A Caprarica il volley spopola

Consapevoli di star disputando un’ottima stagione, le ragazze dell’AGS Caprarica Volley si apprestano a vivere la fase più intensa dei campionati di Serie D e di Prima Divisione. Tre e sei i turni alla fine dei rispettivi gironi, in un’annata che ha visto la conferma del buon lavoro svolto negli anni precedenti. L’AGS, con al timone il giovanissimo presidente Riccardo Leo, è una società in cui il divertimento è alla base di tutto, ma in cui gli sforzi mirati e l’impegno sembrano farne uno squadrone tagliato per il successo, almeno a livello locale, da sempre.

Alessandro De Carlo, al quinto anno da allenatore della compagine di Serie D, forte di due salvezze consecutive e di una partecipazione agli spareggi-promozione, esprime la sua contentezza dopo il meritato successo interno per 3-1 contro l’Erca Impianti Team Volley, che viene scavalcato al quinto posto in graduatoria, a 31 punti, proprio dalle capraresi: “Questo è un gruppo solido, che ha voglia di fare bene, che è venuto fuori dalle difficoltà alla grande. Dopo un periodo nero in cui, per vari motivi, mi toccava dirigere allenamenti con sole 7-8 ragazze, ci siamo rimessi in carreggiata, e l’obiettivo play-off è vivo… poi chissà, l’appetito vien mangiando!”. La classifica fa ben sperare, anche se il mister invita a non abbassare la guardia: “Nelle tre partite finali conterà la concentrazione. Un errore sotto rete, o una palla giocata male, così come un colpo di fortuna,  può essere determinante. Il quinto posto non ci fa stare tranquilli: la settima piazza, la prima dei play-out, è lontana solo un punto, ma il gruppo risponderà bene, ne sono certo”.

Con elementi di sicura affidabilità quali il capitano Virginia Grande e la veterana Beatrice Biscuso, e grazie alla freschezza di diverse under 21, credere nel traguardo è più che auspicabile. Ancora più sorprendente risulta essere il cammino delle “baby” di Prima Divisione: una squadra con età media di 18 anni (la più giovane del torneo provinciale) che, dopo la vittoria nel girone di Seconda dello scorso anno, ha tutti i requisiti per bissare la promozione. A guidarla è il simbolo del volley di Caprarica, coach Giuseppe Castrignanò, socio fondatore del club e curatore di tutto il settore giovanile (dal minivolley all’Under18, un impegno non da poco): “Ero consapevole di avere l’oro fra le mani già da quando questo gruppo di ragazzine (collaudatissime: insieme quasi tutte da sei stagioni, da quando avevano 12-13 anni, Ndc) iniziò a giocare a pallavolo. Quest’anno è stato sinora ricco di soddisfazioni, e la terza posizione, valida per i play-off, mi sembra molto soddisfacente. L’AGS ha dimostrato sul campo di non aver nulla da invidiare a team come Corigliano e Galatone, lanciatissimi nelle prime due posizioni, e ben più esperti”. Il fatto che Castrignanò schieri titolare la brava Giulia Greco, laterale non ancora quindicenne, non stupisce: “Da sempre preferisco giocare, per quanto sia possibile, con le più giovani, in proiezione futura. Il gruppo odierno è l’Under 18 dell’anno scorso, lo stesso che ha conquistato la Prima Divisione. E c’è gente davvero preparata, come la palleggiatrice Dalila Ingrosso (classe ‘93), una nostra bandiera, che è pronta a passare di livello”.

Dopo l’ultima vittoria, il sofferto 3-2 in casa dell’ostico Corsano, l’AGS ospiterà domenica 18 marzo il Gruppo Volley 1984, che appare condannato al play-out. Castrignanò chiude con uno sguardo al futuro imminente: “Saranno sei battaglie, da qui sino a fine aprile. Sognare la D è lecito, le ragazze ne sono consapevoli!”.
Stefano Verri


Commenti

commenti