazione di ricercatori di varie università ed enti di ricerca scientifica. Le tartarughe ricoverate erano gravemente ferite a causa dell’impatto con strumenti di pesca o imbarcazioni, debilitate e denutrite per l’ingestione di ami, lenze e plastica oppure presentavano gravi problemi di ipotermia a causa di fattori ambientali sfavorevoli. Si sono resi quindi necessari interventi specifici di cura e riabilitazione prima di poterle rimettere in natura nelle zone di provenienza.

Questi i nomi delle tartarughe che verranno ritorneranno nel loro mare

“Baghera” segnalata  da un privato cittadino in  prossimità della Baia Verde a sud della costa gallipolina il 16 luglio 2009. Era debilitata e presentava il carapace e le pinne posteriori ricoperte da balani e vegetazione algale che ne impedivano una agile movimento natatorio.

“Cezanne”, ritrovata spiaggiata il 12 maggio 2009 sul litorale antistante lo stadio del comune di Gallipoli. Al momento del recupero pesava solo 700 gr. Era fortemente debilitata.

“Sarah” era stata ritrovata nelle acque antistanti Lido San Giovanni a Gallipoli. Giaceva streamata tra lammassi di posidonia spiaggiata dal forte temporale dei giorni precedenti.

“Nettuno”,   ritrovato il 12 maggio 2010 da un privato cittadinoa Mancaversa sulla litosale a sud di Gallipoli. Presentava il carapace e il piastrone completamente ricoperti da grossi balani e da abbondante vegetazione algale che rendevano difficoltoso il nuoto e la caccia ed indice di una prolungata e forzata sosta in acque stagnanti e perciò fortemente debilitata.

“Afrodite” ritrovata il 12 maggio 2010 a 1,5 miglia dalla costa del Lido san Giovanni a sud di Gallipoli. A salvarla sono stati i pescatori dell’equipaggio Albatros, un Motopesca del Compasrtimento di Gallipoli che prontamente hanno avvisato il dott. Cataldini e la Capitaneria di Porto.  Aveva ingoiato un grosso amo, in uso col palangaro di superficie, che l’aveva seriamente debilitata. Per questo motivo il carapace era ricoperto di alghe.

“Eros”  recuperata da un privato cittadino a nord della costa gallipolina il 31 maggio 2010. Era debilitata e presentava  le pinne anteriori e posteriori ricoperte da grosse lepadi ed  alghe brune. Per questo motivo, nonostante la sua mole ( circa 40 Kg per una lunghezza totale di oltre 70 cm) presentava una ridotta capacità di movimento, essenziale per la sopravvivenza di questi animali.

“Zeus” recuperato (6 giugno 2010) in mare da alcuni pescatori all’imboccatura del Porto di Gallipoli e prontamente consegnato in Capitaneria. Era fortemente debilitato in balia delle onde con il carapace e il piastrone completamente ricoperti da balani e da vegetazione algale che impedivano una spedita e libera capacità di nuoto e di conseguenza la possibiltà di procacciarsi il cibo. Una lunghezza totale di oltre 70 cm.

La reintroduzione in mare è da considerare la tappa finale del percorso di ricerca e studio che da anni viene condotto dagli Enti coinvolti in questa manifestazione e finalizzato alla salvaguardia della biodiversità del Mediterraneo. L’obiettivo principale è quello di frenare la diminuzione delle popolazioni di tartarughe marine nel Mediterraneo, reintroducendo in mare, in aree idonee, gli animali curati e riabilitati , dunque ancora in grado di riprodursi. Il rilascio in mare delle tartarughe avverrà a cura dell’equipe scientifica del Rescue Center delle tartarughe marine della Stazione Zoologica “Adohrn” di Napoli coordinata direttamente dalla Direttrice Prof.ssa Flegra Bentivegna. Hanno assicurato la loro presenza il Sindaco e gli Amministratori del Comune di Gallipoli, Iil Comandante del Compartimento Marittimo di Gallipoli, il Comandante provinciale del Corpo della Guardia Forestale, il Comandante della Polizia Provinciale i rappresentanti degli Enti Scolastici territoriali, nonchè le Autorità Civili , Militari e di Pubblica Sicurezza del territorio. Si coglie l’occasione per ringraziare pubblicamente la Capitaneria di Porto, il Corpo Forestale dello Stato, la Polizia di Stato, il Comando dei Carabinieri, la Guardia di Finanza, la Polizia Municipale, la Polizia Provinciale e la Protezione Civile operanti nel territorio di Gallipoli e del Salento ed il Servizio Veterinario ASL/LE di Gallipoli, per il  loro prezioso aiuto e insostituibile collaborazione.

