E’ l’ora della “Notte della Taranta”

Powered by WP Bannerize

Dodicesima edizione, da venerdì 7 a sabato 22 agosto, della “Notte della Taranta”, il più grande festival musicale dedicato al recupero e alla valorizzazione della pizzica salentina.

Con la consueta pausa del 15 agosto, la rassegna si svolgerà (con inizio alle 21,30) nelle piazze dei Comuni della Grecìa Salentina (Calimera, Carpignano, Castrignano dei Greci, Corigliano, Cutrofiano, Martano, Martignano, Soleto, Sternatia e Zollino) e di Alessano, Galatina e Cursi: tredici tappe prima dell’attesissimo appuntamento con il Concertone finale in programma a Melpignano sabato 22, dalle 19,30, nel piazzale dell’ex Convento degli Agostiniani, con L’Orchestra Popolare “La Notte della Taranta” che sarà diretta per la terza edizione consecutiva da Mauro Pagani (quest’anno con Mario Arcari assistente musicale), proponendo i brani classici della musica popolare salentina tra atmosfere world, venature jazz, suggestioni arabe, musica d’autore italiana e sonorità africane: sarà composta da 30 elementi tra musicisti (tamburelli, percussioni, batteria, basso, tastiere, fiati, chitarre, mandola, violini, viola, violoncello, organetto e fisarmonica) e cantanti (ancora una volta ospite dell’Orchestra Mimmo Epifani alla mandola).

La rete dei tredici concerti prenderà il via, come di consueto, da Corigliano (venerdì 7) con il concerto di Stella Grande e le Anime Bianche, Taranta Social Club e Compagnia di scherma salentina e Zimbaria. Il Festival ospiterà alcuni dei gruppi più rappresentativi della scena della pizzica salentina (Officina Zoè, Alla Bua, Tamburellisti di Torrepaduli, Arakne Mediterranea, Uccio Aloisi Gruppu, Ghetonia, Ariacorte, Zimbaria, Canzoniere Grecanico Salentino, Menamenamò, SalentOrkestra, Antonio Castrignanò, Enza Pagliara, Anna Cinzia Villani, Claudio Miggiano, Daniele Durante solo per citarne alcuni) e numerosi progetti speciali frutto delle collaborazioni sempre più frequenti tra i gruppi salentini di riproposta e musicisti di altra estrazione geografica e culturale.

Lunedì 10, a Cursi, Sam Karpienia, una delle voci più rappresentative della musica indipendente marsigliese, incontrerà i Mascarimirì di Claudio Cavallo Giagnotti, mescolando tradizioni musicali e innovazioni sonore. Il lungo percorso di ricerca e sperimentazione sul rapporto fra le musiche del Sud Italia e del Mediterraneo della Bandadriatica di Claudio Prima si fonderà, mercoledì 19 a Cutrofiano, con l’esperienza d’autore dei Radicanto e con la vocalità di Raiz per proporre cantiche sefardite e musica mediterranea di diversa provenienza africana ed europea.

Martedì 18, a Galatina, gli Ariacorte ospiteranno invece l’organettista sardo Totore Chessa e l’anziano suonatore di launeddas Luigi Lai. Nella stessa serata i Kamafei duetteranno con Alessia Tondo, Cesko e Puccia degli Apres La Classe, Edoardo Zimba, Uccio Aloisi. Canzone siciliana e salentina si confronteranno, lunedì 17 a Carpignano, sullo stesso palco con il 28enne Mario Incudine, considerato dalla critica un interprete capace di cantare in un modo nuovo la Sicilia “fra il cantastorie e il cantautore”, e il laboratorio etnico-musicale salentino Kalascima. I Malicanti, gruppo che esegue repertori tradizionali del mondo contadino del Salento e del Gargano, si confronteranno, giovedì 13 a Castrignano dei Greci, con A Paranza R’ O Lione, gruppo di ricerca e di recupero delle tradizioni musicali popolari e contadine del Centro e del Sud Italia e in particolare di quelle campane, nell’ambito del progetto Tamburi di Pietra. Nella stessa serata il Festival ospiterà il concerto di Daniele Durante.

Nella tappa di Cursi, sabato 8, che vedrà la partecipazione degli artisti selezionati dal concorso Note per la notte Rione Junno e Dj Bellezza e dei Transalento, andrà in scena “Taràn”, lo spettacolo di Maristella Martella che si ispira alle differenti danze italiane e mediterranee. Da segnalare, infine, il concerto dell’Ensemble La Notte della Taranta, che porterà in scena i momenti più significativi che hanno caratterizzato le edizioni del Festival dal 1999 al 2008. Durante il concerto si alterneranno momenti di grande poesia regalataci da Piero Milesi, a momenti di esplosione ritmica firmati da Stewart Copeland e Vittorio Cosma, passando per le sonorità tipicamente popolari e di grande impatto emotivo di Ambrogio Sparagna fino alla riproposta degli arrangiamenti world di Mauro Pagani. Il Festival si concluderà ad Alessano giovedì 20 con il concerto di Enza Pagliara, affiancata da Contadine e Trattoristi di Torchiarolo, Canzoniere Grecanico Salentino e Officina Zoè.

Tags:

Powered by WP Bannerize


Commenti

commenti