Al cinema vanno di moda le Salentitudini

Salentitudine n. 1: martedì 3 luglio a Roma oltre ai soliti globi metallici, ci saranno un bel numero di globi in ceramica preparati artigianalmente dal bravo, salentinissimo Agostino Branca (Specchia). Si può già annunciare quello che andrà a Pierfrancesco Favino, una specie di superpremio, perchè il grande attore è stato segnalato per ben 5 films usciti negli ultimi mesi.

Il "nostro" Francio Simone con Riccardo scamarcio

Salentitudine n. 2: Ferzan Ozpetek ha raccolto probabilmente il maggior numero di nominations (regia, miglior attore protagonista, ecc.). Ricordiamo che alla domanda “Di che nazionalità si sente?…”, il grande regista suole rispondere “Nè turco, nè italiano… mi sento salentino!”.

Salentitudine n. 3: Il premio per la migliore canzone originale sarà consegnato ad una primadonna. In nomination ci sono infatti Arisa, Elisa e Patty Pravo. A consegnare il premio ci sarà il salentinissimo cantautore Franco Simone, vincitore della scorsa edizione, per la stessa categoria, con la canzone “Accanto”, dal film “Native” di John Real.

Salentitudine n. 4: sarà ancora Franco Simone a registrare per l’occasione una speciale puntata del suo programma televisivo “Dizionario dei sentimenti”, che sta raccogliendo un successo crescente in Italia e all’estero, anche grazie ad una fittissima programmazione (una quarantina di passaggi settimanali) sui canali digitali, su Sky e sulla rete web.

Qualcuno ha detto che… più si è salentini, più si è internazionali!


Commenti

commenti