Dott. Giorgio Cataldini

Continua a Leggere

Attualità

Il segretario regionale: “La Lega è pronta e deve partire subito”

Luigi D’Eramo: “C’è la ferma volontà di avere in Puglia la possibilità di esprimere un leghista come candidato presidente”

Pubblicato

il

Lega Puglia pronta a guidare la coalizione esprimendo il candidato presidente. Il centrodestra è unito e deve partire subito mentre la sinistra litiga per sostituire Emiliano
Si è svolto ieri l’esecutivo regionale della Lega Puglia, in cui all’unanimità si è dato mandato al Segretario Regionale on. Luigi D’Eramo di rappresentare a Matteo Salvini ed ai vertici nazionali del partito la ferma volontà di avere in Puglia la possibilità di esprimere un leghista come candidato presidente alle prossime regionali.
Abbiamo una classe dirigente ampia, preparata e radicata sul territorio”, chiosa Luigi D’Eramo, “anagraficamente giovane ma che ha già avuto importanti responsabilità di governo a livello locale. Alle scorse europee, infatti, la Lega in Puglia ha ottenuto il 25% che è la percentuale più alta nelle regioni del sud Italia, inoltre sempre in Puglia la Lega ha anche ottenuto il differenziale più alto rispetto agli altri partiti della coalizione FdI e FI.
Dati questi che confermano che la Puglia è pronta per un candidato governatore leghista, ma soprattutto la Puglia è pronta a voltare pagina dopo 15 anni di sinistra, come dimostrato dai recenti sondaggi che danno il centrodestra in testa con oltre il 40%.
C’è la necessità di partire da subito”, ha proseguito il Segretario Regionale,  “con la scelta del candidato presidente e con la campagna elettorale, per comporre liste forti e per coinvolgere al meglio cittadini e categorie produttive, il tutto mentre la sinistra è presa dalla guerra di “delegittimazione e successione” ad Emiliano, tra renziani, franceschiniani, vendoliani e correnti varie. Non sappiamo, e forse non lo sapremo per molto tempo, se Rousseau ordinerà ai cinque stelle di fare o meno da stampella al claudicante Emiliano. Ma non possiamo aspettare l’esito di questo teatrino!
Dobbiamo partire presto e senza far passare altro tempo, con grande determinazione e convinzione per coinvolgere anche il mondo del civismo che Emiliano ha tradito, sedotto e abbandonato come del resto ha fatto con i pugliesi. 
La Lega c’è ed è pronta ed esprimere il candidato presidente”, ha concluso l’on. D’Eramo, “il centrodestra è vincente e deve essere unito in tutte le sue parti, senza lasciare spazio a riti ed errori del passato che in Puglia non hanno portato bene alla nostra parte politica che, seppur maggioritaria, ha perso la guida della Regione per 15 anni”.
Continua a Leggere

Appuntamenti

Bellanova a Lecce: “Le risorse ci sono, ora è il tempo di agire”

Un momento importante di ascolto e confronto, l’ha definito Bellanova, successivo a quello con le rappresentanze nazionali tenutosi a Roma

Pubblicato

il

Rigenerazione e rilancio dell’economia olivicola e dell’agricoltura pugliese.

