“La rivolta delle tabacchine”: Tricase ricorda i suoi caduti

La Città di Tricase è tornata stamani a commemorare i Caduti del 15 maggio 1935.

Una data importante, in cui ricorre l’anniversario di quella che Giuseppe Di Vittorio definì “la rivolta di Tricase”, uno sciopero di operaie tabacchine e oprerai a difesa del proprio lavoro. Uno sciopero che in pieno fascismo assume un significato ancora più profondo, dal momento che una simile azione popolare all’epoca era assolutamente illegale.

Ed infatti si trattò di un atto di coraggio che finì in tragedia, con un bilancio di cinque morti, decine di feriti e oltre 50 arresti.

Oggi si è voluto dare memoria a quell’evento con una celebrazione in piazza Pisanelli, alla quale hanno preso parte, il Sindaco Avv. Carlo Chiuri insieme agli amministratori comunali e una delegazione del Liceo Statale “G. COMI” di Tricase guidata dal Prof. Giovanni Carità.


Commenti

commenti