Bandiere blu, tra riconferme e esclusioni eccellenti

Assegnate anche quest’anno le Bandiere Blu, riconoscimento giunto alla 33esima edizione.

Questi alcuni criteri che determinano se far parte del ristretto gruppo dei Comuni che possono fregiarsi della Bandiera Blu: gestione del territorio e dell’ambiente; qualità delle acque di balneazione; presenza e funzionamento dei depuratori; allacci fognari; servizi e vivibilità nel periodo estivo; valorizzazione delle aree naturalistiche; gestione dei rifiuti; cura dell’arredo urbano e delle spiagge e accesso al mare.

Prima classificata è la Liguria, con ben 30 località e tre nuovi ingressi. Segue la Toscana con 19, la Campania conferma le 18 bandiere blu. Perdono 2 bandiere le Marche, seguono Sardegna (14), Puglia (13), Calabria (11), Abruzzo (10), Lazio (9), Veneto (8), Emilia-Romagna e Sicilia (7), Basilicata (5), Friuli Venezia Giualia (2) e Molise (1).

Melendugno con la marina di San Foca, dove approderà il gasdotto Tap, è stata retrocessa, ci sono poi importanti riconferme come Otranto, Castro e Salve.

Tags:


Commenti

commenti