A Lecce l’incontro della Ministra Bellanova con la associazioni della rappresentanza agricola, alimentare, sindacale

Ricucitura del paesaggio, rigenerazione e rilancio dell’economia olivicola pugliese, sostegno agli investimenti produttivi, tutela del reddito di imprese e lavoratori, innovazione e ricerca, agricoltura per le nuove generazioni: sono alcuni dei temi affrontati oggi dalla Ministra Teresa Bellanova nel corso dell’incontro a Lecce con le organizzazioni agricole, alimentari e sindacali nella sede del Distretto agroalimentare di qualità jonico-salentino.

Un momento importante di ascolto e confronto, l’ha definito Bellanova, successivo a quello con le rappresentanze nazionali tenutosi a Roma, utile a definire anche la scala di priorità su cui intervenire fin da subito. Scala di priorità che proprio la Ministra ha sintetizzato nell’intervento di chiusura.

Io e la squadra ministeriale siamo a completa disposizione, le risorse ci sono, ora è il tempo di agire. L’emergenza che ha colpito e in parte compromesso questo territorio” ha voluto sottolineare, “è una questione nazionale ed europea, non solo territoriale. Al pari di emergenze che in questo momento stanno assediando altre zone del territorio nazionale. E’ quello che ho detto ai miei colleghi europei nell’informale a Helsinki di due settimane fa e nel corso dei bilaterali ed è quello che ribadirò anche settimana prossima in Lussemburgo”.
Dunque, a proposito di Europa, Teresa Bellanova ha precisato: “Non un tavolo sarà disertato, è l’impegno che ho assunto e a cui non intendo derogare. L’agricoltura nazionale e mediterranea si difende così, non con i proclami scellerati che hanno devastato le relazioni con i nostri partner europei e indebolito la nostra autorevolezza. Il mio metodo è preciso: meglio una dichiarazione in meno e un risultato in più.
E sono chiari anche gli obiettivi: no ai tagli di bilancio sulla Pac, semplificazione delle norme, riequilibrio della dotazione per l’Italia, rafforzamento degli interventi settoriali salvaguardando ruolo e competenze delle Regioni”.

Continua a Leggere

Gallipoli

Trofeo del Rivellino: bis della Lega Navale T.S. Giovanni

Presenti una trentina di imbarcazioni di vela di altura, impegnate in un percorso di circa 9 miglia

Pubblicato

il

Si è svolta la 21esima edizione del Trofeo Rivellino, regata costiera organizzata dalla Lega Navale Italiana sezione di Gallipoli.

Domenica soleggiata, mare calmo e vento da sud fra i 6 e i 12 nodi di intensità.

Presenti una trentina di imbarcazioni di vela di altura, impegnate in un percorso di circa 9 miglia fra le acque prospicienti la città vecchia, il Pizzo, l’isola di Sant’ Andrea e il Circolo della Vela dove era posizionato l’arrivo.

Ad avere la meglio l’equipaggio di 2Alfa2 Arbace Lavori (GS34.1) della Lega Navale Torre San Giovanni, armata e timonata da Giuseppe Cazzato, drizze Fabio Girasoli, prua Paolo Sanapo, tailer Donato Manco, randa Emilio Paolo, albero Antonio Tarantini.

Il Trofeo Rivellino resta quindi alla Lega Navale di Torre San Giovanni, avendo ripetuto la vittoria dello scorso anno. Seconda l’X 35 Vento dell’Este (A. Carlino) della Lega Navale Otranto, terza lo Zuanelli fax 33 (Piero Anselmi) della Lega Navale Gallipoli.

Ottima organizzazione a terra e a mare, con gli Ufficiali di Regata della Federazione Italiana Vela Pietro d’ Ippolito (presidente Comitato di Regata), Massimo de Matteis e Daniele de Nuzzo.

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus