Connect with us

Dai Comuni

Università del Salento, nasce www.altroportalestudenti.info

Immatricolazioni, borse di studio A.Di.S.U., sistema di tassazione e tanto altro nel portale targato UDU

Pubblicato

il

Come sempre l’inizio dell’anno universitario si apre all’insegna dell’incertezza, soprattutto per le matricole, impantanate in una burocrazia complicata e inefficiente, ma anche per gli studenti già iscritti alle prese con le frequenti difficoltà legate ai cambiamenti in corso all’interno dell’Ateneo. Uno dei maggiori problemi che i rappresentanti hanno dovuto affrontare da subito è stato il mal funzionamento del nuovo portale dell’Università del Salento, messo appena in funzione, ma già impelagato nei soliti problemi informatici che caratterizzano da sempre il nostro Ateneo.  Ciò che nei primi giorni è particolarmente difficoltoso per gli studenti è  la registrazione per i test d’accesso ai corsi di studio, a volte resa impossibile da problemi informatici. Mentre le famose prenotazioni degli esami on line, servizio attivato poco tempo fa, saranno bloccate fino al 5 settembre.

Da questo nasce l’esigenza dei rappresentanti dell’ Udu di costruire L’AltroPortale degli Studenti, uno strumento chiaro, semplice ed efficiente che migliori la comunicazione fra gli studenti e rappresentanti dell’UDU Lecce. Ma il compito dell’AltroPortale non è solo quello di facilitare il compito dei rappresentanti con delle pagine forniscono indicazioni passo per passo l’iscrizione, immatricolazione e le altre pratiche, ma anche quello di informare gli studenti sui regolamenti e bandi in vigore nel nostro Ateneo, esigenza scaturita da un sito dell’Università del Salento male organizzato che non dà la possibilità agli studenti di trovare con facilità i regolamenti e bandi.  A questo scopo sono stati creati dei post dove gli studenti possono trovare informazioni utili e link sulle borse di studio erogate annualmente dall’A.Di.S.U., ma anche una pagina dove è illustrato il nuovo procedimento di calcolo delle tasse universitarie. Una profonda conoscenza delle normative corrisponde sempre una maggiore conoscenza dei propri diritti da far rispettare. www.altroportalestudenti.info

Continua a Leggere

Dai Comuni

Tricase, l’amletica Ztl

Lettera firmata sull’annullamento delle sanzioni in caso di dicitura “Varco attivo”

Pubblicato

il

La realizzazione dell’area a traffico limitato nel centro storico di Tricase, su piazza Pisanelli ed alcune vie tutto attorno, ha sollevato, come spesso accade in questi casi, un polverone. Opinioni, pareri, polemiche. Sulla scelta di per sé, sulle modalità di attuazione, sull’orario di apertura e chiusura della zona al traffico, sulla collocazione della nuova segnaletica. Potremmo dire grossomodo su tutto. La decisione però è stata senz’altro ripagata da una estate, quella ancora in corso, meno selvaggia. I furbetti della transenna spostata non hanno più vita facile e la bellezza del centro storico tricasino è fruita con più tranquillità e meno apprensioni dai pedoni.

Restano però ancora delle questioni in sospeso in merito all’interpretazione delle norme e ad un altro aspetto che rischia di restare selvaggio: quello dei verbali. Qui, in particolare, un nostro lettore ha voluto dire la sua sul tema, diventato già in passato di portata nazionale, della fraintendibilità della dicitura che appare sul tabellone luminoso all’ingresso della Ztl (l’indicazione “varco attivo”). Riportiamo di seguito integralmente la lettera di Toti Russo, incappato in una sanzione e successivamente attivatosi nel tentativo di annullarla in autotutela come previsto dalle linee guida ministeriali sulle Ztl.

Mi è stata notificata una sanzione per aver sbadatamente effettuato un accesso nella zona a traffico limitato proprio nei primi giorni di attivazione dell’area pedonale urbana. Nei giorni successivi mi sono recato presso il Comando di Polizia Locale per chiedere se, alla luce delle Linee guida sulla regolamentazione della circolazione stradale e segnaletica nelle Ztl (emanate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per il tramite della Direzione generale della Sicurezza Stradale) le quali hanno chiarito come la scritta Varco Attivo sia da ritenersi illegittima, avrebbero accolto una mia istanza di annullamento in autotutela. Mi è stato risposto che per il Comune di Tricase non è possibile in quanto, proprio perché edotti sulla questione, hanno omesso la dicitura Varco lasciando solo la scritta Attivo o Non Attivo. Cioè, senza il soggetto la frase è diventata di senso compiuto e, pertanto, inequivocabile”.

Toti Russo

Continua a Leggere

Cronaca

Volo annullato, Ryanair risarcisce 2 salentini

La decisione del Giudice di Pace dopo l’iter legale avviato col sostegno di Codici Puglia

Pubblicato

il

Canta vittoria Codici Puglia dopo l’ennesimo rimborso ottenuto in favore di passeggeri del traffico aereo. Con sentenza depositata il 7 agosto scorso, il Giudice di Pace di Brindisi, ha accolto le domande avanzate dal difensore dei passeggeri e responsabile di Codici Puglia, avv. Stefano Gallotta, per un volo Bologna – Brindisi cancellato da Ryanair.

Ecco quanto riportato da Codici: “in data 25.07.2018, due coniugi salentini, residenti a Nardò, avrebbero dovuto rientrare a Brindisi con il volo Ryanair FR4338 in partenza da Bologna alle 06.25 ma, giunti in aeroporto dopo una levataccia notturna, apprendevano che il proprio volo era stato cancellato, nonostante l’aeroporto fosse regolarmente operativo.

Non avendo ottenuto alcuna riprotezione su altri voli da parte di Ryanair e in mancanza di altri rimedi per raggiungere Brindisi, la coppia era costretta a contattare un parente, residente nel modenese, che li prelevava dall’aeroporto e li ospitava presso la sua dimora sino al giorno successivo, quando i due viaggiatori potevano rientrare in treno a Brindisi, dopo un faticoso viaggio, reso ancor più stressante dalla necessità di recarsi poi all’aeroporto di Brindisi Casale per recuperare la propria vettura dal parcheggio, giungendo a destinazione con oltre 33 ore di ritardo rispetto al previsto!

Al rientro a casa, in assenza di riscontro alla richiesta di indennizzo avanzata, i due si rivolgevano a Codici e citavano la compagnia dinanzi al Giudice di Pace di Brindisi.

Ryanair si costituiva in giudizio, eccependo il difetto di giurisdizione del giudice italiano e adducendo l’eccezionalità dell’evento, dovuto a un presunto sciopero nazionale. Con la recente sentenza, il Giudice ha disatteso l’eccezione avversa, ritenendo competente il Giudice italiano e, quanto al presunto sciopero interno alla Ryanair, ha comunque rilevato che “la Compagnia, una volta appresa la proclamazione dello sciopero, era nelle condizioni di predisporre diversamente le attività di volo per non essere costretta alla cancellazione… e era certamente nelle condizioni di avvisare con anticipo la propria utenza del disservizio venutosi a creare”, condannando così Ryanair a risarcire i passeggeri per l’importo di Euro 822,85 (oltre interessi e spese legali), di cui Euro 500 per compensazione pecuniaria, Euro 200 per violazione dei doveri di assistenza ed Euro 122,85 per il rimborso del costo dei biglietti ferroviari Modena – Brindisi.

Evidenzia il difensore dei passeggeri, avv. Stefano Gallotta, responsabile di Codici Puglia e del settore vacanze di Codici, che “questa pronunzia è importante non soltanto perché riconosce anche indennizzi, rimborsi e danni da mancata assistenza e riprotezione su altro volo, ma in quanto chiarisce che lo sciopero in quanto tale non integra una circostanza eccezionale esimente da responsabilità per il vettore aereo. Come recentemente confermato dalla Corte di Giustizia Europea, i vettori possono normalmente trovarsi ad affrontare, nell’esercizio della loto attività, divergenze e conflitti con il loro personale, sicché i rischi derivanti da tali conflitti, che possono sfociare in scioperi, devono considerarsi inerenti al normale esercizio dell’attività del vettore. Così – prosegue Gallotta – in occasione degli imminenti scioperi proclamati dai piloti Ryanair per il 22 e 23 agosto e dal 2 al 4 settembre 2019, che gravi ripercussioni potrebbe avere anche sulla regolarità dei voli in Italia, creando seri disagi ai turisti in partenza o al rientro dalle vacanze, va precisato che, trattandosi di eventi non imputabili a fattori esterni ma che promanano dalla compagnia stessa, non sussistono le circostanze eccezionali esimenti previste dalla direttiva CE 261/2004 e i passeggeri avranno diritto, oltre al rimborso del prezzo del biglietto,agli indennizzi da 250 a 600 euro, a seconda della lunghezza della rotta, al rimborso delle spese eventualmente sostenute a causa della cancellazione del volo e a eventuali danni supplementari”.

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase, cappottamento sulla via per Alessano

Donna estratta dall’abitacolo e trasportata in ospedale dal 118

Pubblicato

il

Incidente nel pomeriggio sulla strada tra Lucugnano ed Alessano.

Una donna di Avellino, in vacanza in Salento, ha perso il controllo della Ford che guidava finendo fuori strada.

L’auto si è ribaltata e la donna è rimasta intrappolata al suo interno.

L’intervento dei vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase ha permesso al 118 di soccorrerla, una volta estratta, e di condurla in ospedale in codice giallo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus