Connect with us

News & Salento

Armi alla Polizia Municipale?

Pubblicato

il

Come ogni estate, da qualche anno a questa parte si discute molto sull’opportunità di dotare di armi gli agenti della Polizia Municipale. E si sono venute a creare situazioni di impasse, come a Tricase e a Morciano di Leuca, dove si richiederebbe, soprattutto nelle marine, il servizio degli Agenti anche nelle ore notturne. Abbiamo chiesto lumi ad Antonio De Iaco, coordinatore provinciale del Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Municipale (SULPM).

De Iaco fa una premessa: “I Vigili Urbani ufficialmente non esistono più dall’emanazione della legge n. 65 del 1986. Da allora la figura è stata sostituita con quella degli Agenti della Polizia Municipale. E tra i compiti degli Agenti della Polizia Municipale, oltre quelli di sanzionare gli indisciplinati e i trasgressori del codice della strada e dei regolamenti comunali, c’è anche quello di provvedere all’ordine pubblico, garantire la pubblica sicurezza e arrestare i delinquenti! Un ruolo riconosciuto ed imposto dalla legge”. E per poter ottemperare a questo loro dovere, secondo De Iaco “gli Agenti di Polizia Municipale devono avere in dotazione un’arma, così come previsto anche dalla legge”.

Anche se poi il Regolamento deve essere approvato da ogni singolo Consiglio Comunale. Cosa, tra l’altro, avvenuta sia a Morciano che a Tricase. E allora come mai gli Agenti non sono stati dotati ancora di un’arma? “Perché probabilmente i Comuni hanno difficoltà a reperire i soldi necessari. E dopo tante promesse, siamo stufi di aspettare e quindi diciamo basta: niente servizio dopo le 22!”. De Iaco fa anche cenno alla riforma in attesa di essere approvata dalle Camere: “La Polizia Municipale è ormai proiettata verso il futuro ed entro gennaio già potrebbe cambiare tutto con la trasformazione in Forza di Polizia Locale. Tutti i Comandi con uno o due Agenti sono chiamati a consorziarsi (il minimo previsto pare sia di 8 unità) oppure passeranno direttamente sotto il coordinamento dell’Ente Provincia. E per tutti sarà prevista, così come del resto già dovrebbe essere oggi, l’arma in dotazione”.

Alcuni dei Comuni in cui gli agenti di P.M. hanno in dotazione l’arma: Alliste, Collepasso, Diso, Galatina, Galatone, Maglie, Matino, Nardò, Racale, Ruffano, Taviano, S. Cesarea, Ugento

Alcuni dei Comuni in cui gli agenti di P.M. non hanno in dotazione l’arma: Alessano, Andrano, Corsano, Miggiano, Morciano, Specchia, Tiggiano, Tricase

Cronaca

Ubriaco e contromano: un morto sulla statale

Pubblicato

il

Un uomo è morto e due sono rimasti feriti in un incidente stradale provocato da un carabiniere forestale che, ubriaco, a bordo di una vettura Bmw, ha imboccato contromano la statale 613 Lecce-Brindisi percorrendola per oltre 10 chilometri. Lo scontro è avvenuto alle 4.30. L’auto su cui viaggiava il carabiniere si è scontrata frontalmente con una Renault Clio con a bordo un uomo di 59 anni, Desiderio Serio, di San Donaci (Brindisi), e un suo amico, che stavano rientrando a casa dopo aver trascorso la serata in un locale a Lecce. Serio è morto, mentre l’amico è rimasto ferito così come il carabiniere di 34 anni, di Brindisi in servizio come forestale a Matera. Le condizioni dei due feriti non sono gravi. Il carabiniere é risultato positivo al test alcolemico a cui é stato sottoposto in ospedale. La sua posizione è al vaglio degli inquirenti. Si stanno vagliando i filmati delle telecamere dell’Anas. La strada è rimasta a lungo chiusa al traffico

Continua a Leggere

Attualità

Popoli in Puglia, dal Gargano a Leuca una terra di passaggio

L’intento è quello di far conoscere ai giovani i diversi popoli e la pluralità di lingue e culture che vivono insieme pacificamente nel territorio pugliese

Pubblicato

il

Venerdì 04 ottobre 2019, alle ore 12.00, presso l’Istituto Comprensivo Polo 3 di Galatina, verrà presentato il progetto “Popoli In Puglia” ideato dall’associazione Espressioni e sostenuto dal Consiglio Regionale della Puglia.

Il progetto racconta della Puglia, dal Gargano a Santa Maria di Leuca, quale terra di frontiera e di passaggio, la cui posizione geografica la pone, in passato e nel presente, come fulcro fondamentale di comunicazione tra l’Occidente e l’Oriente, tra il Nord dell’Europa, il continente africano e il Medioriente.

“Popoli in Puglia” fa conoscere ai giovani i diversi popoli e la pluralità di lingue e culture che vivono insieme pacificamente nel territorio pugliese, in una “convivenza civile” frutto delle norme che regolano gli aspetti della vita, ma anche di un’educazione al valore del rispetto dell’umanità, all’abbraccio degli esseri umani che si trovano in condizioni di debolezza e svantaggio, alla comprensione delle ragioni dell’altro.

Da queste premesse l’impegno dell’Assessorato all’Istruzione della Regione Puglia alla promozione e alla conoscenza dell’identità del popolo pugliese e alle culture presenti per comprendere la profondità e la ricchezza che la contaminazione di idee può produrre. Conoscere rappresenta la via privilegiata per l’incontro di culture e il superamento della paura verso l’altro, per una società civile orientata all’accoglienza e dell’integrazione.

Durante la presentazione sarà distribuito agli studenti delle scuole secondarie di primo grado l’omonimo volume “Popoli in Puglia”, rientrante nella linea editoriale LEGGI LA PUGLIA del Consiglio Regionale della Puglia, scritto da Alessandra Caragiuli ed edito da Espressioni associazione di sviluppo territoriale dedita ad attività di sensibilizzazione e crescita culturale.

Alla presentazione interverrà l’Assessore alla formazione e lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo, Paolo Pellegrino Consigliere Regionale e l’autrice Alessandra Caragiuli. Ingresso è libero e gratuito.

Continua a Leggere

Cronaca

Spaccio di cocaina: fermato 29enne

Sostanza e materiale atto alla preparazione delle dosi: in arresto uomo di Poggiardo

Pubblicato

il

Arresto in flagaranza di reato nella giornata ieri, venerdì 13 settembre, a Poggiardo.
I carabinieri hanno fermato M. G. B., 29enne del posto, per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.
Il fermo è arrivato dopo una perquisizione personale e domiciliare nella quale i militari hanno rinvenuto 6 involucri contenenti 24 grammi circa di cocaina, oltre a sostanza da taglio, bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi.
Sottoposto il tutto a sequestro, i carabinieri hanno portato il 29enne presso la casa circondariale di Lecce dove ora è stato lasciato nella disposizione dell’autorità giudiziaria.
Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus