Scoperta discarica di rifiuti pericolosi a Neviano

I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Gallipoli, nell’esecuzione di un servizio finalizzato alla tutela dell’ambiente, hanno individuato, a Neviano, un lotto di terreno agricolo di mq. 440 sul quale erano stati realizzati abusivamente circa 150 mq. di locali e tettoie adibiti ad uffici, deposito attrezzi e ricovero di automezzi, nonché un muro di cinta alto circa metri 3, lungo circa 30 metri lineari e largo circa 15. Gli accertamenti effettuati dalle Fiamme Gialle presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Neviano permettevano di accertare che detto terreno, classificato quale “seminativo”, apparteneva a tale C.S., 48 enne di Neviano, titolare di una ditta di movimento terra e non risultavano concessi permessi di costruire. Durante il sopralluogo eseguito dai finanzieri, è stato accertato anche che su detto terreno l’uomo aveva realizzato una discarica di rifiuti speciali pericolosi e non derivanti dalla demolizione e ristrutturazione di immobili (mattoni, piastrelle, plastica, cemento), detenendo numerose traversine in legno dei binari ferroviari, classificate quali rifiuti speciali pericolosi. Il proprietario del terreno è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria di Lecce per violazione alle norme sulla tutela dell’ambiente e sull’edilizia, mentre il lotto di terreno, le opere abusive ed il materiale inquinante sono stati sottoposti a sequestro. Su impulso della Guardia di Finanza di Gallipoli, sono stati interessati il Comune di Neviano e la Provincia di Lecce per l’avvio della procedura di bonifica del sito inquinato, l’abbattimento delle opere abusive ed il ripristino conseguente dello stato dei luoghi, a spese del proprietario del terreno, attraverso l’emissione di apposite ordinanze di demolizione e bonifica, sulla cui esecuzione ed attuazione pratica vigilerà la stessa Compagnia della Guardia di Finanza di Gallipoli.


Commenti

commenti