Arci: “Anche Superman era un rifugiato”

Ha preso il via il progetto di Servizio civile nazionale di Arci Lecce, dal titolo “Arcinclusione”, che coinvolge 12 volontari, 3 ragazze e 9 ragazzi. Un percorso di un anno che li vedrà operare a stretto contatto con persone immigrate e gruppi rom, con particolare attenzione ai minori e all’esclusione negli ambienti scolastici.
Un’esperienza formativa e di crescita personale che per la prima volta ha aperto le porte ai rifugiati includendo nel progetto una ragazza e un ragazzo già titolari di protezione internazionale.
Il Servizio civile con Arci Lecce si pone l’obiettivo di garantire una maggiore integrazione delle persone immigrate e dei gruppi rom attraverso percorsi di sostegno scolastico nelle scuole, incidendo in maniera diffusa sulla società che li ospita al fine di favorire una maggiore consapevolezza del fenomeno migratorio e delle diversità culturali che lo compongono.
Un percorso sviluppato in collaborazione con l’Università del Salento, la libreria Palmieri di Lecce e gli istituti comprensivi “Costantino Soz” di Trepuzzi, “2°circolo De Amicis”, “Ammirato-Falcone”, Galateo-Frigole”, “Dante Aligheri” di Lecce e “Giovanni XXIII” di Campi Salentina.

I volontari saranno inoltre protagonisti di eventi pubblici promossi sul territorio, tra cui seminari, eventi culturali in libreria, workshop, convegni. Il primo appuntamento del nuovo corso si svolgerà mercoledì 27 febbraio con la doppia presentazione del libro prodotto dall’Unhcr “Anche Superman era un rifugiato“, cui prenderà parte Tareke Brhane, presidente del Comitato 3 ottobre: la mattina incontro con gli studenti dell’Istituto Comprensivo Galateo-Frigole di Lecce e il pomeriggio, ore 18, la presentazione al pubblico presso il circolo Arci La Nuova Ferramenta di Lecce.

Tags:


Commenti

commenti