Connect with us

News & Salento

Fondi PSR, il Tar sospende la graduatoria regionale. Irregolari 3 su 4

Caroppo: “Pasticcio senza precedenti, gravi responsabilità della Giunta”

Pubblicato

il

Il Tar Puglia, considerato il fumus di fondatezza della domanda proposta dalle aziende escluse, ha sospeso la graduatoria regionale per l’assegnazione dei fondi PSR, perché 3 su 4 delle aziende selezionate dalla Regione Puglia non avevano i requisiti!

E’ un fatto mai accaduto prima, di estrema gravità, una figuraccia internazionale, che impatta su un piano nevralgico per il tessuto produttivo e occupazionale pugliese. Ed è assurdo che il Presidente Emiliano e Di Gioia oggi rivendichino quasi come una vittoria il pronunciamento del Tar: e chi ha fatto le graduatorie, Babbo Natale? O questa Giunta? Capisco che Emiliano sia tutto preso dalla smania di nominarsi consiglieri privati a decine di migliaia di euro l’anno (come con De Franchi, oggi nominato 5° consigliere personale del Presidente) ma esultare per una pronuncia che rivela una figuraccia clamorosa è davvero troppo.

Andrea Caroppo (C. Reg. Lega)

LA POSIZIONE DI DIREZIONE ITALIA/NOI CON L’ITALIA

PSR, DIT/NCI: IL TAR DECIDERA’ IL 4 DICEMBRE, MA LASCIA GIA’ INTENDERE CHE IL BANDO DELLA REGIONE E’ SCRITTO MALE

Dichiarazione congiunta dei quattro consiglieri regionali di Direzione Italia/Noi con l’Italia (Ignazio Zullo, Francesco Ventola, Luigi Manca e Renato Perrini)

 Già eravamo in ritardo ma ora non solo si dovrà attendere il 4 dicembre, ma dopo c’è il rischio che la Regione Puglia debba annullare e rifare tutto da capo.

Stiamo parlando delle misure di investimento delle aziende previste dal  Programma di Sviluppo Rurale, in soldoni, finanziamenti europei all’agricoltura pugliese che ha una graduatoria degli ammessi alla fase istruttoria che viene contestata nelle sedi amministrative. Oggi il Tar, al quale si erano rivolti alcuni esclusi (ricordiamo che le domande erano state oltre tremila, ma la coperta troppo corta aveva indotto la Regione ad avviare alla fase istruttoria solo le prime 652), ha deciso di rimandare nel merito la sentenza. Ma nel frattempo si sono aggiunti altri esclusi, perché dei 652 il 73% non è stato considerato ammissibile. Anzi, l’assessore Di Gioia aveva usato parole forti considerandoli furbetti che avrebbero voluto approfittare del bando per stillare soldi alla Regione.

La verità è che il bando era scritto talmente male e con maglie talmente ampie che ha prodotto un grande pasticcio! E non lo pensiamo solo noi: i giudici del Tar oggi, nel rinviare tutto al 4 dicembre, lo fanno intuire: “ritenuto che le risultanze dell’espletanda istruttoria confermino la lamentare illogicità delle modalità di selezione di cui si tratta”. Insomma, il bando era scritto in maniera non logica… Se non peggio, con i piedi!

Cronaca

Ubriaco e contromano: un morto sulla statale

Pubblicato

il

Un uomo è morto e due sono rimasti feriti in un incidente stradale provocato da un carabiniere forestale che, ubriaco, a bordo di una vettura Bmw, ha imboccato contromano la statale 613 Lecce-Brindisi percorrendola per oltre 10 chilometri. Lo scontro è avvenuto alle 4.30. L’auto su cui viaggiava il carabiniere si è scontrata frontalmente con una Renault Clio con a bordo un uomo di 59 anni, Desiderio Serio, di San Donaci (Brindisi), e un suo amico, che stavano rientrando a casa dopo aver trascorso la serata in un locale a Lecce. Serio è morto, mentre l’amico è rimasto ferito così come il carabiniere di 34 anni, di Brindisi in servizio come forestale a Matera. Le condizioni dei due feriti non sono gravi. Il carabiniere é risultato positivo al test alcolemico a cui é stato sottoposto in ospedale. La sua posizione è al vaglio degli inquirenti. Si stanno vagliando i filmati delle telecamere dell’Anas. La strada è rimasta a lungo chiusa al traffico

Continua a Leggere

Attualità

Popoli in Puglia, dal Gargano a Leuca una terra di passaggio

L’intento è quello di far conoscere ai giovani i diversi popoli e la pluralità di lingue e culture che vivono insieme pacificamente nel territorio pugliese

Pubblicato

il

Venerdì 04 ottobre 2019, alle ore 12.00, presso l’Istituto Comprensivo Polo 3 di Galatina, verrà presentato il progetto “Popoli In Puglia” ideato dall’associazione Espressioni e sostenuto dal Consiglio Regionale della Puglia.

Il progetto racconta della Puglia, dal Gargano a Santa Maria di Leuca, quale terra di frontiera e di passaggio, la cui posizione geografica la pone, in passato e nel presente, come fulcro fondamentale di comunicazione tra l’Occidente e l’Oriente, tra il Nord dell’Europa, il continente africano e il Medioriente.

“Popoli in Puglia” fa conoscere ai giovani i diversi popoli e la pluralità di lingue e culture che vivono insieme pacificamente nel territorio pugliese, in una “convivenza civile” frutto delle norme che regolano gli aspetti della vita, ma anche di un’educazione al valore del rispetto dell’umanità, all’abbraccio degli esseri umani che si trovano in condizioni di debolezza e svantaggio, alla comprensione delle ragioni dell’altro.

Da queste premesse l’impegno dell’Assessorato all’Istruzione della Regione Puglia alla promozione e alla conoscenza dell’identità del popolo pugliese e alle culture presenti per comprendere la profondità e la ricchezza che la contaminazione di idee può produrre. Conoscere rappresenta la via privilegiata per l’incontro di culture e il superamento della paura verso l’altro, per una società civile orientata all’accoglienza e dell’integrazione.

Durante la presentazione sarà distribuito agli studenti delle scuole secondarie di primo grado l’omonimo volume “Popoli in Puglia”, rientrante nella linea editoriale LEGGI LA PUGLIA del Consiglio Regionale della Puglia, scritto da Alessandra Caragiuli ed edito da Espressioni associazione di sviluppo territoriale dedita ad attività di sensibilizzazione e crescita culturale.

Alla presentazione interverrà l’Assessore alla formazione e lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo, Paolo Pellegrino Consigliere Regionale e l’autrice Alessandra Caragiuli. Ingresso è libero e gratuito.

Continua a Leggere

Cronaca

Spaccio di cocaina: fermato 29enne

Sostanza e materiale atto alla preparazione delle dosi: in arresto uomo di Poggiardo

Pubblicato

il

Arresto in flagaranza di reato nella giornata ieri, venerdì 13 settembre, a Poggiardo.
I carabinieri hanno fermato M. G. B., 29enne del posto, per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.
Il fermo è arrivato dopo una perquisizione personale e domiciliare nella quale i militari hanno rinvenuto 6 involucri contenenti 24 grammi circa di cocaina, oltre a sostanza da taglio, bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi.
Sottoposto il tutto a sequestro, i carabinieri hanno portato il 29enne presso la casa circondariale di Lecce dove ora è stato lasciato nella disposizione dell’autorità giudiziaria.
Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus