Calcio, in Promozione è già match di cartello: Tricase-Fasano

Da oggi si fa sul serio. Dopo l’andata del primo turno di Coppa Italia di domenica scorsa, inizia anche il campionato. Il programma della prima giornata di Promozione, prevede subito un incontro di cartello, d’altri tempi e d’altre categorie: al “via olimpica” andrà di scena Tricase – Fasano, una sfida che evoca ricordi indelebili nella storia delle due società con un passato importante nel calcio professionistico.

Dopo la sconfitta interna, dal sapore di beffa, rimediata contro l’Otranto (2-3) in Coppa Italia, nonostante il doppio vantaggio iniziale, Striano e compagni per partire bene, dovranno scendere in campo con un atteggiamento propositivo, decisamente diverso da quello dimostrato nei secondi 45 minuti con l’Otranto, cercando di mantenere alta la concentrazione per tutta la durata della gara.

Intanto in settimana, in casa rossoblù si sono registrati due addii, uno in società e un altro in rosa per motivi (sembrerebbe) del tutto personali: martedì sono giunte le dimissioni dell’ex vicepresidente e direttore sportivo Massimiliano Lippolis, mentre da giovedì Giovanni Citto che era rientrato dopo l’esperienza di Galatina, non è più un tesserato del Tricase. Voci di corridoio, non ancora confermate, sostengono che l’ex capitano rossoblù abbia raggiunto un accordo proprio con l’Otranto.

Intanto mister Branà e i suoi ragazzi  hanno continuato a lavorare, per essere pronti ad affrontare il Fasano, una delle “nobili decadute” del calcio pugliese, che dopo due fallimenti negli ultimi dieci anni ha dovuto ripartire dalla Seconda Categoria e che ora si ritrova in Promozione , dopo aver vinto due campionati consecutivi, con il probabile obbiettivo di proseguire la scalata e quindi di puntare all’Eccellenza.

“Non conosco molto bene la squadra del Fasano”- ammette il tecnico tricasino Giuseppe Branà- “ma mi hanno informato che sono attrezzati di giocatori validi, per cui dobbiamo fare molta attenzione”. “Domani come in ogni partita ce la giocheremo” –prosegue- “ perché abbiamo rispetto di tutti e paura di nessuno”.

Il tecnico del Tricase Giuseppe Branà-

Il tecnico del Tricase Giuseppe Branà

Sulle disattenzioni della partita con l’Otranto e in particolare sull’espulsione di Striano ad inizio ripresa che ha costretto il Tricase ha giocare in 10: “sono cose che nel calcio ci possono stare” –precisa Branà- “non abbiamo perso certo per colpa di Striano, perché anche in 10 le partite si possono comunque vincere”. “Purtroppo” –conclude- “eravamo un po’calati sotto tutti i punti di vista, mentre loro prendevano coraggio. Da domani pretendo più attenzione.”

L’allenatore rossoblù dovrà fare a meno due assenze importanti e cioè quelle di De Braco e De Benedictis, che non saranno della gara in quanto squalificati.

 

Questa la probabile formazione che dalle ore 15,30 scenderà in campo per affrontare il Fasano: De Palma, J. Rizzo, Romano, Trotta, Montinaro, Greco, Striano, Mele, Pirelli, Garrapa, D’Amico.

Valerio Martella

Tags:


Commenti

commenti