Connect with us

Appuntamenti

Ruffano: Unde venis? Quo vadis?

Leggere per rendere meno straniere le comunità migranti. La lettura per riscoprire le radici e includere le comunità migranti (soprattutto le donne) e persone con disabilità: conferenza-evento di “Leggere tra due Mari”  con Loredana Capone, Saifeddine Maaroufu, Chiara Idrusa Scrimieri. Aula Consiliare, giovedì 16 settembre, dalle 18

Pubblicato

il

Unde venis? Quo vadis? Da dove vieni? Dove stai andando?


Queste domande racchiudono il senso e danno il nome all’omonima azione di Leggere tra due mari volta alla riscoperta dell’identità territoriale e, al contempo, all’inclusione soprattutto delle comunità migranti presenti nel Salento. Una grande sfida, nella quale vuole ritagliarsi un ruolo rilevante la rete che unisce biblioteche pubbliche, enti istituzionali e soggetti del terzo settore che compongono il partenariato del progetto, ideato da “Libera Compagnia” di Aradeo e “Amici della Biblioteca” di Tuglie con il sostegno di Fondazione Con il Sud e Centro per il libro e la lettura.


Unde venis? Quo vadis? verrà presentato ufficialmente domani, giovedì 16 settembre, durante “Libri, Inclusione, Identità”: la conferenza si terrà alle ore 18 presso l’Aula consiliare del Comune di Ruffano.


L’evento sarà trasmesso in diretta Facebook anche sulla pagina Leggere tra due mari e si aprirà con i saluti istituzionali di Angela Maria Alfarano, presidente di Voce alla Donne; Antonio Rocco Cavallo, sindaco di Ruffano; Michele Bovino e Franco Sperti, referenti di Leggere tra due Mari. Poi, il gruppo di lavoro presenterà i dettagli di “Unde venis? Quo vadis?”.


A seguire, tavola rotonda su “Il ruolo delle biblioteche tra cultura e società” con Loredana Capone, presidente del Consiglio regionale della Puglia, che ha concesso il patrocinio al progetto; Saifeddine Maaroufi, imam della moschea di Lecce; Chiara Idrusa Scrimieri, regista, sceneggiatrice e artista visuale. Modera Fulvia Liquori, membro di Voce alle Donne. In chiusura, si terrà la proiezione del film Fuocoammare di Gianfranco Rosi.


Migranti e persone con disabilità: le biblioteche motore di inclusione con linguaggi nuovi


Fino alla prossima primavera, corsi di lingua, eventi pubblici, atelier teatrali, laboratori musicali, di storytelling, linguistici e in lis si alterneranno in dodici comuni salentini per concludersi ad aprile con il festival “Terreammare”. Il calendario di Unde venis? Quo vadis? è il frutto di sei mesi di progettazione del gruppo di lavoro che vede in prima linea le associazioni Amici Della Musica, Voce alle Donne, Sablio, Casa delle Agriculture e gli enti Unione dei Comuni di Andrano Spongano Diso e Parco naturale regionale “Costa Otranto Leuca e Bosco di Tricase”, con il contributo dell’Istituto Scolastico Aradeo. «La creazione di una rete di Comuni, associazioni e biblioteche voluta dal progetto – spiegano da Voce alle Donne consente, attraverso molteplici iniziative, il coinvolgimento sempre più ampio delle fasce deboli della popolazione, motivandole a frequentare le biblioteche per consolidare e potenziare il loro ruolo di polo culturale e sociale all’interno di ogni comunità».


La Biblioteca “Don Tonino Bello” a Ruffano


L’azione si declina lungo due direttrici. La prima si sviluppa attraverso laboratori di promozione della cultura materiale e immateriale del territorio attraverso l’utilizzo di strumenti editoriali e multimediali innovativi rivolti agli adolescenti, con il coinvolgimento di utenti con disabilità uditive e visive e giovani migranti. La seconda direttrice porterà alla realizzazione di video-contest di cultura letteraria per giovani da 16 a 21 anni, con contenuti di digital storytelling e di racconto del territorio mediante l’utilizzo dello strumento video e/o fotografico.


Mescolare linguaggi e stili diversi, dunque, è la ricetta di Leggere tra due mari per creare inclusione, partendo dalla conoscenza del territorio: “Le immagini, come la musica, avvicinano i mondi – dice Chiara Idrusa Scrimieri, regista e artista visuale – e chiedono un approccio completamente istintivo, spesso senza obbligo di mediazione linguistica. In un mondo che legge poco, i linguaggi audiovisivi sono pionieri per la nostra attenzione, attivano concentrazione, curiosità, riflessioni complesse su temi altrimenti spesso inavvicinabili”.


A Ruffano attenzione alle donne migranti, parla l’Imam: “Lettura strumento per integrarsi”


A Ruffano, dove da decenni vive una radicata comunità magrebina, Unde venis? Quo vadis? cercherà di  favorire il confronto e la relazione tra donne migranti e donne italiane mediante l’approccio al libro. .L’associazione Voce alle Donne, in collaborazione con la biblioteca comunale “Don Tonino Bello” di Ruffano e il centro di interazione culturale Dunya di ARCI Lecce cooperativa sociale, dal prossimo mese di ottobre avvierà laboratori di alfabetizzazione e di lettura rivolti ad almeno dodici donne magrebine di Ruffano e otto donne accolte nei progetti di Arci. Non solo, si avvieranno pratiche di interazione e scambi esperenziali con un gruppo di 18 donne dell’associazione “Ettore Pasanisi” di Torre Paduli, soprattutto ex emigrate in Svizzera e Germania, per ritrovare memorie familiari, destini individuali e collettivi, nostalgie e sogni.

Soprattutto per le donne migranti, la lettura è mezzo per imparare la lingua e la cultura del Paese in cui vivono – dice l’imam di Lecce Saifeddine Maaroufi e conoscere la storia del luogo è un modo per integrarsi e farsi conoscere. Un progetto come questo è importantissimo: promuovere la lettura presso la comunità immigrata significa renderla meno straniera. Alle destinatarie si dà, infatti, modo per conoscere il territorio ma anche di condividere la propria storia, la propria poesia e i propri sogni, in chiave di arricchimento reciproco”.


L’Associazione Voce alle Donne


Nell’Unione dei Comuni Andrano Spongano Diso laboratori anche in lis


Dal 25 ottobre al 12 marzo prossimi, nei paesi dell’Unione dei Comuni Andrano Spongano Diso Unde venis? Quo vadis? verrà declinata attraverso performance sensoriali multi-artistiche. Si partirà con un laboratorio di nuovo arrangiamento musicale di un brano della tradizionale pizzica, che poi sarà tradotto nella lingua di origine dei migranti che parteciperanno e, successivamente, nella lingua dei segni con l’aiuto di un interprete LIS. I gesti saranno la coreografia dell’intero brano, che sarà poi ancora “rimaneggiato” in un laboratorio artistico di ri-educazione tattile e visiva fino all’evento finale di esibizione live.


Dalla terra al mare: atelier teatrali e festival sulla costa di levante


I temi legati all’ecologia rappresentano una chiave di volta essenziale di Leggere tra due mari: è lungo questa rotta che Unde venis? Quo vadis? verrà declinato sulla costa di levante dai partner Parco Otranto- Leuca e associazione Casa delle Agriculture Tullia e Gino, con il coinvolgimento delle biblioteche dell’area e altre realtà del terzo settore come Terrarossa e GUS. Il percorso è articolato a partire da laboratori tematici itineranti per arrivare alla realizzazione di tre eventi che si snoderanno lungo i sentieri del Parco costiero, attraversando diversi paesi del basso Salento per giungere a tre luoghi emblematici del patrimonio architettonico del territorio: il Castello di Andrano, il Palazzo Baronale di Tiggiano e il Castello di Tutino.


La storia locale e la stimolazione multisensoriale nel Capo di Leuca


Attività di lettura ad alta voce basate sulla stimolazione multisensoriale riscoprendo la storia locale. È questo il filo conduttore dei laboratori Unde venis? Quo vadis? che da novembre a marzo saranno organizzati nel Capo di Leuca da Sablio, dalle biblioteche di Castrignano del Capo, Salve e Taurisano e dalla sede Arci Lecce di Patù. Le letture saranno accompagnate da laboratori di musica tradizionale per trasmettere il senso di appartenenza ad una comunità e favorire l’inclusione sociale e culturale. In particolare, è previsto il coinvolgimento dell’associazione locale “Sherazade”,  che si occuperà dello storytelling sul territorio, dell’educazione alla lettura e all’ascolto con l’obiettivo di creare fin da piccoli un legame col proprio territorio attraverso la pratica del racconto.


Ad Aradeo, da strumenti musicali a strumenti multimediali d’innovazione


Tra febbraio e aprile, l’associazione Amici della Musica di Aradeo lavorerà soprattutto sulla cultura immateriale, attraverso l’utilizzo di strumenti musicali che evolvono in strumenti multimediali d’innovazione. Il progetto è rivolto principalmente ad adolescenti e giovani che hanno già un’esperienza musicale da cui partire ma è indirizzato anche al coinvolgimento di chi non ha mai praticato la musica, soprattutto migranti e persone con disabilità. Il racconto inizierà con la storia dell’umanità ma le storie vanno stimolate per essere raccolte e avere modo di raccontarle. Per fare questo si partirà dalle fiabe narrate, musicate e rappresentate con piccoli concerti, incontri e situazioni conviviali.


Leggere tra Due Mari è un progetto nato per sostenere la funzione sociale delle biblioteche pubbliche del Salento. Nato da un’idea delle associazioni Libera Compagnia di Aradeo e Amici della Biblioteca di Tuglie, è sostenuto da Fondazione CON IL SUD e Centro per il libro e la lettura, con la collaborazione di Anci e il patrocinio dell’Associazione italiana biblioteche e del Polo Biblio-Museale di Lecce. Sono 15 i comuni coinvolti, attraverso un ampio partenariato formato da 21 realtà associative, istituzionali e imprenditoriali: oltre alle organizzazioni ideatrici, la rete è composta dalle biblioteche comunali di Aradeo, Taurisano, Collepasso, Cavallino, Taviano, da Comune di Andrano, Comune di Collepasso, Unione dei Comuni Andrano-Diso-Spongano, Istituto scolastico di Aradeo, Parco regionale Otranto-Leuca, Amici della Biblioteca di Tuglie, Anima Mundi, Aps Amici della Musica, Casa delle Agriculture Tullia e Gino, Ciàula, Corte Grande Edizioni, Sablio, Università Popolare Aldo Vallone, Voce alle Donne.


Appuntamenti

Pittule e pizzica a Specchia

Musica e cucina salentine nel sabato sera specchiese

Pubblicato

il

L’ Associazione Sportiva – Culturale “Lucrezia Amendolara” (già “Eugenia Ravasco”) comunica che sabato 20 agosto, alle ore 21.30, in Piazza del Popolo a Specchia si svolgerà “PITTULE E PIZZICA”, giunta alla III edizione e realizzata con il Patrocinio del Comune di Specchia.

Durante la serata, oltre le pittule, sarà possibile degustare vari prodotti tipici: pasta fresca al sugo, vino e angurie, ma sarà l’occasione per i turisti che raggiungeranno Specchia di ammirare gli angoli, in particolar modo la “rua ranne”, di uno dei “Borghi più Belli d’Italia”, riconoscimento ottenuto nel 2003.
L’evento sarà allietato dalla musica de “I CALANTI – Pizziche e Tarante del Salento”, un gruppo di sei giovani musicisti e due coppie di ballerini quasi tutti appartenenti alla Famiglia Colitti di Ugento (Le), che rinnovano una tradizione musicale di famiglia nella quale la passione per la cultura e le tradizioni popolari del Salento hanno creato questo gruppo, che nel 2022 celebra ventiquattro anni di attività.
Numerosi i concerti tenuti da “I Calanti” ed anche le rassegne e i festival a cui hanno partecipato. Sono stati chiamati a partecipare anche a vari programmi televisivi su: SKY, RAI e Mediaset, realizzando cinque lavori discografici tra cui un dvd live e l’inserimento di brani in alcuni film, portandoli ad un percorso musicale sempre più intenso.
L’ Associazione Sportiva-Culturale “Lucrezia Amendolara”, con la denominazione “Eugenia Ravasco”, svolge la sua attività a Specchia dal 2005, contribuendo fortemente alla crescita culturale della cittadina e alla sua promozione turistica e nel 2021 ha modificato il suo nome, richiamandosi alla matrona romana che, secondo un’antica leggenda, fu la fondatrice di Specchia.
Nel corso della sua pluriennale attività, il sodalizio ha organizzato e promosso a Specchia numerosi eventi e iniziative: la “Biciclettata Specchiese”, il “Premio Specula”, dal nome in latino di Specchia, e la “Corrida Show Specchiese” riscontrando in ogni appuntamento grande successo di pubblico, consensi e commenti positivi.
Negli anni di attività, l’evento più impegnativo per il sodalizio, ma con molte gratificazioni per la numerosa partecipazione di visitatori provenienti da tutta Italia, sono state le diverse edizioni del “Presepe Vivente nel Borgo”, un evento divenuto un piccolo gioiello della spiritualità salentina.
Tra le altre iniziative più significative occorre evidenziare: la pubblicazione di un calendario con foto d’epoca, storie, culture, filastrocche e antiche tradizioni della vita di una volta della cittadina di Specchia e nell’ottobre 2010, l’apporto organizzativo per le riprese di “Borgo d’Italia”, trasmissione televisiva di TV 2000 dedicata a Specchia, nel mese di gennaio 2014 ha organizzato la partecipazione di Specchia per due giornate nella nota trasmissione televisiva “Mezzogiorno in Famiglia” su RAI DUE e inoltre, diverse serate di aggregazione e di cabaret che si svolte grazie all’iniziativa del sodalizio.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Alessandraxledonne al Gibó contro i tumori

Dalla chirurgia di precisione alle terapie personalizzate. Serata speciale martedì 23 agosto per aiutare la ricerca

Pubblicato

il

Per il quinto anno consecutivo, si conferma l’appuntamento di Alessandraxledonne, associazione fondata in memoria di Alessandra Peluso, che si celebrerà il prossimo 23 agosto al Gibò di Gagliano del Capo.

L’associazione torna a farsi promotrice di temi didivulgazione medico-sanitaria per il territorio organizzando, nell’ambito di una cena di beneficenza, un dibattito moderato da Claudio Stefanazzi, Capo di Gabinetto della Presidenza della Regione Puglia e che vedrà coinvolti il Prof. Giovanni Scambia, Direttore Scientifico della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli, IRCSS, nonché Direttore del Dipartimento per la Salute della Donna e del Bambino, luminare a livello internazionale per l’oncologia ginecologica insieme al Prof. Franco Locatelli, Direttore di onco-ematologia e terapia cellulare dell’Ospedale Bambin Gesu’ di Roma, nonché Direttore del Consiglio Superiore di Sanità.

La tavola rotonda vedrà anche la partecipazione dell’Assessore alla Sanità della Regione Puglia, Rocco Palese e di Michele Perrino, Presidente, Amministratore Delegato e Regional Vice-President NWE di Medtronic, azienda leader globale nell’innovazione tecnologica dei dispositivi medici e dei servizi biomedicali.

Con l’iniziativa del 2022, Alessandraxledonne nel continuo impegno di divulgazione medico-scientifica si pone come obiettivo quello di rendere note le esperienze realizzate da alcuni luminari e professionisti affermati a livello internazionale che collaborano con la regione e che stanno mettendo a disposizione importanti traguardi nella ricerca e nella sperimentazione medico-scientifica come appunto il Prof. Scambia, attraverso l’utilizzo del nuovo strumento di robotica assistita Hugo anche in ambito onco-ginecologico sviluppato da Medtronic ed il prof. Locatelli, padre oramai da qualche anno della nuova terapia Car-T e che intende sviluppare programmi anche nel nostro territorio.

La tavola rotonda continuerà nel solco proposto lo scorso anno, uno dei pilastri della mission di Alessandraxledonne, ovvero il fil rouge che legamedicina, ricerca e opportunità per il territorio locale. Sarà pertanto l’occasione da un lato, per ascoltare e dialogare in modo aperto ed autentico su come le potenzialità della ricerca possano tradursi in opportunità concrete e sostenibili per un sistema sanitario debole, di cui la pandemia nel corso degli ultimi due anni ha rivelato tutte le sue vulnerabilità.

La costruzione di nuove strutture ibride a cavallo tra il sistema di cura ed il sistema della ricerca, diventa naturalmente motore di sviluppo per la formazione dei giovani nel settore bio-medico per crescere al servizio del sistema locale.

Non a caso sarà rilevante anche la presenza del dott. Perrino, dinamico promotore in Puglia con Open Innovation Lab, dell’ambizioso progetto che si pone come laboratorio di opportunità per giovani talenti, già attivo a Lecce attraverso il Salento BiomedicalDistrict, in collaborazione con l’Università di Lecce.

Alessandraxledonne si pone a sostegno di queste iniziative e la raccolta di fondi servirà a finanziare idee innovative per l’health che giovani ricercatori potranno sviluppare grazie anche al supporto di aziende locali nel senso più concreto e appropriato di economia circolaredove pazienti, enti sanitari, aziende e giovani ricercatori beneficiano di una sinergica mutualità limitando costi e massimizzando valore, salute e benessere per tutti, in un concetto di piattaforma eco-sanitario.

Alle ore 21:30, la serata proseguirà con la cena di galache quest’anno vedrà nuovamente come protagonistaanche la suggestiva ed incantevole location del Gibò,presso la baia del Ciolo, grazie alla generosità della famiglia Costa.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Porto Rubino: questa sera Tricase su Rai 2

Brunori SAS, Samuele Bersani, Roberto Esposito e gli altri artisti che hanno animato la serata tricasina in seconda serata in Tv

Pubblicato

il

Il suggestivo viaggio di Porto Rubino tra le coste della Puglia non si arresta e diventa un programma televisivo, approdando su Rai2, dalle 23.

Questa sera, fra le suggestive location che hanno ospitato il Festival, anche la Città di Tricase con l’appuntamento del 10 luglio scorso.

Brunori SAS, Samuele Bersani, Roberto Esposito e gli altri artisti che hanno animato la serata tricasina in prima serata in Tv.

https://www.raiplay.it/dirette/rai2/Porto-Rubino-68d870e6-7922-4a7e-a427-76963877e30c.html?wt_mc=2.www.fb.raiplay

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus