Connect with us

Lecce

Boom di abbonamenti per il Lecce

Dopo l\’annuncio di Lapadula, presentati i nuovi arrivi Shakov e Benzar, mentre sale la febbre da Serie A

Pubblicato

il

Tifosi in fila in tutto il Salento da ieri per la riapertura della campagna abbonamenti per la stagione calcistica in arrivo che vedrà l’U.S. Lecce militare nuovamente in Serie A.

Dalle 8 di ieri è partita la vendita libera, dopo le due fasi di prevendita del mese scorso che hanno interessato prima gli abbonati di lungo corso, fedeli agli spalti sin dalla Serie C, e poi i tesserati a partire dalla stagione passata, quella della promozione degli uomini di Liverani dalla B alla massima serie.

Il primo dato ufficiale riguardante la giornata di ieri parlava di 1500 abbonamenti (che si vanno a sommare ai 6mila circa già acquistati il nelle precedenti sessioni), ma nelle scorse ore si stima che le tessere sottoscritte siano arrivate anche al doppio. Prese d’assalto le filiali della Banca Popolare Pugliese, rivenditrici degli abbonamenti per conto della società giallorossa in comuni come Lecce, Tricase e Aradeo.

Per chi vuole abbonarsi c’è tempo fino alla vigilia della prima partita, con una maggiorazione del costo dal 19 agosto in avanti.

Intanto è tempo di presentazione per i primi nuovi acquisti. Dopo il comunicato ufficiale delle scorse che ha annunciato l’arrivo del bomber Lapadula (ex Milan, Pescara e Genoa), ecco la presentazione di Shakov e Benzar, il primo centrocampista ucraino ex Paok Salonicco ed il secondo terzino rumeno della Steaua Bucarest (foto).

Si uniscono da subito al gruppo che tra oggi e sabato si sottoporrà alle visite mediche, prima di partire alla volta del Trentino Alto Adige per il ritiro che durerà sino al 28 luglio.

Attualità

Giustizia tributaria: migliaia di appelli trasferiti da Lecce a Bari

Reindirizzati tutti i procedimenti d’appello iscritti a ruolo nell’anno 2015 nelle Sezioni distaccate di Lecce e di Taranto per i quali non è stata ancora fissata udienza

Pubblicato

il

Migliaia di appelli tributari presentati a Lecce nel 2015, trasferiti a Bari.

Lo Sportello dei Diritti lancia un allarme su una situazione già paventata.

Commissione Tributaria Regionale – Sezione Lecce: 1848 appelli presentati a Lecce nel 2015 oggi sono stati trasferiti a Bari

Vano il ricorso presentato dall’Ordine degli Avvocati di Lecce al TAR di Bari che, con la sentenza n. 836/2019 pubblicata il 17 giugno scorso, ha confermato la validità del Decreto Presidenziale n. 48 “Assegnazione appelli emesso in data 05 novembre e notificato al sovrascritto Ordine Territoriale in data 12/11/2018 con cui è stato disposto il trasferimento presso la sede centrale di Bari di tutti gli appelli iscritti a ruolo nell’anno 2015 nelle Sezioni distaccate di Lecce e di Taranto per i quali non è stata ancora fissata udienza”.

Di conseguenza, tutti gli appelli presentati a Lecce nel 2015 presso la Sezione distaccata di Lecce (1848 in 317 faldoni) oggi sono stati trasferiti ed assegnati a Bari, creando gravi disagi ai cittadini contribuenti ed ai loro difensori sia per quanto riguarda il problema delle distanze e dei relativi costi sia per quanto riguarda la tempistica, tenendo conto che oggi a Lecce si stanno regolarmente discutendo gli appelli presentati nel 2016.

Secondo il TAR di Bari, peraltro oggetto di impugnativa al Consiglio di Stato da parte dell’Ordine degli Avvocati di Lecce, le Sezioni staccate, per legge, non sono un organo giudiziario autonomo e distinto dalla sede centrale, ragion per cui il riassetto organizzativo delle sezioni staccate sotto il profilo della redistribuzione dei carichi di lavoro non comporterebbe alcuna lesione del principio del giudice naturale, attesa l’unicità dell’ufficio e l’adozione di un criterio generale ed astratto di riparto degli affari.

Una speranza è riposta nella proposta di legge della Lega di riforma della giustizia tributaria, che ha ripreso integralmente le proposte del tributarista Maurizio Villani nel senso che la stessa non deve più essere gestita ed organizzata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che è parte interessata al processo, ma soltanto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con la istituzione di Tribunali tributari e Corti di Appello tributarie presso le rispettive sedi.

Questa proposta di legge, che rientra nella generale riforma fiscale, è stata presentata alle Commissioni Finanze e Giustizia del Senato (S. n. 1243 a firma Romeo).

In questo modo, Lecce, che è sede naturale di Corte di Appello, avrebbe la sua sede organica ed organizzativa della Corte di Appello tributaria e non dovrebbe più dipendere da Bari, con il rischio, come oggi, di vedersi trasferiti 1848 fascicoli dei contribuenti salentini.

Continua a Leggere

Attualità

Il mare si tinge di marrone e scatta la psicosi

L’Arpa ha trasferito il risultato dei prelievi effettuati nel mare precisamente in località Scalo di Furno

Pubblicato

il

Una grande macchia di colore giallastro, qualche settimanna fa, aveva colorato lo specchio d’acqua della baia di Porto Cesareo.

Oggi l’Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione dell’Ambiente ha diramato i risultati dei prelievi di acqua effettuati qualche settimana fa confermando che “sono riconducibile alla fioritura di un particolare tipo di alga“.

Il primo cittadino di Porto Cesareo, Salvatore Albano, in una nota ha ribadito: “L’Arpa Puglia ha trasferito il risultato dei prelievi effettuati nel mare di Porto Cesareo, precisamente in località Scalo di Furno, concludendo che i campioni sono caratterizzati da fioritura di microalghe ascrivibili alla specie Margalefidinium c.f. Polyrikoides. Tutto ciò era già accaduto lo scorso anno, il 24 agosto, e l’esito degli accertamenti è stato lo stesso. Non sono riportati effetti nocivi per la salute”.

Continua a Leggere

Attualità

Se 23 anni vi sembran pochi…

Grazie ancora a tutti coloro che, da 23 anni, continuano a seguirci con affetto…

Pubblicato

il

Dopo 23 anni di onorato servizio non cullarsi su quanto già realizzato, ripensare un giornale e rinnovarlo profondamente lo abbiamo sentito come un sacrosanto
dovere! Tutto cambia, tutto si evolve, soprattutto su internet, ed ecco perché abbiamo deciso di rinnovarci anche online con una nuova veste grafica più accattivante, più
funzionale alle nuove esigenze dei lettori e strettamente connessa all’oggetto che, ormai, fa parte della nostra vita: lo smartphone.

Sotto l’ombrellone, nelle sale d’attesa, sulla panchina al fresco di un albero, in un bar, su un marciapiede o in casa, è lo strumento che più di tutti ci informa e ci tiene aggiornati. I giornali cartacei a voler dar retta ad una profezia di almeno 15 anni fa, sarebbero dovuti soccombere sotto il peso del digitale ed invece… siamo qui.

Per questo una nuova grafica, una nuova impaginazione e un “solo” rinnovato spirito giornalistico.
“il Gallo” sarà nuovo nella veste ma antico nel cuore: darà sempre voce a tutti, prediligendo, come racconta la sua storia, chi di voce non ne ha.

Restando fedele al ruolo di garante della verità e di strumento della comunicazione per la crescita di tutto il Salento, guarderà al futuro con coraggio, mantenendo sempre fede al valore etico, sociale ed educativo di una informazione di qualità e mai sottomessa.

Grazie ancora a tutti coloro che, da 23 anni, continuano a seguirci con affetto. Grazie agli inserzionisti che hanno creduto e credono in noi, perché consapevoli o no, sono l’unica fonte di finanziamento della nostra testata che mai ha usufruito di alcun finanziamento pubblico o istituzionale e, forse, anche per questo, continua ad essere libera.

Per davvero.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus