Connect with us

Castrignano del Capo

A Leuca il Reliquiario della Madonna di Siracusa

Celebrazioni diocesane con il Reliquiario delle Lacrime della Madonna di Siracusa presso la Basilica di Santa Maria di Leuca da sabato 20 a giovedì 25 ottobre.

Pubblicato

il

La Madonna delle Lacrime di Siracusa

Celebrazioni diocesane con il Reliquiario delle Lacrime della Madonna di Siracusa presso la Basilica di Santa Maria di Leuca da sabato 20 a giovedì 25 ottobre. Si comincia sabato 20, alle 16 con l’accoglienza del Reliquiario nella Chiesa di Cristo Re (Marina di Leuca). Alle 16,30, Processione con fiaccolata verso il Santuario di S. Maria di Leuca. Alle 18, concelebrazione solenne della Santa Messa nella Basilica di S. Maria di Leuca. Pellegrinaggio della Forania di S. M. di Leuca. Veglia di preghiera.
Domenica 21, Sante Messe alle 8, 9, 10, 1 e 17. Alle 18 Santa  Messa solenne, presieduta dal Vescovo, Mons. Vito Angiuli. Recita del Santo Rosario e processione con fiaccolata sul piazzale del Santuario. Alle 20, Veglia diocesana di preghiera dei giovani.
Lunedì 22, alle 9,30, Santa Messa con gli anziani e gli ammalati: celebrazione del Sacramento dell’Unzione degli Infermi. Alle 11,30, incontro con l’Istituto Magistrale Statale “G. Comi” di Tricase.
Alle 15,30, pellegrinaggio dei ragazzi della Catechesi dell’IC e ACR: foranie di Ugento e Taurisano. Alle 18, Santa Messa, presieduta dall’Arcivescovo Metropolita, Mons. Domenico D’Ambrosio, Arcivescovo di Lecce. Pellegrinaggio della Forania di Taurisano. Veglia di preghiera mariana.
Martedì 23, alle 11, incontro con l’Istituto Statale “G. Salvemini” di Alessano. Alle 15,30, Pellegrinaggio dei ragazzi della Catechesi dell’IC e ACR: foranie di Tricase e S. Maria di Leuca. Alle 16,30, Pellegrinaggio delle Zelatrici dell’Apostolato della Preghiera. Alle 18, Santa Messa, presieduta da Mons. Domenico Caliandro,Vescovo di Nardò-Gallipoli. Pellegrinaggio della Forania di Ugento. Veglia di preghiera mariana.
Mercoledì 24, nel corso della mattinata, il Reliquiario sarà esposto presso l’Ospedale “Card. G. Panico” di Tricase. Previsti Celebrazione della Santa Messa e proiezione documentario. Alle 18, Santa Messa in Basilica, presieduta da S. E. Mons. Donato Negro, Arcivescovo di Otranto. Pellegrinaggio della Forania di Tricase. Veglia di preghiera mariana.
Giovedì 25, alle 9 concelebrazione solenne della s. Messa, presieduta da Mons. Vito Angiuli. Alle 10, Partenza del Reliquiario per Siracusa.

Storia della Madonna delle Lacrime di Siracusa

Il 29-30-31 agosto e il 1° Settembre del 1953, un quadretto di gesso, raffigurante il cuore immacolato di Maria, posto come capezzale di un letto matrimoniale, nella casa di una giovane coppia di sposi, Angelo Iannuso e Antonina Giusto, in via degli Orti di S. Giorgio, n. 11, ha versato lacrime umane.
Il fenomeno si verificò, ad intervalli più o meno lunghi, sia all’interno che all’esterno della casa. Molte furono le persone che videro con i propri occhi, toccarono con le proprie mani, raccolsero e assaggiarono la salsedine di quelle lacrime.
Il 2° giorno della lacrimazione, un cineamatore di Siracusa riprese uno dei momenti della Lacrimazione. Quello di Siracusa è uno dei pochissimi eventi così documentati.
Il 1° Settembre una Commissione di medici e di analisti, per incarico della Curia Arcivescovile di Siracusa, dopo aver prelevato il liquido che sgorgava dagli occhi del quadretto, lo sottopose ad analisi microscopica. Il responso della scienza fu: “lacrime umane”. Terminata l’indagine scientifica il quadretto smise di piangere. Era il quarto giorno.

Continua a Leggere

Alessano

Short Message, droga nel sud Salento: le condanne

18 anni a Sergio Panarese, detto Fragola, 34 anni di Tricase, accusato di essere il promotore e di aver diretto il gruppo attivo su Tricase

Pubblicato

il

Oltre 150 anni di carcere al Processo celebrato nella’ula bunker di Borgo San Nicola a carico degli imputati, tutti condannati, arrestati nel corso dell’operazione dei carabinieri Short Message che un anno fa smantellò due associazioni cirminali che controllavano il traffico di droga nel basso Salento.

Le indagini hanno consentito di documentare le attività illecite di due distinte associazioni finalizzate al traffico di sostanze stupefacenti.

La prima era attiva sui territori di Tricase e Tiggiano con ramificazioni nel capoluogo brindisino e nella città di Terlizzi (Ba), dedita alla gestione del traffico di sostanze stupefacenti (cocaina, eroina, marijuana e hashish) sulle piazze di spaccio di numerosi comuni della provincia.

Le indagini ha consentito di individuare i fiorenti canali di approvvigionamento riconducibili ad esponenti di un agguerrito clan malavitoso della predetta località barese (Dello Russo – Ficco), i quali, a loro volta, si rifornivano anche da soggetti di nazionalità albanese.

La seconda associazione criminale operava  su Taurisano Corsano, e riguardava principalmente il traffico e lo spaccio di eroina nei paesi del basso Salento, gestito da esponenti della criminalità del quartiere 167 della città di Lecce.

L’Operazione “Short Message” è stata condotta dai carabinieri della Stazione  di Specchia con il supporto del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Tricase.

Le condanne

18 anni per Sergio Panarese, detto Fragola, 34 anni di Tricase, accusato di essere il promotore e di aver diretto il gruppo attivo su Tricase;

7 anni e 8 mesi per Pasquale Nestola, 49 anni, di Galatina, a fronte di una richiesta di 14 anni e mezzo, per il quale è caduto il reato di essere il finanziatore e condannato come semplice partecipe dell’associazione;

8 anni e 4 mesi a Stefano Schirinzi, 32 anni, di Tiggiano, detto Big o Servola;

9 anni a Ivan Abate, 39 anni di Taurisano;

8 anni e 9 mesi a Roberto Dello Russo, 38 anni, di Terlizzi (Ba);

8 anni e 8 mesi a Paolo Ficco, di 39, di Terlizzi;

4 anni e 4 mesi ad Alessandro De Giorgi, 28 anni, di Brindisi;

8 anni e 2 mesi a Teodoro Vindice, 52 anni, di Brindisi, alias Padre;

10 anni a Dario De Angelis, 29 anni, di Tricase;

7 anni e 8 mesi a Michela De Ruvo, 30 anni, di Terlizzi;

7 anni e 8 mesi a Simone Martella, 35 anni, di Tiggiano detto Moto”;

3 anni a Matteo Zocco, 23 anni, di Corsano, assolto dal reato associativo e per il quale il pm aveva chiesto 8 anni;

4 anni e 8 mesi a Luca Andrea Fratolillo, 33 anni, di Tricase;

5 anni a Luca Frisone, 47 anni, di Lecce, detto Frisa;

5 anni per Roberto Corpus, 53 anni, di Lecce;

4 anni a Giovanni Rizzo, 50 anni, di Taviano, alias Collana;

3 anni per Massimo Petracca, 40 anni, di Castrignano del Capo;

4 anni a Donato Angelo Rainò, 51 anni, di Taviano, detto Donatello;

2 anni e 6 mesi ad Eleonora Baldassarre, 41 anni, di Cavallino;

2 anni e 6 mesi per Francesco Bongiorno, 49 anni, di Lecce;

2 anni e 6 mesi per Antonio Calò, 46 anni, di Lecce, detto il Nano;

2 anni e 6 mesi a Mario De Luca, 42 anni, di Lecce;

Giuseppe Guglielmo, 44 anni, di Miggiano;

2 anni a Sergio Margoleo, 26 anni, di Ugento;

3 anni a Cristian Fortiguerra, 32 anni, di Tricase, alias Crigu;

3 anni per Cosimo Damiano Marco Piro, 48 anni, di Taurisano;

2 anni e 2 mesi per Roberto Santo, 44 anni, di Lecce, detto il Gemello;

un anno e 8 mesi a Cristina Baglivo, 34 anni, di Tricase;

un anno e 8 mesi a Donato Orlando, 33 anni, di Tricase;

3 anni a Salvatore Savarelli, 24 anni, di Gagliano del Capo;

6 mesi a Simone Portaluri, 36 anni, di Cutrofiano.

Le accuse, a vario titolo, contestate agli imputati sono quelle di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio, estorsione e porto illegale di armi.

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Migranti soccorsi a Leuca

Nuovo sbarco nel Salento. Soccorso gruppo di 43 persone. Molti i minori presenti. Sul posto anche i volontari della Croce Rossa Italiana del comitato di Lecce

Pubblicato

il

Nuovo barco a S.M. di Leuca questa mattina.

43 migranti sono arrivati nel Salento sono stati accompagnati in porto da una motovedetta della Guardia Costiera.

Tra di loro numerosi minori.

In queste ore i volontari della Croce Rossa Italiana del comitato di Lecce, son il supporto della Sala Operativa Regionale di CRI Puglia, sono intervenuti presso il porto di Santa Maria di Leuca per prestare assistenza sanitaria ed umanitaria.

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Leuca, il giorno dopo

Un video mostra la forza distruttrice del vento e del mare ieri ha sferzato l’intero Salento

Pubblicato

il

The day after, il giorno dopo.

Ecco cosa resta a Santa Maria di Leuca dopo lo straordinario martedì di maltempo che ha sferzato il Salento con nubifragi, raffiche di vento oltre i 100 km/h e mareggiate.

L’unica (grande) consolazione è che non si sono registrati danni a persone.

Per quanto riguarda le cose, è ancora presto per fare la conta dei danni ma le immagini del video sotto lasciano poco spazio alle illusioni.

Danneggiate molte barche nel porto tra queste anche la Kiss, veliero in dotazione al Nautico dell’IISS Don Tonino Bello di Tricase. Per fortuna i danni all’imbarcazione del Nautico sono stati leggeri.

Ben più gravi invece quelli alle imbarcazioni sequestrate, ormeggiate al transito e che il mare stanotte ha sbattuto sulle banchine interne del porto turistico.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus