Non fate torto a Gianmarco

Powered by WP Bannerize

Se c’è un fenomeno, tra i tanti, che sta caratterizzando il nostro tempo, questo è sicuramente il volontariato. Lo spirito di questo fenomeno è veramente alto: è un’attività libera e gratuita, svolta per ragioni private e personali che possono essere di solidarietà, di giustizia sociale, di altruismo o di qualsiasi altra natura. Generalmente è rivolta a persone che si trovano in difficoltà, ma può anche essere rivolta alla tutela della natura e degli animali o alla conservazione del patrimonio artistico e culturale.

Uno dei suoi ingredienti fondamentali è sicuramente la spontanea volontà dei cittadini che cercano così di contribuire alla risoluzione di problemi non risolti, o non affrontati, o mal gestiti dallo Stato o dalla società. Ma, come in ogni cosa o attività fatta dall’uomo, non tutto è lucente, pulito ed ordinato così come nella teoria. Capita così che Gianmarco, ragazzo dolcissimo, 17enne affetto da tetraparesi spastica, sia titolare di un buono emesso dalla Provincia di Lecce, che gli avrebbe dovuto consentire di prender parte ad un campo estivo organizzato dall’Associazione “Il Sole” di Taurisano.

Gianmarco, purtroppo, non è in grado di fare quasi nulla senza l’aiuto diretto di un assistente, compreso quindi anche quando si parla di esigenze “intime”. Teoricamente il bando della Provincia contemplerebbe anche situazioni come questa, prevedendo la possibilità di concordare con la struttura la partecipazione della madre di Gianmarco, che, dal canto suo, ha provveduto a farne formale richiesta nei tempi e nei modi previsti dal bando stesso. Immaginate quindi la scena: arriva il primo giorno del campo estivo, Gianmarco e la madre si preparano ed aspettano il pulmino; il pulmino arriva ma… il solerte e zelante autista vieta alla madre di Gianmarco di salire a bordo perché “non prevista” (ed avrebbe anche avuto da ridire sulla carrozzina, che avrebbe preferito fosse stata del tipo elettrico per consentirne così un trasporto più comodo senza l’impiccio di doverla fissare).

A questo punto appare evidente l’inadeguatezza del servizio offerto dall’Associazione “Il Sole”, afferma in una nota ufficiale la dott.ssa Francesca Nicoletti del Tribunale dei Diritti del Malato, “questa struttura non solo non è stata in grado di attuare tutte le condizioni del bando, non consentendo alla madre di partecipare al campo, ma ha anche reso un servizio non adeguato poiché non ha messo a disposizione degli utenti un pulmino sufficientemente attrezzato”. In tutta questa storia, che ovviamente lascia il solito amaro in bocca che si avverte quando si ha a che fare con simili faccende, non sappiamo tra l’altro che fine abbia fatto quel buono della Provincia, e cioè se l’Associazione “Il Sole” lo abbia comunque incassato; non sarà stata sicuramente una cifra eclatante, però, come dire, sarebbe una questione di buon gusto evitarne quantomeno la riscossione.

Ma se dietro le necessità di chi soffre ogni giorno si verificano episodi spiacevoli come questo, che rischiano di minare la credibilità del movimento del volontariato, c’è anche chi, veramente in maniera gratuita, offre i propri servizi da anni e senza risparmiare in disponibilità e spirito di abnegazione. Sono certamente tanti, così come sono tante le Associazioni. Tra tutte, parliamo dei volontari della Croce Rossa, uomini e donne comuni. A Casarano sono oltre un centinaio e operano in un preziosissimo affiancamento alla struttura ospedaliera del “Ferrari”.

Il loro presidente è il prof. Giacinto Pettinati, già primario della Divisione di Cardiologia dello stesso Ospedale, mentre chi li coordina è l’ispettore Alessandro Valeri, ex Colonnello Pilota dell’Aeronautica Militare, che da quando non indossa più la divisa opera senza sosta in questo settore. Accanto ed intorno a loro, come detto, uomini e donne che sacrificano il proprio tempo libero e che indossano la tuta azzurra invece che andare a fare shopping. Come Antonio Malerba, uno tra i primi del gruppo e sicuramente quello che ha prestato più ore di servizio. Lui è di Supersano e di mestiere fa l’operaio in un’azienda di servizi, ma dal 2005 ha deciso di dedicare buona parte della sua vita al volontariato. Sposato e con un figlio, in questi pochi anni ha prestato qualcosa come 2.700 ore di servizio, compresi festivi e “super festivi”, intervenendo con la stessa passione e disponibilità tanto negli incidenti, quanto nelle calamità, impiegando anche giorni dalle proprie ferie pur di riuscire ad essere sempre in prima linea. Oggi, in quest’articolo, dopo aver parlato delle disavventure di Gianmarco, non vogliamo tracciarvi il profilo di un eroe, ma solo quello di un simpatico omone di 40 anni che, come molti suoi colleghi e colleghe, crede nel servizio quotidiano e gratuito al proprio prossimo, contribuendo a realizzare… l’altro volto del volontariato, quello sano, lontano dai tornaconto economici, quello a cui tutti noi dobbiamo dire: Grazie!

Antonio Memmi

Tags:

Powered by WP Bannerize


Commenti

commenti