Furto gommone a Otranto, presi anche i complici

Lo scorso 5 novembre, un uomo proprietraio di un gommone, aveva segnalato al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Lecce, il furto della propria imbarcazione, indicando anche la presumibile posizione in mare, al largo della costa otrantina.

In quell’occasione, poche ore dopo, una unità navale delle Fiamme Gialle di Otranto intercettava, nelle acque antistanti San Cataldo (LE), un gommone corrispondente alle caratteristiche descritte dal denunciante, con a bordo M. M., queste le sue iniziali, di 63 anni, pregiudicato.

L’uomo veniva tratto in arresto in flagranza di reato per furto aggravato e il gommone restituito al legittimo proprietario.

All’esito degli immediati accertamenti di polizia giudiziaria, tuttavia, i finanzieri della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Otranto hanno appurato che M.M. aveva agito insieme a due complici.

In seguito a serrate indagini disposte dalla Procura della Repubblica di Lecce, dunque, i militari del Corpo, avvalendosi di specifiche tecniche investigative, compresa l’analisi delle immagini del sistema di videosorveglianza portuale di Otranto, ricostruivano quanto accaduto nella notte tra il 4 ed il 5 novembre 2017,  riuscendo ad identificare anche i due complici mancati all’appello: A. A. di anni 30 e A.N. di anni 36, entrambi pluripregiudicati di Bari.

I tre uomini, a conclusione delle indagini, sono stati deferiti agli arresti domiciliari presso le rispettive residenze e saranno ora chiamati a rispondere del reato di furto aggravato in concorso.


Commenti

commenti