Serie A! Lecce e il Salento fanno festa

Il Lecce fa suoi  i tre punti contro lo Spezia e  porta a compimento una splendida cavalcata conquistando la Serie A.

Tutto il Salento, dunque, può fare festa per il ritorno nella massima serie dopo sette anni trascorsi tra l’inferno della serie C ed il purgatorio della serie B.

Davanti ad un Via del Mare gremito da oltre 25mila spettatori, la partenza dei giallorossi è piuttosto contratta, gli uomini di Liverani mostrano di sentire il peso della posta in palio.

Non appena i giallorossi, però, ritrovano le loro splendide linee di gioco si portano in vantaggio.

Al 9’ Falco si libera sulla destra, mette al centro e per Peticcione, uno dei migliori in campo, è un gioco da ragazzi insaccare.

La reazione dello Spezia è veemente. La squadra allenata da Marino mostra tutta la sua forza chiudendo nella propria metà campo i padroni di casa. Il pericolo più grosso con una conclusione ravvicinata di Da Cruz e il triplo salvataggio, in ordine, di Vigorito, della traversa e di Venuti, in sforbiciata, sulla linea.

Nel momento del massimo sforzo dei liguri i salentini trovano il raddoppio.

Funziona a meraviglia l’accoppiata Venuti-Falco sulla destra e il piccolo attaccante leccese sforna il secondo assist di giornata per La Mantia. Il bomber ringrazia e con uno splendido tuffo di testa insacca per il 2-0.

Da quel momento il Lecce mostra di essere in controllo.

Tutto il secondo tempo si trasforma, in pratica, in un mega cuntdown in attesa del triplice fischio finale e di dar vita alla festa. Spezia mai pericoloso e Lecce più volte vicino al terzo gol soprattutto con Majer (che bel giocatore!) e La Mantia.

Ad otto minuti dalla fine, mentre da Palermo arriva la notizia del pareggio del Cittadella,un brivido lungo la schiena dei tifosi giallorossi: Capradossi, di testa, accorcia le distanze.

Alla fine è un tripudio di bandiere giallorosse con i tifosi pronti ad invadere il centro della città e a dar vita al tradizionale bagno nella piscina di piazza Mazzini.

Tags:


Commenti

commenti