Connect with us

Casarano

Depuratore: Venneri risponde a De Masi

Pubblicato

il

“Accetto volentieri l’invito del collega di Casarano al confronto, ma si sappia sin da ora che per quanto mi riguarda l’inviolabilità del mare di Gallipoli è un principio non suscettibile di deroga alcuna”. Il sindaco di Gallipoli, Giuseppe Venneri, risponde positivamente all’invito alla discussione avanzato dal primo cittadino di Casarano, Ivan De Masi, ma ribadisce in modo chiaro e netto le posizioni che andrà ad esporre nella riunione convocata per martedì prossimo in Provincia dal presidente Gabellone (che il sindaco ringrazia per la pronta disponibilità e per l’attenzione dimostrata), finalizzata alla risoluzione della questione-depuratore.

“Il mio compito – ha spiegato – è tutelare l’interesse ed accogliere le aspettative della mia città. Evidenzio altresì che difendere il mare di Gallipoli significa andare oltre e proteggere una realtà trainante per il turismo e quindi l’economia dell’intero Salento. Per questo sfregiare la costa sud di Gallipoli con divieti di balneazione significherebbe affossare l’immagine e di conseguenza tutto quell’indotto, anche dei comuni viciniori, che dal turismo gallipolino trae linfa e giovamento”. Il sindaco chiederà per questo alla Provincia che sia bloccata la procedura di via-libera al depuratore casaranese. “Oltre ai fortissimi e più che fondati motivi turistico-economici, d’immagine e di salvaguardia dei livelli occupazionali, che mi portano a dire no a questa disastrosa decisione – ha continuato il primo cittadino – mi chiedo e lo farò anche nella riunione provinciale, se tutte le procedure per l’attivazione dell’impianto siano state pedissequamente seguite. Ad esempio, non mi risulta che sia stata chiesta né mai ottenuta l’autorizzazione dell’Ente Parco “Punta Pizzo-Isola di S. Andrea”, finalizzata all’avallo della struttura. Perchè l’assurdo di questa vicenda è che il terminale ultimo della struttura casaranese non solo sia uno dei tratti di costa più belli ed apprezzati del Salento ma anche una parte importante del nostro Parco Naturale, destinato a diventare esempio unico, ovviamente in negativo, di area protetta macchiata da divieti di balneazione”.

La posizione di Gallipoli, dunque, permane quella originaria, nonostante le recenti dichiarazioni provenienti da Casarano. “Non posso rischiare il futuro di Gallipoli e di una realtà in cui gli investimenti turistici sono in netta crescita negli ultimi anni – ha infatti chiarito il sindaco –  affidandomi alle rassicurazioni teoriche dei tecnici, con tutto il rispetto per la professionalità di ciascuno. Ribadisco che esperiremo ogni tentativo possibile per salvaguardare l’integrità della nostra costa ed evitare che si attui uno scempio che sarebbe, come più volte ribadito, una pietra tombale per tutte le aspettative di sviluppo di questa città”.

D.T.

Casarano

Controlli dell’Arma: uomo affittava terreno per tombare rifiuti

Pubblicato

il

In questa settimana e, per tutto il periodo a cavallo di Ferragosto, su tutto il territorio della provincia i Carabinieri del Comando Provinciale di Lecce hanno in atto numerosi servizi per rendere più incisiva la presenza e garantire un periodo tranquillo a cittadini e turisti.Per il Ferragosto sul territorio saranno previsti numerosi servizi sia preventivi che di controllo della circolazione stradale.
In particolare nel territorio della Compagnia Carabinieri di Casarano sono in atto servizi finalizzati contrasto reati contro il patrimonio, consumo e spaccio sostanze stupefacenti, controllo persone sottoposte limitazioni libertà e alla circolazione stradale.In materia di “detenzione fini di spaccio sostanze stupefacenti” è stato deferito in stato di libertà un 20enne di Racale che, a seguito di perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso, nella sua camera da letto, di un involucro in cellophane contente complessivamente quasi cento grammi di marijuana suddivisa in 18 dosi, nonché un bilancino elettronico e la somma in contanti di euro 70 ritenuti provento dell’attività di spaccio.
A Ruffano stesso provvedimento per un uomo di Supersano, 39enne, in possesso di 2 piante di cannabis indica dell’altezza di 90 centimetri. In casa aveva occultato, all’interno di un armadio nella camera da letto, un kit elettrico di lampade da coltivazione nonché materiale fertilizzante. Sostanza stupefacente e materiale per coltivazione sottoposta a sequestro.
Altro deferimento a Taviano dove un 19enne del luogo nascondeva in casa marijuana è hashish.
Per il reato di “raccolta e gestione illecita rifiuti e realizzazione discarica abusiva” invece i militari della Stazione Carabinieri di Melissano hanno deferito in stato di libertà un 50enne ed un 55enne. I Carabinieri hanno accertato che il primo, su esplicita richiesta del secondo proprietario superficie agricola situata quella zona industriale, aveva acconsentito, ripetutamente nel tempo, allo sversamento di rifiuti speciali pericolosi consistenti in lastre di eternit nonché diversi rifiuti non pericolosi, quale materiale plastico e ferroso vario, nonché scarti di natura edile. L’area di circa 600 mq è stata sottoposta a sequestro.
I militari della Stazione Carabinieri di Parabita hanno deferito un uomo residente a San Pietro in Lama che con il proprio furgone aveva realizzato, abusivamente, la raccolta a porta a porta di oli esausti privo di ogni autorizzazione prevista secondo norme vigenti in materia. L’automezzo è stato sottoposto a sequestro.Per evasione invece sono stati deferiti in stato di libertà dai militari delle competenti Stazioni Carabinieri:A Parabita un 55enne del luogo, poiché veniva accertato che lo stesso, sebbene sottoposto al regime degli arresti domiciliari, arbitrariamente usciva dalla propria abitazione;
a Taviano un 48enne del luogo poiché a seguito di controllo è stato accertata l’assenza del predetto dal luogo di detenzione domiciliare;
A Taurisano un 45enne del luogo poiché a seguito di controllo è stato accertata l’assenza del predetto dal luogo di detenzione domiciliare;
un 40enne del luogo poiché a seguito di controllo è stato accertata l’assenza del predetto dal luogo di detenzione domiciliare; a Racale i militari della locale Stazione Carabinieri hanno deferito in stato di libertà per il reato di “estorsione” un 45enne del luogo poiché ritenuto responsabile del reato in rubrica ascritto poiché costringeva la propria madre convivente a farsi consegnare la somma contante di euro 20,00 nonché il ciclomotore al fine di acquistare sostanza stupefacente.I militari della Stazione Carabinieri di Ugento hanno deferito in stato di libertà per “ricettazione” C.F. cl. 1981 di Melissano poiché a seguito di indagine hanno rinvenuto nella disponibilità della stessa un telefono cellulare risultato provento furto avvenuto in danno di un ventenne di Ugento La refurtiva è stata sottoposta a sequestro per la successiva restituzione avente diritto.A Racale i militari della locale Stazione Carabinieri hanno deferito in stato libertà per “furto in abitazione” R.D., cl. 1964, del luogo poiché, a seguito di indagini, hanno individuavano il predetto quale responsabile di un furto di vari attrezzi edili all’interno di una abitazione ubicata sempre in RacaleBen 7 persone sono state deferite in stato libertà per “rifiuto a sottoporsi ad accertamenti circa guida sotto alterazione sostanze alcoliche e stupefacenti”, poiché tutti, alla guida delle rispettive autovetture, in evidente stato alterazione psicofisico dovuto consumo sostanze stupefacenti e/o alcoliche, si sono rifiutati di sottoporsi ai previsti accertamenti sanitariSono state deferite in stato libertà per “guida sotto alterazione psicofisica corredata uso sostanze stupefacenti”:
n. 6 persone tra Racale, Ugento, Melissano e TavianoNel corso del servizio sono state segnalate alle Prefetture competenti per “uso non terapeutico sostanze stupefacenti” ai sensi dell’art. 75 del D.P.R. n. 309/1990 ben 13 persone di età compresa tra i 16 ed i 55 anni e sono stati sequestrati complessivamente 18 gr. di marijuana, 1 gr. di cocaina, 5,5 gr. di hashish.Nel corso dei controlli alla circolazione stradale sono state elevate n° 70 contravvenzioni amministrative per il mancato uso delle cinture di sicurezza dei veicoli.

Continua a Leggere

Alliste

Spintona e minaccia i Carabinieri: arrestato

L’uomo, resosi conto dell’arrivo dei militari per un controllo, aveva gettato…

Pubblicato

il

I Carabinieri di Casarano hanno arrestato per minaccia, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e detenzione abusiva di armi Santoro Alessandro, classe ’82, residente ad Alliste.

L’uomo, resosi conto dell’arrivo dei militari per un controllo, aveva gettato, nella speranza di farla franca, una pistola tipo revolver, calibro 11 priva di marca e matricola, all’interno del giardino adiacente alla propria abitazione.

Il trentasettenne di Alliste, convinto di poter eludere o far desistere i militari dal controllo ha minacciato e spintonato i militari.

L’arma recuperata è stata sottoposta a sequestro. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato  accompagnato presso la casa circondariale di Lecce su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Salento Truck

A Casarano il primo mega raduno di tir e camion per il trasporto delle merci

Pubblicato

il

Si terrà a Casarano la prima edizione di «Salento Truck».

Si tratta del primo mega raduno in provincia di Lecce di truck, ovvero camion per il trasporto delle merci.

Il primo settembre prossimo, numerosi tir ed autocarri provenienti da tutta Italia convoglieranno nella zona industriale, con punto di ritrovo in Contrada Botte.

L’iniziativa è promossa dall’Associazione Culturale «iFuture». L’obiettivo della manifestazione è quello di far incontrare imprenditori, autotrasportatori ed appassionati accomunati dall’interesse verso il mondo del truck. Sarà, dunque, una giornata proficua per lo scambio reciproco di idee, opinioni, esperienze e riflessioni al fine di favorire la crescita dell’intero settore, ma non solo.

Non mancheranno, infatti, le prove di abilità e le gare tra i vari mezzi di trasporto.

È previsto un grand prix, che vedrà i partecipanti sfidarsi alla guida di un trattore e semirimorchio, attraverso una prova temporizzata e ad ostacoli.

Seguirà la premiazione di coloro i quali saranno riusciti a completare lo slalom, registrando minori penalità.

È stata nominata, inoltre, una qualificata giuria che dovrà valutare i camion iscritti e premierà quelli più belli. La giuria è composta da Gianni Stefano, in qualità di sindaco di Casarano; Silvio Faggi, ex vicepresidente dell’Albo nazionale degli autotrasportatori; Alessandro Peron, direttore della Federazione italiana autotrasportatori professionali (Fiap service). I premi in palio sono stati suddivisi in più categorie: «Optimum Truck» verrà consegnato al proprietario del veicolo più bello in assoluto; «Aurum Truck» a quello più customizzato; «Matrona Truck» al veicolo più bello guidato da una donna; «Iter Truck» al veicolo che arriverà da più lontano; «Signum Truck» al veicolo più bello per marchio; «Artem Truck» al mezzo che risulterà decorato meglio; «Insigne» è la medaglia di partecipazione che sarà distribuita a tutti gli iscritti a questa prima edizione.

I principali protagonisti del mondo del trasporto, come Scania, Man, Volvo e tanti altri, porteranno nel Salento le ultime novità in tema di truck, con i nuovi modelli e i nuovi arrivi sul mercato e nelle concessionarie.

L’articolato programma di questa prima edizione è arricchito dagli spettacoli degli strongman e dagli sketch dei personaggi Enzo & Sal, direttamente dal palco di Made in Sud.

Sarà allestita un’area interamente dedicata allo street food, dove i visitatori potranno gustare panini e piatti della tradizione italiana ed americana, rivisitati secondo la filosofia dello street food. Buona parte degli introiti della manifestazione verrà devoluta in beneficenza. Per informazioni ci si può rivolgere all’Associazione Culturale iFuture, info@salentotruck.it

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus