Connect with us

Lecce

Lecce: il degrado di via Romagna e la proposta 5 Stelle

“Nessuna risposta alla ostra proposta per l’adesione al progetto decoro urbano www.decorourbano.org. Attraverso tale strumento, completamente gratuito per Ente e cittadini, è possibile segnalare discariche abusive, strade malandate, degrado di zone verdi, vandalismo, affissioni abusive ecc.

Pubblicato

il

Decoro Urbano a Lecce: il MoVimento 5 Stelle fa sentire la sua voce.  “Il 12 Settembre scorso”, dicono, “abbiamo protocollato presso il Comune di Lecce una nostra proposta per l’adesione al progetto decoro urbano www.decorourbano.org. Attraverso tale strumento, completamente gratuito per Ente e cittadini, è possibile segnalare discariche abusive, strade malandate, degrado di zone verdi, vandalismo, affissioni abusive ecc. La segnalazione avviene attraverso uno smartphone che automaticamente invia la posizione GPS del problema segnalato ad un software offerto in dotazione gratuitamente all’Amministrazione pubblica e che servirà a monitorare lo stato di risoluzione del problema, in maniera del tutto trasparente.  Nel frattempo, il nostro gruppo è stato ricevuto dal Presidente del Consiglio Comunale, dott. Alfredo Pagliaro, che ha chiesto lumi circa altre istanze presentate e che risultano a tutt’oggi inevase.  L’incontro, durante il quale ci è stato garantito l’interessamento del Presidente circa le nostre istanze, ha evidenziato che la proposta di adesione a decoro urbano non è stata né evasa, né presa in considerazione dagli uffici preposti”.

Dal MoVimento 5 Stelle fanno notare che “a tutt’oggi i cittadini, attraverso il nostro portale www.lecce5stelle.it, ci stanno segnalando una serie di situazioni di degrado che abbiamo deciso di pubblicare, in attesa che la nostra amministrazione provveda a fornire uno strumento più adeguato, gratuito e degno di una smart city. Chiaramente sarà nostra cura seguire i passi dell’amministrazione volti a risolvere di volta in volta le situazioni di degrado segnalate. La prima segnalazione, in ordine di tempo, ci viene da un gruppo di cittadini, genitori di bambini che frequentano la scuola materna e quella elementare del IV circolo di via Cantobelli. Il IV Circolo, oltre all’ingresso di via Cantobelli, consente ai genitori di far affluire i propri bambini al plesso scolastico, anche da un secondo ingresso, situato in via Romagna, nei pressi della centrale Telecom. Questa via, ci viene segnalato, ogni sera è preda di atti di vandalismo da parte di gruppi di ragazzi che nel tempo hanno divelto a volte le inferriate della scuola, altre volte bivaccato financo lasciando i resti di un falò,
o incendiato sgabelli

ed anche sono stati ritrovati i resti lasciati da tossicodipendenti
che evidentemente nel totale abbandono dell’area trovano il luogo ideale per svolgere le proprie attività. Inutile dire che lo spettacolo che si presenta quotidianamente agli occhi dei genitori ma soprattutto la pericolosità, per i bambini, degli oggetti che si trovano nei pressi dell’ingresso richiedono un pronto intervento da parte dell’Amministrazione Comunale attraverso la messa in sicurezza dell’area, o con l’installazione di telecamere di sorveglianza o attraverso la chiusura notturna della stessa strada. Garantiamo ai cittadini che ci hanno segnalato questa situazione”, concludono dal MoVimento, “il nostro impegno nel seguire lo sviluppo della vicenda e pubblicheremo la soluzione che l’Amministrazione adotterà, in attesa dell’adozione della piattaforma di decorourbano.org”.

Continua a Leggere

Cronaca

Infarto in spiaggia: bimba salva per miracolo

In ospedale assieme a lei anche 50enne che ha accusato malore assistendo alla scena

Pubblicato

il

Ha un lieto fine la storia di una piccola bambina di appena un anno e mezzo colpita da infarto oggi in spiaggia.

La bimba era in braccio al suo papà, in località Spiaggiabella, sulla costa leccese, quando si è improvvisamente accasciata.

Il pronto intervento le ha salvato la vita. È stata soccorsa subito da un medico, un uomo originario del Bangladesh che si trovava sul posto, per poi essere accompagnata al Vito Fazzi di Lecce dopo l’arrivo del 118.

Con lei, poco dopo, un 50enne che assistendo alla scena ha, a sua volta, accusato un malore.

Anche per lui fortunatamente nessuna grave conseguenza.

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Beve detersivo per lavastoviglie al bar, vivo per miracolo

Ora i responsabili di quell’episodio, T.M, 39 anni e R.F. di 24anni, sono stati raggiunti dall’avviso di conclusione delle indagini

Pubblicato

il

Era il 18 gennaio scorso quando S.S. di Castrignano del Capo, chiese,  al bar, un bicchiere d’acqua per inghiottire una pastiglia.

Per errore gli venne servito del detersivo per lavastoviglie. L’uomo stette subito male e venne accompagnato d’urgenza in ospedale, a Tricase, dove fu sottoposto a un delicato intervento chirurgico e gli venne asportato lo stomaco.

Ora i responsabili di quell’episodio, T.M, 39 anni e R.F. di 24anni, sono stati raggiunti dall’avviso di conclusione delle indagini (dal magistrato inquirente Donatina Buffelli), per il reato di lesioni personali gravissime.

Dopo mesi di degenza il 28enne sta bene tanto che il prossimo ottobre convolerà a nozze.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Il soul di J.P. Bimeni & The Black Belts sbarca nel Salento

Stasera sul palco del Chiostro dell’ex Convento dei Teatini a Lecce anche il Gabriele Poso Organik Trio a Lecce per il Sud Est Indipendente

Pubblicato

il

Dopo l’esibizione sul palco del Jova Beach Party di Jovanottistasera (ore 21,30 – ingresso 17 euro + dp) il soul man africano J.P. Bimeni sarà sul palco del Chiostro dell’ex Convento dei Teatini di Lecce con il suo progetto The Black Belts per il Festival Sud Est Indipendente. In apertura il percussionista e polistrumentista Gabriele Poso Organik Trio.

Jp Bimeni

Discendente di una famiglia reale burundese, J.P. Bimeni lascia il suo paese all’età di 15 anni durante la guerra civile e ottiene lo status di rifugiato politico in Gran Bretagna. Il cantante sorprende con una voce che ricorda quel soul del primo Otis Redding, in cui risuona l’anima dell’Africa. Le sue canzoni parlano di amore e perdita, speranza e paura, con una convinzione che arriva dalle esperienze straordinarie con cui la vita lo ha messo alla prova.

Nel disco d’esordio “Free Me”, alle jam funk si susseguono profonde ed accorate ballad provenienti dal southern soul, con un’atmosfera unica presente in tutto questo capolavoro, grazie a quel suo edificante stile africano.

Il fatto che Bimeni abbia vissuto un’esistenza fuori dall’ordinario e viva per raccontare questa storia rende queste canzoni ancora più significative. “Non torno in Burundi dal 2015“, racconta il cantante. “Ora ho una famiglia, dei figli, e per ora non mi sento sicuro di andarci per via delle tensioni politiche in atto, delle rivolte… e del presidente Pierre Nkurunziza che rimane aggrappato al potere. Non escludo però un giorno di organizzare lì un festival con i migliori talenti locali“.

Gabriele Poso Organik Trio

Gabriele Poso è un artista con una forte visione spirituale e musicale.

Virtuoso delle percussioni, polistrumentista e direttore della Yoruba Soul Orchestra per il dj e produttore vincitore di un Grammy Award, Osunlade, Gabriele è nato in Sardegna ed è salentino d’adozione, ma l’incessante passione per la musica lo ha portato ad espandere i propri orizzonti musicali: da Roma a Porto Rico, da Cuba a Berlino. Tra i suoi sostenitori più illustri, Gilles Peterson che ne ha inserito alcune tracce nel suo The International Worldwide Show e altri show internazionali.

L’ultimo album “Awakening” (BBE Records), arriva dopo la nascita del primo figlio e segna una svolta dal punto di vista personale e artistico, con maggiori libertà espressiva e maturità compositiva.

Nel Salento prosegue, infatti, il Sud Est Indipendente, festival firmato da CoolClub con la direzione artistica di Cesare Liaci, sostenuto dal Fus – Fondo Unico per lo spettacolo del Mibac e dalla Regione Puglia (Avviso pubblico per lo Spettacolo e le Attività culturali FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia), con il sostegno di B94Vestas Travel Candido 1859 in collaborazione con i Comuni  di Corigliano d’OtrantoLecce e CastroIndie PrideCoreACoreRadioWau e altri partner pubblici e privati. Dopo la residenza artistica “ReSound“ con Lee Ranaldo, Leah Singer, Patrick Watson e molti altri musicisti pugliesi, il concerto dei Giant Sand, le quattro serate di musica e incontri a Corigliano d’Otranto (con, tra gli altri, Diaframma, La rappresentante di Lista, Any Other, Finn Andrews, Contini, Be Forest, Lucia Manca, Dimartino, La Batteria), Sergio CammeriereGabriele Poso Organik Trio e J.P. Bimeni & The Black Belts  i prossimi appuntamenti ospiteranno Joan as Police Woman (5 agosto al Castello Volante di Corigliano d’Otranto), la presentazione del volume “Come spiriti adolescenti. 25 scrittori per Kurt Cobain” (9 agosto al Molly Malone di Lecce), Calcutta con Giorgio Poi e Margherita Vicario (10 agosto al Campo Sportivo di Locorotondo nell’ambito del Locus Festival), il Faber Ensemble con un omaggio a Fabrizio De André (11 agosto nell’ex Convento dei Teatini di Lecce in collaborazione con Festinamente e il Comune di Lecce), Franco126 (12 agosto nell’Arena Live di Serranova, frazione di Carovigno, in collaborazione con Torre Regina Giovanna e Sottosopra Fest). Purtroppo è stato invece annullato il concerto di Beirut previsto per il 21 agosto a Gallipoli.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus