Connect with us

Attualità

Meteo: ecco le prime piogge d’autunno

Previste precipitazioni anche temporalesche a partire da domani. Temperature in calo

Pubblicato

il

Dopo un’estate calda e prolungata fino ad oggi è in arrivo sul Salento la prima perturbazione d’autunno che porterà nubi e precipitazioni anche nel tacco della Penisola.


L’annunciato peggioramento è, infatti, alle porte e già da domani pomeriggio sono previste piogge (e temporali in serata).


Anche dal punto di vista termico, ovvio attendersi una generale diminuzione delle temperature.

Secondo gli aggiornamenti del meteo  provenienti dal Centro Europeo per le previsioni a medio termine, infatti, nei prossimi giorni, nuovi affondi perturbati provenienti dal Nord Europa, alimentati da aria più fresca, potrebbero interessare nuovamente l’Italia, alternati a breve parentesi più miti: il clima autunnale, pertanto, con valori termici anche al di sotto delle medie stagionali, potrebbe proseguire.


 


Attualità

Primi fiocchi a Lecce: arriva la neve?

Pubblicato

il


Primi fiocchi dal cielo: arriva il nevischio nel Leccese.





Nelle zone a ridosso della città si avvicinano i nuvoloni neri e vien giù qualche fiocco. Il preludio al weekend che, come vi abbiamo raccontato in mattinata, potrebbe registrare delle nevicate. Per approfondire il tema, con la mappa delle zone a rischio neve in Salento, clicca qui.





Continua a Leggere

Attualità

Il Salento saluta l’Albania

Pubblicato

il


Il cielo terso incanta il Salento. O perlomeno una buona metà: la sponda Adriatica oggi saluta le montagne dell’Albania innevate.





Decine di scatti si susseguono sui social: addirittura dai tetti di Maglie e Ruffano si scorge la costa balcanica.





Le foto che pubblichiamo sono state scattate, oltre che da Maglie e Ruffano, dalla collina della Madonna di Fatima a Tricase, da Torre Nasparo a Tiggiano e da Marina Serra a Tricase.






Continua a Leggere

Attualità

Puglia oggi gialla, da domani arancione: cosa si può e non si può fare

Pubblicato

il


Dopo lo scorso weekend in arancione, si passa a un fine settimana bicolore.





Da domani, 17 gennaio, la Puglia passa in zona arancione, ma oggi, sabato 16, resta in zona gialla. E fra medici ed epidemiologi aumenta la preoccupazione per un sabato con bar e ristoranti che potranno rimanere aperti, con la possibilità di consumare cibi e bevande all’interno dei locali.





Conte ha firmato ieri il nuovo decreto che contiene misure anti Covid valide da sabato 16 gennaio, fino al 5 marzo. Poi l’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, che a partire da domenica 17 gennaio istituirà tre zone rosse (la provincia autonoma di Bolzano e le regioni Lombardia e Sicilia) e zone arancioni fra cui la Puglia, oltre ad Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Umbria, Valle d’Aosta, Calabria, Emilia-Romagna e Veneto. Il Tacco d’Italia è infatti fra le regioni che hanno l’indice di trasmissione Covid superiore a 1 nel periodo 4-10 gennaio, con dati aggiornati al 13 Restano in zona gialla: Basilicata, Campania, Molise, Sardegna, Toscana, Provincia Autonoma di Trento





Sabato giallo: cosa si può fare





Ancora per la giornata di oggi, sabato 16 gennaio, bar e ristoranti possono restare aperti fino alle 18, fatto salvo il rispetto delle misure anti contagio. Come sempre l’asporto è consentito fino alle 22 mentre per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni. I negozi sono aperti, mentre restano chiusi centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione di farmacie, tabacchi, punti vendita di generi alimentari ed edicole al loro interno. Sempre chiusi piscine, palestre, teatri e cinema, mentre sono aperti i centri sportivi.





Da domani, in zona arancione




Sarà vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra regioni e province, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. 
È vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune.





Lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata è consentito, nell’ambito del territorio comunale, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5:00 e le ore 22:00, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi. Sono consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia;
Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida diretti a prevenire o contenere il contagio.





Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22:00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici ATECO 56.3 e 47.25 (bar senza cucina e commercio al dettaglio di bevande, ndr) l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18:00. Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, gli itinerari europei E45 e E55, negli ospedali, negli aeroporti, nei porti e negli interporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.
Sono sospesi le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, ad eccezione delle biblioteche dove i relativi servizi sono offerti su prenotazione e degli archivi, fermo restando il rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemica.





A queste disposizioni si aggiungono quelle valide sull’intero territorio nazionale, come il coprifuoco dalle 22 alle 5, l’obbligo di mascherine. Resta consentito “svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva“. Le attività commerciali al dettaglio sono aperte “a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all’interno dei locali più del tempo necessario all’acquisto dei beni”.





Nelle giornate festive e prefestive “sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali ed altre strutture ad essi assimilabili, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie”.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus