Lidi sequestrati a Pescoluse: procura concede ai proprietari di mettersi in regola

Pescoluse (marina di Salve). Potranno tirare un sospiro di sollievo i due lidi “Bossanova” e Sunrise” che alcune settimane fa erano stati posti sotto sequestro da parte dei carabinieri del Noe (Nucelo Operativo Ecologico).

I militari si erano visti costretti ad applicare i sigilli, in quanto erano state riscontrate varie anomalie tra cui la realizzazione di pavimentazioni ed altre opere con l’impiego di materiale cementizio anziché con legno e/o materiale permeabile, in una zona notoriamente sottoposta a vincolo paesaggistico.

La stagione estiva, però, pare non sarà del tutto compromessa.

I magistrati che si sono occupati della vicenda, hanno infatti concesso ai proprietari delle strutture di effettuare dei lavori di risanamento, eliminando gli abusi e adeguando gli stabilimenti alla normativa vigente.

In particolare, i giudici per le indagini preliminari Vincenzo Brancato ed Alcide Maritati , hanno stabilito che dovranno essere i militari del Noe a visionare i lavori e ad inviare ai magistrati un’apposita relazione alla fine delle operazioni, tramite la quale verrà stabilito se i due lidi potranno o meno essere dissequestrati. Sarà poi il processo eventualmente a fare ulteriore chiarezza.

I lavori inizieranno immediatamente.

Importante decisione quella della procura, che ha tenuto conto di due fondamentali interessi: quello ambientale e quello economico.


Commenti

commenti