Connect with us

Attualità

Tutti gli uomini del Presidente

Salentini in lista. Election day domenica 20 e lunedì 21 settembre. Stringe il tempo per definire le liste ma molte decisioni appaiono già prese: tutti i candidati già noti nel Collegio leccese

Pubblicato

il

L’election day 2020 si terrà domenica 20 e lunedì 21 settembre (la mattina), con regionali, referendum, elezioni amministrative e suppletive.


GLI ASPIRANTI GOVERNATORI


Giochi chiusi per quanto riguarda i candidati a governatore di Puglia: Michele Emiliano si è aggiudicate le Primarie e a capo del centrosinistra (quasi) unito correrà per la riconferma; nel frattempo Italia Viva si è sfilata dalla coalizione che sosterrà il presidente uscente e sosterrà la candidatura del sottosegretario agli Esteri, Ivan Scalfarotto; Raffaele Fitto, benedetto dalla triade di centrodestra Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, sarà il candidato della coalizione di centrodestra; Antonella Laricchia, che si è aggiudicata le Regionarie, è invece la leader designata dei 5 Stelle; Alessia Ruggeri, vice presidente nazionale di Confimprese Italia, sarà a capo del PIN, il movimento delle Partite Iva Nazionali.


A loro si è aggiunto negli ultimi giorni Pierfranco Bruno candidato di Fiamma Tricolore.


Anche per quanto riguarda i candidati al consiglio regionale ed ai candidati a matrice salentina vi sono già molte certezze.


CON FITTO


A sostegno di Fitto, il centrodestra presenterà 5 liste: FdI, la lista del presidente e un’altra civica che faranno diretto riferimento a Raffale Fitto più quelle della Lega e di Forza Italia.


Con Forza Italia correranno: l’ex sindaco di Tricase, Carlo Chiuri; il consigliere regionale uscente (passato nello scorso febbraio dal gruppo misto a Forza Italia) Aldo Aloisi; il vicecomandante della Legione Carabinieri, Abruzzo e Molise e Presidente del Co.Ce.R., Antonio Buccoliero, tarantino, da anni residente a Lecce, già consigliere regionale in altre legislature; le neretina Paola Mita, ex vice di Gabellone alla Provincia e prima candidata ufficiale di Forza Italia alle regionali 2020; la consigliera di maggioranza di Taviano, Antonella Previtero; l’ex candidato sindaco di Copertino, Vincenzo De Giorgi.


Tra i candidati di Fratelli d’Italia (o della civica legata a Fitto): il consigliere uscente leccese, Saverio Congedo; Luigi Manca, di Novoli, anche lui consigliere uscente; l’ex presidente della provincia, Antonio Gabellone.


Nella lista della Lega certi di un posto: il coordinatore provinciale Gianni De Blasi; l’editore tv (Telerama) Paolo Pagliaro; il chirurgo plastico del “Fazzi”, Fernando Tarantino, leccese, già candidato alla Regione con Forza Italia; l’ex sindaco di Squinzano, Mino Miccoli;  il segretario cittadino della Lega a Carmiano, Salvatore De Cruto, ex Udc, candidato del carroccio nelle ultime amministrative leccesi.


CON EMILIANO


Nel centrosinistra non si rinuncia ai capisaldi. Così nelle fila del Pd ritroveremo in lista: la vice presidente uscente Loredana Capone ed il consigliere uscente di Melpignano Sergio Blasi. In quota Pd anche l’ex sindaco di Racale, Donato Metallo.

Nella stessa coalizione ma in una civica, ci saranno: l’ex primo cittadino di Cutrofiano, Oriele Rolli; il vice sindaco di Lecce, Alessandro Delli Noci; l’assessore regionale uscente  Sebastiano Leo. Permane qualche dubbio sulla presenza dello scorranese Mario Pendinelli.


Per Senso Civico – Un Nuovo Ulivo per la Puglia, si ricandiderà Ernesto Abaterusso e, con lui in lista, ci saranno: l’ex sindaco di Parabita, Adriano Merico; l’ex sindaco di Zollino, Gino Calò, papà di Edoardo, attuale primo cittadino; Giulia Gigante di Cavallino.


Italia in Comune è l’altra lista che si presenterà nel Collegio di Lecce a sostegno di Emiliano. Saranno candidati: il presidente di Italia in Comune alla Regione Puglia, Paolo Pellegrino; Luigi Mazzei referente di Salento Popolare; il consigliere regionale di Voce Popolare, Mario Romano. Con loro Paola Calasso, Pietro Caretto, Michele De Paolis e Giancarlo Russo.


ITALIA VIVA


In Italia Viva, a sostegno di Scalfarotto, saranno il loro contributo in lista l’ex sindaca di Corigliano d’Otranto, Ada Fiore, e l’ex sindaco di Leverano, Cosimo Durante.


L’UDC CHE FA?


Singolare la posizione dell’Udc. Cercando di raccapezzarci, il sunto è che, in Puglia, l’UDC sosterrà Raffaele Fitto e quindi il centrodestra. Dal Salento, però, si apprende che l’assessore uscente, Salvatore Ruggeri, tesoriere del partito, resterà con Emiliano. Il politico di Muro Leccese ha già dato vita alla lista i “Popolari con Emiliano”, un patto federativo tra Puglia Popolare di Massimo Cassano e Gianni Stea e il Centro democratico di Bruno Tabacci e Angelo Sanza.


CIVICA A 5 STELLE?


Mentre si ragiona su possibili mutamenti e subentri dopo le regionarie di inizio anno, sta prendendo corpo la possibilità di una civica anche per il MoVimento 5 Stelle. Possibile che, tra i candidati dell’una o dell’altra lista, figuri anche la tricasina Francesca Sodero.


Giuseppe Cerfeda


Attualità

Casarano: il trionfo della burocrazia, la sconfitta di tutti

Annullata per un cavillo a poche ore dall’inizio “L’Antico Borgo”, presentato come il più grande avvenimento di festa popolare di questo Salento post-Covid. Al palo, Associazione commercianti, gli oltre 70 espositori che già cominciavano a montare i propri stand, i tanti turisti che sarebbero arrivati in navetta e, soprattutto, i casaranesi

Pubblicato

il

Chi è per voi il burocrate?

Ezra Pound li definiva “una malattia. Si suppone che siano necessari, così come si suppone che siano necessarie alla vita certe sostanze chimiche, ma provocano la morte se crescono oltre un certo limite”.

Bene, proprio a Casarano, in questo pazzo, tragicomico weekend, abbiamo visto il trionfo di queste figure così perfettamente descritte dal poeta americano e se da un lato fa amaramente sorridere la pochezza di alcuni atteggiamenti, dall’altro, vestendo i panni di chi quell’affronto lo ha subìto in prima persona, la rabbia, la frustrazione e la voglia di urlare prendono il posto di ogni idea di sorriso benché amaro.

I fatti: nella giornata di mercoledì, gli organizzatori della manifestazione “L’Antico Borgo” (che avevamo presentato come il più grande avvenimento di festa popolare di questo Salento post-Covid) ricevono l’attesa ordinanza con la quale veniva sancita la chiusura al traffico delle aree interessate alla manifestazione, tra cui ovviamente il centro storico, potendo quindi dare il via al rush finale in cui si potevano concretamente realizzare tutto ciò che in oltre due mesi di progettazione ci si era approntati a fare.

Già venerdì sera (la vigilia di un evento che, come detto, coinvolgeva centinaia di persone con tanti soldi investiti) le prime richieste che si potrebbero definire strane, o anomale (anche se perfettamente legittime perché, ricordatelo sempre: il burocrate ha sempre la ragione dei cavilli burocratici dalla sua parte).

Erano state vietate quindi le visite ai frantoi ipogei (pazienza…), erano state richieste le documentazioni relative agli artisti di strada (ovviamente immediatamente reperite perché gli artisti di strada sono dei professionisti in regola e non più i guitti ed i saltimbanchi del medioevo) ed altre evidenze tutte nottetempo regolarmente reperite ed inviate via PEC.

Intorno all’una di sabato, però, a sole tre ore dall’inizio della manifestazione, con le navette già pronte per andare a prelevare i turisti dai villaggi vacanze, con i 70 espositori provenienti anche dal brindisino che cominciavano a montare i propri stand, il colpo di scena che ogni burocrate sogna di poter mettere in pratica almeno una volta nella propria carriera: fermare tutto con la sola imposizione della propria firma!

Tutto annullato! Autorizzazione revocata! Niente più possibilità di chiudere al traffico veicolare il centro storico e di conseguenza: nessun percorso pedonale possibile fra gli stand ed i numeri degli artisti; in due parole manifestazione a… peripatetiche.

Oltretutto, con la codardia che contraddistingue ogni buon burocrate, il provvedimento non viene nemmeno anticipato agli organizzatori che, ignari, proseguono per altre due ore (nel torrido pomeriggio del 1° agosto) ad organizzare, fino a quando i volontari della protezione civile vengono a sapere dai vigili la variazione del programma; ovviamente, alle due del pomeriggio di un sabato d’agosto, è impossibile parlare con il burocrate che con cotanta solerzia ha firmato il provvedimento di revoca.

«Hanno sospeso tutto per via del Covid»; «No, hanno sospeso tutto perché la Commissaria Prefettizia non sapeva nulla»; e anche (giusto per buttarla giù in politica che non guasta mai) «colpa del sindaco!”, (anche se questo evento lo aveva messo a calendario, sponsorizzato e oltretutto si era dimesso più di due settimane prima).

Queste le opinioni della gente comune mentre gli organizzatori non sapevano nemmeno loro cosa dire ed hanno anche cercato di mantenere il più possibile bassi i toni di una rabbia che nelle ore montava e lasciava temere il peggio.

Leggendo attentamente l’ordinanza del settore VI, a firma di tal Stefania Giuri (che si suppone non abbia certo agito lasciando allo scuro la neo Commissaria Prefettizia), il vero motivo è una carenza segnalata dal responsabile del settore IV che segnala al responsabile del settore VI che la SCIA non è completa di cui alla nota PEC che al mercato mio padre comprò… in poche parole: il trionfo, l’apoteosi della burocrazia.

Così i commercianti, i loro sacrifici, il loro lavoro di notte o sotto al sole, l’aver trascurato i propri interessi (ed averci rimesso anche dei soldi), gli espositori giunti da lontano, gli sponsor… nulla hanno potuto di fronte al potere di una così importante firma.

Qualcuno paventa l’ipotesi di costituirsi parte civile in un ipotetico ed improbabile procedimento giudiziario ma sarebbero tempo e soldi sprecati perché il burocrate, sappiatelo, difeso dai mille cavilli della sua autoreferenziale burocrazia, ha sempre ragione.

All’Associazione Commercianti una sola raccomandazione: nonostante tutto, non perdete l’entusiasmo, sarebbe un peccato per Casarano.

Antonio Memmi

Continua a Leggere

Attualità

Vacanze vip: atteso George Clooney

Pubblicato

il

Si temeva potesse essere una estate in lockdown, invece è diventata una estate pienissima.

Per il Salento e la Puglia in particolare. Già indicata come meta favorita e ritenuta più sicura dai turisti, la cara vecchia Apulia non conosce ostacoli in tema turismo e quest’anno è gettonata come non mai.

Il Tacco poi, in particolar modo, è sogno del turista di ogni caratura. Fiore all’occhiello della vacanza tutta italiana: non solo quella “di prossimità” ma anche quella di lusso.

Che ospiti

Lo dimostrano eventi ed ospiti di portata mondiale, quali la Cruise Dior di luglio o l’arrivo di personalità di fama nazionale ed internazionale.

Uno dei più grandi che potrebbe far capolino in terra nostrana è George Clooney. Lo racconta La Gazzetta del Mezzogiorno che, nell’annoverare i nomi di chi ha già assaporato o sta per assaporare mare e terra leccesi (Raoul Bova, Mara Venier, i Ferragnez, Bono, Gianni Morandi, Giorgia, ecc), riporta delle indiscrezioni sul molto probabile sbarco di uno dei più grandi sex symbol hollywoodiani.

Il suo arrivo in Italia è dato per certo. Ancora un po’ di mistero resta sulle sue mete in giro per lo Stivale. Ma i più informati si sbilanciano e lo attendono già in uno dei due aeroporti pugliesi.

Continua a Leggere

Attualità

Cinque nuovi positivi in provincia: il bollettino Covid

Pubblicato

il

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi  lunedì 3  agosto 2020 in Puglia, sono stati registrati 865 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati casi positivi 9: 3 in provincia Bari ; 1 in provincia di Foggia, 5 in  provincia di Lecce.

E’ stato registrato un decesso in provincia di Foggia

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 244174       test.

3970 sono i pazienti guariti.

125 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4648 così suddivisi:
 

1.511 nella Provincia di Bari
382 nella Provincia di Bat
672 nella Provincia di Brindisi
1205  nella Provincia di Foggia;
567 nella Provincia di Lecce;
281 nella Provincia di Taranto;
30 attribuiti a residenti fuori regione.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno  attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Scarica qui il bollettino completo: Bollettino Covid_03082020

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus