Connect with us

Cronaca

Primi accertamenti sulla morte della ragazza di Gallipoli

E’ stato accertato che il ciclomotore apparteneva ad un terzo giovane che lo aveva prestato al ragazzo perché accompagnasse a casa la ragazza

Pubblicato

il

31 ottobre 2011. Sono stati effettuati i primi accertamenti sul tragico evento che ha colpito il Salento la scorsa notte. La ragazza, Roberta Izzo, 17enne di Gallipoli è morta sul colpo dopo che lo scooter, un Mtk 300, sul quale viaggiava insieme ad un suo amico, 19enne senza patente, si è schiantato contro un muro che costeggia il Lunogomare Galileo Galilei. E’ stato accertato che il ciclomotore apparteneva ad un terzo giovane che lo aveva prestato al ragazzo perché accompagnasse a casa la ragazza. Il fatto è accaduto intorno alle 3 di domenica, in assenza di testimoni che potessero far luce sulla tragedia. Gli automobilisti che transitavano sulla strada raccontano di aver visto riversi sull’asfalto i corpi dei due giovani e di aver lanciato una richiesta di soccorso, facendo giungere sul posto sia i sanitari del 118 che i Carabinieri della vicina caserma con il Capitano Stefano Tosi. Dal rilevamento effettuato dalle Forze dell’Ordine è emerso che poco distante dal luogo dell’incidente è stato trovato un solo casco, probabile causa della morte della giovane. Il ragazzo ha riportato un trauma cranico ma è fuori pericolo. Il corpo della 17enne ora si trova nella camera mortuaria dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce dove, su disposizione del pm Giovanni De Palma, verrà eseguito l’esame necroscopico. Sulla vicenda c’è il massimo riserbo; tuttavia si è appreso che i test a cui è stato sottoposto il ragazzo dopo l’incidente sarebbero risultati positivi sia all’alcol sia alla droga, anche se si tratterebbe di droga leggera. Per stabilire ciò che è realmente successo sarà necessario avvalersi del racconto del ragazzo.

Continua a Leggere

Cronaca

Terremoto in Albania, la terra trema anche in Salento

Alle 16,04, la scossa con epicentro sulla costa settentrionale albanese a 6 km da Durazzo e chiaramente avvertita anche nella nostra provincia

Pubblicato

il

L’onda unga di un terremoto con epicentro a 6 km da Durazzo (20 km di profondità) in Albania ha fatto tremare anche il Salento.

Tanta la paura avvertita da milioni di persone nell’area, anche nella vicina capitale Tirana:

La scossa, registrata alle 16,04, è stata chiaramente avvertita in molte zone del Sud Italia soprattutto del Salento e del Capo di Leuca e in modo particolare da chi abita su piani rialzati.

Il sisma che ha avuto origine sulla costa settentrionale albanese ha interessato diversi Paesi: Bulgaria, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Italia, Kosovo, Montenegro, Serbia, Macedonia del Nord e Albania.

Il terremoto è stato localizzato dalla Sala Sismica INGV-Roma.

Continua a Leggere

Cronaca

Scontro all’alba sulla Montesano-Lucugnano

Vigilantes perde il controllo della sua Panda sbatte su un palo e sul muretto, va in testacoda e si scontra con auto che sopraggiungeva…

Pubblicato

il

Incidente stradale alle 6,30 di questa mattina sulla Montesano – Lucugnano, all’uscita di Montesano.

Un vigilantes della BCS ha perso il controllo della sua vettura di servizio, una Fiat Panda, ed è andato a sbattere su un palo e su un muretto.

Dopo che la sua auto è andata in testacoda si è scontrato con una Renault Kadjar che sopraggiungeva.

Il vigilantes è stato sbalzato fuori ed è finito in un canale di raccolta dell’acqua piovana.

Necessario l’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Tricase per tirarlo fuori.

Trasportato in codice rosso presso l’ospedale di Lecce è comunque fuori pericolo.

Continua a Leggere

Attualità

La “guerra” agli zozzoni continua

Si stimano altre 350 tonnellate da rimuovere da qui a gennaio…

Pubblicato

il

RIMOSSE 100 TONNELLATE DI RIFIUTI DALLE STRADE PROVINCIALI

Il primo step dell’operazione “Zero rifiuti sulle strade” conta 100 tonnellate di immondizia raccolta e smaltita in circa due mesi.

Ad essere ripulite lo scorrimento veloce Lecce-Maglie, la Maglie-Parabita, Maglie-Scorrano, S.P. 114 Lecce-San Pietro in Lama, S.P. 20 Copertino-Lecce, circonvallazione Leverano e Corsano-Alessano stazione.

Si stimano altre 350 tonnellate da rimuovere da qui a gennaio. Impressionante constatare che in molti punti l’ammasso di rifiuti di ogni genere aveva intaccato l’asfalto, a causa della pressione esercitata nel tempo!

Nel frattempo, continua sia la prevenzione che la repressione.

Previsto nel bilancio della Provincia, l’acquisto di una dozzina di sistemi di videosorveglianza ed incentivato il servizio mirato di monitoraggio da parte della Polizia Provinciale sulle strade più a rischio per sradicare del tutto la cultura della bruttezza che tanto male fa al nostro Salento.

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus