Connect with us

News & Salento

Mandurino: “Le vacanze non si toccano!”

Pubblicato

il

È tempo di vacanze. La crisi economica non scoraggia i vacanzieri. L’estate frena la crisi, come dire che la gente non rinuncia alle vacanze. L’indagine di Unioncamere-Isnart, realizzata in collaborazione con l’Osservatorio Nazionale del Turismo, dimostra che, rispetto al 2008, il numero di nostri connazionali che trascorrerà un periodo di ferie nel corso dei mesi estivi (circa 26 milioni) è stabile. Per la vacanza estiva, gli italiani dichiarano di aver previsto una spesa media di circa 889 euro per le località nazionali e di circa 1.223 euro per quelle all’estero. Si stima, dunque, una spesa complessiva degli italiani per l’estate 2009 di 25,7 miliardi di euro, di cui 16,3 miliardi in Italia e 9,4 miliardi all’estero.

Le destinazioni italiane più gettonate sono: Sicilia (9,9%), Puglia (9%), Emilia Romagna (8,6%), Toscana (8,1%) e Sardegna (7,8%); all’estero, in cima alla classifica si pongono Spagna (1,2 milioni), Francia (985 mila) e Grecia (909 mila). In Puglia, i successi migliori, secondo l’Associazione dei consumatori Telefonoblu, confermano ancora una volta il Gargano e il Salento le perle turistiche in forte crescita negli ultimi tre anni. Una fetta di turisti, circa 4,8 milioni, sceglierà la “vacanza verde” a contatto con la natura e la campagna, i parchi verdi e le oasi naturalistiche. L’agriturismo, secondo Coldiretti, si conferma una delle mete preferite dagli italiani, con un fatturato che supererà nel 2009 il valore di un miliardo raggiunto lo scorso anno. Il weekend nel verde è favorito in Italia. L’Osservatorio di Telefonoblu registra che i pugliesi in vacanza questa estate saranno circa 350mila con una media di almeno dieci giorni (due giorni in più rispetto al 2008).

La provincia di Bari e la Bat saranno le più attive con circa un terzo degli spostamenti. Poi c’è Lecce (19%), Taranto (17%), Brindisi (18%). Meta preferita si conferma ancora una volta il mare con oltre il 67% delle preferenze. È il bollettino dell’ottimismo. D’estate, la gente dimentica la crisi. “È  un po’ presto”, afferma Stefania Mandurino, commissaria dell’Apt di Lecce, “per fare un bilancio, in quanto non abbiamo ancora gli elementi quantitativi. Va ricordato, però, che il 2008 ha registrato una notevole crescita. I primi cinque mesi del 2009, di cui non abbiamo ancora i dati definitivi, sono positivi rispetto agli altri anni. Per noi questo è sicuramente un motivo di orgoglio in un momento di difficoltà  e di crisi internazionale. In particolare, in Italia il turismo è un settore che sta soffrendo un calo dei consumi complessivi, in aggiunta a una perdita della competitività dell’Italia rispetto ad altre destinazioni. In tutto questo la Puglia, ed il Salento in particolare, vengono considerati un po’ come le destinazioni in controtendenza. Questo è dimostrato nei primi cinque mesi. Giugno è partito abbastanza bene.

Poi si è registrato un rallentamento dovuto agli sbalzi climatici. Luglio è stato come sempre un mese di riconferme. Per agosto ci si aspetta un momento di recupero pieno. Quello che è sotto gli occhi di tutti è che l’appeal nel Salento c’è. Il Salento va di moda. Di Puglia e Salento si parla regolarmente sui giornali. È recente l’indagine di Unioncamere-Isnart secondo cui gli italiani preferiscono come mete delle vacanze la Sicilia e la Puglia. Regolarmente si legge che le nostre spiagge risultino essere le preferite per la qualità del mare, dei prezzi, sicuramente concorrenziali rispetto ad altre destinazioni. Quindi, anche il turismo balneare sembra tenere. Si parla molto”, continua la Mandurino, “di destagionalizzazione. I percorsi di crescita ci sono, infatti, anche nei periodi di bassa stagione, registrando numeri interessanti. Dobbiamo anche ricordare che il nostro segmento più interessante e più importante è quello del turismo balneare, un qualcosa su cui lavorare per migliorare l’offerta complessiva. Paradossalmente, nonostante l’Italia abbia splendide coste e mari favolosi, è da sottolineare come il turismo balneare sia quello che soffre di più a causa della presenza di competitor molto forti, che hanno fatto sì che i nostri mercati più tradizionali come la Germania o la Francia abbiano scelto magari Croazia, Grecia, Turchia e Tunisia. Tutte queste destinazioni emergenti, che si stanno sempre più consolidando, sono delle destinazioni preferite all’Italia.

Ecco perché sul balneare non si può cedere. Il Salento”, conclude Stefania Mandurino, “sembra stia vivendo un momento di crescita: questo potrebbe essere dovuto alla capacità di riuscire a valorizzare la ricchezza del nostro territorio. Noi siamo una terra baciata dalla fortuna, dalla natura e dalla storia; una terra che ha delle ricchezze inestimabili dal punto di vista ambientale e paesaggistico, culturale, della tradizione, con una capacità abbastanza naturale di valorizzarle non solo per fini turistici. Ciò che fa la differenza è il senso dell’ospitalità e dell’accoglienza dei salentini: la naturalezza, la spontaneità e la genuinità dei salentini piacciono molto al turista”. Insomma, il Salento soffre un po’ meno di altri territori la crisi economica.

Cristina Pacella

News & Salento

Malore in riva al mare: paura per turista

Sirene spiegate a Porto Miggiano: necessario un doppio intervento, di 115 e 118, per salvare un bagnante

Pubblicato

il

Pomeriggio movimentato in riva al mare a Santa Cesarea Terme.

Nella gettonata località di Porto Miggiano un turista è stato colto da un malore nelle acque in prossimità dell’imboccatura del porticciolo.

Attorno alle 17e30 i presenti hanno immediatamente richiesto l’intervento di una ambulanza, accorsa sul posto col sostegno del 115. Per recuperare il malcapitato è stato infatti necessario l’intervento dei vigili del fuoco, giunti dal Distaccamento di Tricase. Questi, hanno poi consegnato l’uomo ai sanitari del 118 che hanno ultimato le procedure di soccorso e scongiurato il peggio.

Fortunatamente il pronto intervento dei soccorritori ha riportato in breve la situazione alla normalità.

Continua a Leggere

News & Salento

Estorce denaro alla madre e morde carabiniere

Dopo aver aggredito la mamma 63enne, un 27enne di Corsano si oppone ad un carabiniere azzannandolo: arrestato

Pubblicato

il

Si avventa contro la madre prima e contro un carabiniere poi: finisce in manette un 27enne di Corsano, Giacomo Augusto Spinola.

Il ragazzo aveva aggredito più volte la madre 63enne, rea di non avergli consegnato del denaro contante. Più volte il giovane aveva provato (ed era spesso anche riuscito) a spillarle dei soldi, finendo in più occasioni per aggredirla fisicamente e costringendo la donna a rivolgersi al pronto soccorso.

La triste vicenda si è conclusa con un tutt’altro che tranquillo intervento dei carabinieri. Alla vista degli uomini dell’Arma infatti Spinola non si è contenuto, balzando anzi addosso ad un militare e mordendolo ad un avambraccio.

Per il carabiniere nessuna conseguenza grave, se non la necessità di qualche medicazione. Per il 27enne invece è scattato l’arresto in flagranza di reato.

Continua a Leggere

Galatina

Monumento all’aviatore, firmata la convenzione

“Finalmente si realizza un sogno”, dichiara il Colonnello Alberto Surace

Pubblicato

il

Il presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva e il Comandante del 61º Stormo dell’Aeronautica Militare, Colonnello Alberto Surace, hanno firmato ieri a Palazzo Adorno a Lecce la convenzione che consentirà la realizzazione di un Monumento all’Aviatore all’interno della rotatoria ubicata lungo la strada provinciale 362 Lecce-Galatina, all’intersezione con il Viale dell’Aeronautica, nonché la cura e la manutenzione delle aiuole isole spartitraffico e centrale presenti in quella sede.

Finalmente si realizza un sogno”, dichiara il Colonnello Alberto Surace. “La base aerea di Galatina, e parlo anche a nome di chi mi ha preceduto, ha accolto l’iniziativa della Provincia con grande entusiasmo e soddisfazione, vorrei dire anche con un pizzico di orgoglio: ogni volta infatti che un simbolo dell’Aeronautica Militare trova collocazione tra la gente è per tutti noi un’occasione per dare risalto alla presenza della base aerea sul territorio salentino e consolidare i già eccellenti rapporti con i cittadini e le istituzioni locali”.

Il presidente Stefano Minerva sottolinea: “Con questo atto la Provincia di Lecce esprime tutta la sua gratitudine nei confronti dell’Aeronautica Militare per il lavoro quotidiano che svolge. Il Monumento all’Aviatore sarà proprio questo: il simbolo del legame fra i cittadini del Salento e uno dei centri di addestramento e di eccellenza più importanti  del mondo”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus