Connect with us

News & Salento

Tricase: un nuovo Piano per le scuole

Cambia la geografia della scuola a Tricase. Dalla prossima stagione, se Provincia e Regione daranno l’ok al piano tricasino, si avranno: un istituto comprensivo

Pubblicato

il

L'assessore Vincenzo Errico

Cambia la geografia della scuola a Tricase. Dalla prossima stagione, se Provincia e Regione daranno l’ok al piano tricasino, si avranno: un istituto comprensivo con sede in via Apulia, esattamente com’è oggi; una scuola media che comprenderà l’ex “Giovanni Pascoli”, l’ex “Dante Alighieri” (due scuole medie con un unico dirigente) e l’ex media di Lucugnano; una direzione didattica con sede presso la “Roberto Caputo” che comprenderà elementare e materna di Tutino, elementare e materna di Depressa ed elementare e materna di Lucugnano. Perché si è arrivati ad una necessità di cambiare la mappa scolastica tricasina? “Per la disposizione dei plessi sul territorio”, spiega Vincenzo Errico, assessore comunale ai Servizi Sociali, “si è venuta a creare una situazione piuttosto strana, con due scuole medie poste una di fronte all’altra ed una terza nella parte opposta di Tricase. Prima di decidere quale strada intraprendere, ho cercato anche di capire dai diretti interessati quali fossero le esigenze didattico-pedagogiche e per questo mi sono rivolto prima ad esperti del settore non di Tricase (“per evitare influenze da interessi personali”) e la maggior parte dei pedagogisti è convenuta sull’opzione di un solo Istituto comprensivo e due direzioni didattiche”. Quali dovrebbero essere i benefici? “Innanzitutto, diminuendo la falsa concorrenza dal punto visto didattico, forse le scuole non saranno più omologate nell’offerta formativa e oseranno qualcosa in più senza il timore di perdere iscritti. Vista la distanza tra le due medie, la prima selezione sarà effettuata dalla disposizione geografica e così si potrà beneficiare di un’offerta più varia”. Il cambiamento più “sostanzioso” di questa riorganizzazione diventa agli effetti pratici l’affidamento di “Dante Alighieri” e “Giovanni Pascoli” ad un unico dirigente: “La viariazione tra domanda e offerta in questi anni ha spesso creato una situazione di sovraffollamento in una scuola e aule vuote nell’altra. Con un unico preside questo non dovrebbe più accadere”. Inutile dirlo, non appena è circolata la voce di una riorganizzazione si è alzato un polverone: “Quello che tengo a sottolineare è che mi sono mosso nella maniera più partecipata possibile perché ho incontrato più volte, singolarmente, i tre i dirigenti per avere la loro opinione. Questi incontri sono stati seguiti da una riunione con tutti i dirigenti. In questa occasione era emersa la posizione di Maria Antonietta Merico (“Giovanni Pascoli”) e Vincenzo Cazzato (“Dante Alighieri”) che sostenevano la bontà e la validità del progetto della scuola media unica e delle due direzioni didattiche. Non era invece d’accordo Maria Antonietta Preite (“Via Apulia”) motivando, a mio avviso giustamente, la buona riuscita ed il buon andamento dell’Istituto Comprensivo di Caprarica. Siamo così giunti al piano di cui si è detto. Qualche settimana dopo, però, dalla “Giovanni Pascoli”, dopo il Consiglio di Istituto, è emersa una posizione diversa… Forse le polemiche nascono anche da questo ma soprattutto dalla novità che, probabilmente anche per disinformazione, spesso fa paura”. Errico sostiene poi che “non è stato fatto nulla di capotico. Sin da luglio, appena 15 giorni dopo che mi è stato conferito l’incarico, mi sono dato da fare e ne ho parlato prima con esperti esterni e poi con i diretti interessati”. La razionalizzazione voluta da Errico dovrebbe portare anche un altro vantaggio: “La razionalizzazione dei trasporti ed un conseguente risparmio. Oggi affrontiamo spese che con gli ulteriori tagli previsti alle risorse destinate ai Comuni non potremo più permetterci. Con un’unica dirigenza e orari unici, sarà tutto diverso”. Ovviamente, ma questo non riguarda direttamente l’Assessorato di Errico, ora andrà studiato un piano traffico che eviti il caos all’entrata ed all’uscita da scuola in tutta la zona di Tutino. Qualcosa è stata già pensata, staremo a vedere.

Giuseppe Cerfeda

Continua a Leggere

News & Salento

Guerra agli ombrelloni segnaposto in spiaggia

Sequestrati altri 7 ombrelloni. In azione Polizia Locale e Guardie Ecologiche Volontarie

Pubblicato

il

Così come annunciato, nella notte di Ferragosto la Polizia Locale ha effettuato un altro intervento finalizzato al contrasto del fenomeno dei cosiddetti ombrelloni “segnaposto”.
Dopo il sequestro di 11 ombrelloni a Sant’Isidoro e Santa Maria al Bagno la notte dell’11 agosto, gli agenti di Polizia Locale e le Guardie Ecologiche Volontarie del gruppo Endas sono tornate in azione, stavolta in località Torre Squillace, individuando e sequestrando altri 7 ombrelloni e altra attrezzatura (basi e funi).
I controlli, sempre nel corso della notte di Ferragosto, sono stati estesi ad altri tratti di litorale, ma non sono state rilevate altre situazioni di abuso.
Quella dell’ombrellone “segnaposto” è un malcostume che si è diffuso anche sulla costa neretina e che si sta cercando di contrastare senza indugi, a tutela del decoro del litorale e della possibilità di accesso al mare di tutti i bagnanti.
Una cattiva abitudine che consiste nel piazzare nottetempo (quando la spiaggia è libera) gli ombrelloni sull’arenile, “prenotando” dunque la postazione per la mattina seguente e anticipando sul tempo gli altri utenti della spiaggia. Dal Comando di Polizia Locale di via Crispi rammentano ancora una volta che si tratta di comportamenti espressamente vietati dal codice che sancisce in materia di prescrizioni sull’uso del demanio marittimo e relativi divieti: “È inoltre vietato lasciare sulle spiagge libere, oltre il tramonto del sole, ombrelloni, lettini, sedie sdraio, tende o altre attrezzature comunque denominate”.
Il tenore della disposizione, precisamente il riferimento a “oltre il tramonto del sole”, rende essenziale e tempestivo l’intervento degli agenti nelle ore notturne (e non all’alba del giorno dopo).
Continua a Leggere

News & Salento

A fuoco camioncino di street food, la sorella lancia accorato appello

“A 18 anni ho lasciato la mia terra. Sono andata via dalle mie radici, da mio padre e mia madre che amo tantissimo, da mio fratello…”

Pubblicato

il

Dopo l’incendio di ieri a un camion ambulante per la vendita di panini, che staziona tra la strada che da Seclì conduce a Neviano, incendio che pare sia di natura dolosa (è stata ritrovata una bottiglietta con benzina nelle vicinanze, gli agenti del commissariato di Galatina si stanno occupando delle indagini), la sorella del titolare lancia uno straziante appello sui social che pubblichiamo:

MIO FRATELLO NON È FIGLIO UNICO

A 18 anni ho lasciato la mia terra. Sono andata via dalle mie radici, da mio padre e mia madre che amo tantissimo, da mio fratello e mia sorella che sono la mia vita.
Sono andata via perché quel paesaggio di sabbie bianche e ulivi secolari ti chiedeva in cambio di morire di fame, di rinunciare a te stesso e ai tuoi sogni. La faccia del Salento che nessuno vede. Mio fratello è rimasto. Anche lui aveva i suoi sogni.
Anche lui voleva dare una vecchiaia dignitosa ai nostri genitori e un futuro con un po’ più di sole ai suoi figli.
Chi resta non ha meno sogni di chi parte. Ma il lavoro non c’è. Così chi non ha un lavoro ma ha luce negli occhi, un lavoro (onesto) se lo inventa.
Un camion refrigerato, un piazzale in affitto, migliaia di permessi, di attese, di speranze, e una montagna di debiti. Una famiglia che ti aiuta, perché quella non si compra.
Un padre che ogni giorno fa 5 viaggi di benzina per il gruppo elettrogeno, perché prima di 6 mesi il Comune non si degna di portare l’elettricità.
Viaggi di taniche di acqua perché ancora la cisterna non puoi permettertela.
E ogni giorno una piccola conquista. Sono riuscito a pagare la carne. Mi sono rimasti 52 euro di guadagno. Sono riuscito a comprare un coccodrillo gonfiabile a mia figlia.
Ce la sto facendo. Ma l’inverno sarà duro, l’attività all’aperto lavora solo l’estate. Devo mettere da parte. Cinque mesi non bastano.
Ma l’anno prossimo forse avrò finito di pagare le rate del camion e mi avranno portato la luce, forse riuscirò a mantenere la mia famiglia, le mie tre bambine bellissime.
Forse mia madre potrà smettere di lavorare. Sogni. Stamattina mio fratello si è svegliato, e ha provato a ritrovare disperatamente i suoi sogni in mezzo alle fiamme e ad un cumulo di cenere.
Di quei sogni, erano rimasti solo i fermatovaglioli di ceramica che mia sorella aveva dipinto a mano per lui. Questo è il sud. Salvini, questi sono italiani.
Quelli che avevano osato sognare di poter sopravvivere, e quelli che hanno lasciato solo angoscia e disperazione.
E nonostante 20 anni lontano da casa, le sue lacrime amare mi trapassano il cuore come mi stessero eviscerando con strumenti da macellaio e non sono ancora in grado di aiutarlo.
Ma mio fratello non è figlio unico. Sono qui. E qualcosa farò. Perché sono ancora una persona onesta del sud. Ditemi che non è figlio unico.
Fategli sapere che c’è una parte umana nel mondo“.

Gaia Gaballo

Continua a Leggere

News & Salento

A Torre Pali nasce la promenade ecologica

Riqualificazione, tutela e valorizzazione dell’area naturale del bacino, dei canali e del porto della marina di Salve

Pubblicato

il

Martedì 13 agosto, alle 19,30, nel piazzale del porto di Torre Pali sarà presentata la “Promenade ecologica”, un progetto di riqualificazione, tutela e valorizzazione dell’area naturale del bacino, dei canali e del porto della marina di Salve.

L’intervento, finanziato dal Por Puglia Asse VI (interventi per la tutela e valorizzazione di aree di attrazione naturale) è complesso ed innovativo. La presentazione del 13 agosto sarà il primo evento pubblico, la prima tappa di un percorso partecipato con operatori e cittadini già avviato a fine dello scorso anno. Inizia, con la presentazione al pubblico, la fase di confronto diretto con gli operatori e i portatori d’interesse, mentre l’Amministrazione sta predisponendo gli atti tecnici necessari alla realizzazione del progetto.

L’operazione prevista ha ridefinito “un sistema costiero” fruibile fatto di spazi, aree di sosta e tracciati pedonali e ciclabili aventi un alto grado di naturalità con la ricostruzione del patrimonio naturale dei lungo-canali e del bacino di Torre Pali attraverso tecniche dell’ingegneria naturalistica e di architettura del paesaggio. Sono previsti: opere di riqualificazione ambientale e paesaggistica, interventi strutturali di recupero del sistema di bonifica e per la fruizione turistica, infine attività gestionali e di formazione.

Le azioni sono volte a trasformare il canale in un “corridoio verde” (promenade ecologica), valido dal punto di vista paesaggistico ed ecologico. Questo elemento lineare mitigherà l’impatto della presenza antropica estiva in queste aree e caratterizzerà in maniera definitiva il paesaggio costiero dell’area.

“Il progetto ‘Promenade ecologica a Torre Pali’ spiega il vicesindaco Giovanni Lecci, prevede opere di riqualificazione nell’area del bacino, dei lungo canali e del porto di Torre Pali. È nostra volontà ridefinire gli spazi aperti e soprattutto restituire gli spazi pubblici agli abitanti delle marine, affinché tornino ad essere luogo di incontro tra persone. Saranno realizzati nuovi spazi verdi per attività ludico-ricreative e di socializzazione infragenerazionale.

Dopo oltre 100 anni, la nostra comunità potrà finalmente fruire della vecchia Caserma della Guardia di Finanza che ospiterà probabilmente il futuro Museo Virtuale del Mare; sarà recuperata e ridisegnata la piazzetta del porto che sarà collegata all’arenile e al nuovo lungo-canale diventando il punto di partenza della “Promenade ecologica di Torre Pali”.

Nel corso della serata di presentazione interverranno il Presidente della Provincia Stefano Minerva, il sindaco Francesco Villanova, il vicesindaco ed assessore ai lavori pubblici Giovanni Lecci, il comandante della Capitaneria di Porto Pasquale Mazza, Caterina Stasi esperta in Beni Culturali, Angelo e Nicola Perrone pescatori e la presidente della Proloco Paola Casto, moderano l’assessore al turismo Francesco De Giorgi e il consigliere con delega all’ambiente Antonio Cavallo.

Nel corso della serata momenti di musica a cura di Nostos “il viaggio musicale tra mare e mitologia” con intermezzi di arpa, viola e quartetto d’archi.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus