San Gregorio Armeno, protettore di Nardò

Si rinnova, da lunedì 18 a mercoledì 20 febbraio, il tradizionale appuntamento con la festa patronale in onore di San Gregorio Armeno, attualmente patrono anche dell’intera diocesi di Nardò-Gallipoli. La profonda devozione dei neretini nei confronti di questo Santo, venerato già dal IX secolo, deriva dall’episodio di maggiore intensità religiosa a lui legato e che risale al 20 febbraio 1743, quando Nardò fu colpita da un terribile terremoto che, intorno alla mezzanotte, scosse tutto il Salento, con epicentro proprio nella città. I morti furono relativamente pochi, rispetto alla violenza del terremoto, e ciò fu attribuito all’intercessione del Santo. Il programma dei festeggiamenti prevede per lunedì 18 febbraio il convegno sul tema “Il dramma del popolo armeno” presso la Sala Roma in Piazza Pio XI, con relativa mostra nel porticato adiacente, e l’inaugurazione della Mostra “San Gregorio Armeno” presso la Cappella della Confraternita delle Anime Sante del Purgatorio. Martedì 19 si svolgerà il convegno sul tema “Nardò 1743: una lezione sulla pericolosità sismica in Italia”, presso i locali del Chiostro dei Carmelitani. Alle ore 17 avrà luogo la Santa Messa solenne presieduta da mons. Luigi Ruperto, amministratore diocesano, cui seguirà la processione con il simulacro del Santo lungo le vie cittadine e, al termine, dopo la benedizione alla cittadinanza, il tradizionale spettacolo pirotecnico. Mercoledì 20, presso il Teatro Comunale sarà tenuto il convegno sul tema “I prodotti della Terra d’Arneo”. In mattinata, il complesso bandistico “La Cittadella dei Ragazzi” si esibirà per le vie del centro storico mentre la serata sarà allietata dal concerto dell’Orchestra Terra d’Otranto”, diretta dal Maestro Antonio Palazzo con la direzione artistica di Tommaso Zuccaro e la partecipazione di Davide Mogavero.

Massimo Alligri

Tags:


Commenti

commenti