Tricase, tenta di uccidere il vicino col machete: in manette 64enne

I Carabinieri della Stazione di Tricase, in collaborazione con i militari dell’Aliquota Radiomobile, hanno arrestato, per tentato omicidio aggravato e porto abusivo di oggetti atti ad offendere, Rocco Sciurti, 64enne di Tricase, già gravato da precedenti di polizia e giudiziari. Nella tarda serata di lunedì 3 settembre alla Centrale Operativa della Compagnia di Tricase sono giunte, tramite il Numero Unico Europeo di Emergenza 112, diverse segnalazioni che riferivano di una furibonda e violenta aggressione in una via della zona 167. All’indirizzo indicato è rapidamente giunta una pattuglia della Stazione di Tricase con, in supporto, un’autoradio dell’Aliquota Radiomobile. Al loro arrivo i militari hanno visto un signore attempato che, brandendo un piccolo machete, tentava di scagliarsi addosso ad un 26enne che, visibilmente stordito, sanguinava copiosamente dalla testa. Le minacce di morte gridate ad alta voce dall’aggressore erano di fatto vanificate da alcune persone che facevano da scudo con il proprio corpo al ferito. Bloccato e disarmato dai Carabinieri l’assalitore la situazione si è tranquillizzata tanto da permettere l’intervento dei soccorritori del 118 che hanno trasportato l’aggredito in ospedale in codice rosso. Gli accertamenti svolti hanno permesso di accertare che fra Sciurti e la sua vittima, da diverso tempo, i rapporti erano logorati per banali questioni di vicinato. Ieri sera i due avevano avuto l’ennesima discussione che, come sempre, si era conclusa nel volgere di pochi istanti con reciproci scambi di accuse ed offese. Dopo alcuni minuti il giovane aveva fatto rientro a casa assieme a sua madre ma, appena aperto il portone gli si è parato davanti Sciurti con il machete in mano. La donna, terrorizzata, è subito corsa in strada chiedendo aiuto mentre il figlio, nonostante venisse colpito al capo dall’anziano, riusciva a sottrarsi ad ulteriori fendenti e ad uscire dall’androne anche lui. Alcuni passanti, fra cui il cognato del ragazzo, allertati dalle grida della donna si sono precipitati a proteggere la vittima nonostante Sciurti tentasse ancora di raggiungere il ferito per ucciderlo. La volontà omicida, resa evidente dal tipo di aggressione, era rinforzata dalle continue minacce urlate in un primo tempo al solo aggredito ed in seguito anche a chi, frapponendosi, impediva all’uomo di raggiungere il suo scopo. Solo il repentino intervento dei Carabinieri consentiva di placare gli animi e far soccorrere il ferito al quale, trasportato in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale “Cardinale Panico” di Tricase, veniva riscontrata una profonda ferita lacero contusa al cranio che necessitava di oltre dieci punti di sutura. Solo per un caso fortuito, data la tipologia dell’arma utilizzata e la violenza del colpo inferto, non sono state lesionate le ossa del cranio. Rocco Sciurti è stato dichiarato in arresto per tentato omicidio aggravato e porto abusivo di oggetti atti ad offendere e, al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato presso il carcere “Borgo San Nicola” di Lecce dove dovrà rimanere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


Commenti

commenti