Connect with us

Casarano

Non fate torto a Gianmarco

Pubblicato

il

Se c’è un fenomeno, tra i tanti, che sta caratterizzando il nostro tempo, questo è sicuramente il volontariato. Lo spirito di questo fenomeno è veramente alto: è un’attività libera e gratuita, svolta per ragioni private e personali che possono essere di solidarietà, di giustizia sociale, di altruismo o di qualsiasi altra natura. Generalmente è rivolta a persone che si trovano in difficoltà, ma può anche essere rivolta alla tutela della natura e degli animali o alla conservazione del patrimonio artistico e culturale.

Uno dei suoi ingredienti fondamentali è sicuramente la spontanea volontà dei cittadini che cercano così di contribuire alla risoluzione di problemi non risolti, o non affrontati, o mal gestiti dallo Stato o dalla società. Ma, come in ogni cosa o attività fatta dall’uomo, non tutto è lucente, pulito ed ordinato così come nella teoria. Capita così che Gianmarco, ragazzo dolcissimo, 17enne affetto da tetraparesi spastica, sia titolare di un buono emesso dalla Provincia di Lecce, che gli avrebbe dovuto consentire di prender parte ad un campo estivo organizzato dall’Associazione “Il Sole” di Taurisano.

Gianmarco, purtroppo, non è in grado di fare quasi nulla senza l’aiuto diretto di un assistente, compreso quindi anche quando si parla di esigenze “intime”. Teoricamente il bando della Provincia contemplerebbe anche situazioni come questa, prevedendo la possibilità di concordare con la struttura la partecipazione della madre di Gianmarco, che, dal canto suo, ha provveduto a farne formale richiesta nei tempi e nei modi previsti dal bando stesso. Immaginate quindi la scena: arriva il primo giorno del campo estivo, Gianmarco e la madre si preparano ed aspettano il pulmino; il pulmino arriva ma… il solerte e zelante autista vieta alla madre di Gianmarco di salire a bordo perché “non prevista” (ed avrebbe anche avuto da ridire sulla carrozzina, che avrebbe preferito fosse stata del tipo elettrico per consentirne così un trasporto più comodo senza l’impiccio di doverla fissare).

A questo punto appare evidente l’inadeguatezza del servizio offerto dall’Associazione “Il Sole”, afferma in una nota ufficiale la dott.ssa Francesca Nicoletti del Tribunale dei Diritti del Malato, “questa struttura non solo non è stata in grado di attuare tutte le condizioni del bando, non consentendo alla madre di partecipare al campo, ma ha anche reso un servizio non adeguato poiché non ha messo a disposizione degli utenti un pulmino sufficientemente attrezzato”. In tutta questa storia, che ovviamente lascia il solito amaro in bocca che si avverte quando si ha a che fare con simili faccende, non sappiamo tra l’altro che fine abbia fatto quel buono della Provincia, e cioè se l’Associazione “Il Sole” lo abbia comunque incassato; non sarà stata sicuramente una cifra eclatante, però, come dire, sarebbe una questione di buon gusto evitarne quantomeno la riscossione.

Ma se dietro le necessità di chi soffre ogni giorno si verificano episodi spiacevoli come questo, che rischiano di minare la credibilità del movimento del volontariato, c’è anche chi, veramente in maniera gratuita, offre i propri servizi da anni e senza risparmiare in disponibilità e spirito di abnegazione. Sono certamente tanti, così come sono tante le Associazioni. Tra tutte, parliamo dei volontari della Croce Rossa, uomini e donne comuni. A Casarano sono oltre un centinaio e operano in un preziosissimo affiancamento alla struttura ospedaliera del “Ferrari”.

Il loro presidente è il prof. Giacinto Pettinati, già primario della Divisione di Cardiologia dello stesso Ospedale, mentre chi li coordina è l’ispettore Alessandro Valeri, ex Colonnello Pilota dell’Aeronautica Militare, che da quando non indossa più la divisa opera senza sosta in questo settore. Accanto ed intorno a loro, come detto, uomini e donne che sacrificano il proprio tempo libero e che indossano la tuta azzurra invece che andare a fare shopping. Come Antonio Malerba, uno tra i primi del gruppo e sicuramente quello che ha prestato più ore di servizio. Lui è di Supersano e di mestiere fa l’operaio in un’azienda di servizi, ma dal 2005 ha deciso di dedicare buona parte della sua vita al volontariato. Sposato e con un figlio, in questi pochi anni ha prestato qualcosa come 2.700 ore di servizio, compresi festivi e “super festivi”, intervenendo con la stessa passione e disponibilità tanto negli incidenti, quanto nelle calamità, impiegando anche giorni dalle proprie ferie pur di riuscire ad essere sempre in prima linea. Oggi, in quest’articolo, dopo aver parlato delle disavventure di Gianmarco, non vogliamo tracciarvi il profilo di un eroe, ma solo quello di un simpatico omone di 40 anni che, come molti suoi colleghi e colleghe, crede nel servizio quotidiano e gratuito al proprio prossimo, contribuendo a realizzare… l’altro volto del volontariato, quello sano, lontano dai tornaconto economici, quello a cui tutti noi dobbiamo dire: Grazie!

Antonio Memmi

Attualità

Nuovo Ospedale del Sud Salento: vince MC A

Il progetto, che lo scorso anno la direzione della Asl ha firmato e consegnato in Regione, sorgerà su un’area di 120mila mq, prevede 350 posti letto

Pubblicato

il

MC A, AICOM SpA, RINA Consulting S.p.A, GAe Engineering S.r.l. e Enzo Rizzato, si sono aggiudicati il bando di gara della Asl di Lecce per lo studio di fattibilità tecnico-economica relativo alla realizzazione del Nuovo Ospedale del “Sud Salento” che dovrebbe sorgere fra Maglie e Melpignano.

Il progetto, che lo scorso anno la direzione della Asl ha firmato e consegnato in Regione, sorgerà su un’area di 120mila mq, prevede 350 posti letto, 317 per malati acuti e i restanti 33 dedicati a Day Hospital/Day Surgery.

Saranno distribuiti su tre piani, oltre il seminterrato, per una superficie coperta di circa 44mila metri quadri, e prevede 201 stanze di degenza (con bagno interno), ed un’area a parcheggio da circa 1.200 posti auto.

Il nuovo ospedale sarà un nosocomio di primo livello: all’interno, sorgerà un gruppo operatorio dotato di 6 sale chirurgiche e 3 sale parto/travaglio, oltre ai servizi di Radiologia, Laboratorio, Servizio Immunotrasfusionale h24

Continua a Leggere

Attualità

Se 23 anni vi sembran pochi…

Grazie ancora a tutti coloro che, da 23 anni, continuano a seguirci con affetto…

Pubblicato

il

Dopo 23 anni di onorato servizio non cullarsi su quanto già realizzato, ripensare un giornale e rinnovarlo profondamente lo abbiamo sentito come un sacrosanto
dovere! Tutto cambia, tutto si evolve, soprattutto su internet, ed ecco perché abbiamo deciso di rinnovarci anche online con una nuova veste grafica più accattivante, più
funzionale alle nuove esigenze dei lettori e strettamente connessa all’oggetto che, ormai, fa parte della nostra vita: lo smartphone.

Sotto l’ombrellone, nelle sale d’attesa, sulla panchina al fresco di un albero, in un bar, su un marciapiede o in casa, è lo strumento che più di tutti ci informa e ci tiene aggiornati. I giornali cartacei a voler dar retta ad una profezia di almeno 15 anni fa, sarebbero dovuti soccombere sotto il peso del digitale ed invece… siamo qui.

Per questo una nuova grafica, una nuova impaginazione e un “solo” rinnovato spirito giornalistico.
“il Gallo” sarà nuovo nella veste ma antico nel cuore: darà sempre voce a tutti, prediligendo, come racconta la sua storia, chi di voce non ne ha.

Restando fedele al ruolo di garante della verità e di strumento della comunicazione per la crescita di tutto il Salento, guarderà al futuro con coraggio, mantenendo sempre fede al valore etico, sociale ed educativo di una informazione di qualità e mai sottomessa.

Grazie ancora a tutti coloro che, da 23 anni, continuano a seguirci con affetto. Grazie agli inserzionisti che hanno creduto e credono in noi, perché consapevoli o no, sono l’unica fonte di finanziamento della nostra testata che mai ha usufruito di alcun finanziamento pubblico o istituzionale e, forse, anche per questo, continua ad essere libera.

Per davvero.

Continua a Leggere

Attualità

Oltre 2,5 milioni per 5 scuole della Provincia

Lavori di consolidamento di opere strutturali: quasi 2 milioni per il “Vespucci” di Gallipoli; 250mila euro per lo “Stampacchia” di Tricase;  90mila  per il “Lanoce” di Maglie; 110mila euro per il “Giannelli” di Parabita; 150mila per il “Bottazzi” di Casarano

Pubblicato

il

Cinque provvedimenti, oltre 2 milioni e mezzo di euro di investimenti per istituti superiori del Salento.

A scuole chiuse per le vacanze estive, il presidente Stefano Minerva ha firmato i provvedimenti che approvano in via definitiva progetti di rafforzamento e consolidamento di opere strutturali delle scuole provinciali, al fine di garantire la sicurezza degli edifici.

In dettaglio si tratta di: ; 1.999.648 euro per l’I.I.S.S. “A. Vespucci” a Gallipoli; 250mila euro per l’I.I.S.S. “G. Stampacchia” di Tricase;  90mila  per l’I.I.S.S. “E. Lanoce” di via Giannotta a Maglie; 110mila euro per l’I.I.S.S. “Giannelli” di Via Fiume a Parabita; 150mila per l’I.I.S.S. “F. Bottazzi” di Via Napoli a Casarano.

Il presidente Stefano Minerva, richiamando tra l’altro le Linee programmatiche di governo, sottolinea come “avere scuole sicure e funzionali significa garantire il diritto dei nostri studenti alla conoscenza e alla formazione quali strumenti di crescita sociale, significa consentire a tutto il personale scolastico, docente e non docente, di svolgere al meglio l’essenziale servizio a cui è chiamato”.

Dello stesso avviso il consigliere provinciale Ippazio Morciano, secondo cui “è fondamentale e non più rimandabile accelerare, di concerto con gli uffici dell’Ente, l’iter di riqualificazione del patrimonio scolastico già beneficiario di finanziamenti”.

Non dobbiamo fermarci”, aggiunge, “abbiamo la necessità di mappare in modo capillare le criticità in accordo con la rete dei dirigenti scolastici per poi giungere al traguardo di avere un vero e proprio parco progetti preliminare degli interventi da effettuare in tutte e 98 le scuole di nostra competenza, nonostante le ristrettezze economiche derivanti dalla riforma del 2014 che ha ridefinito le funzioni delle Province d’Italia”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus