Connect with us

Cronaca

Acait, il sindaco di Tricase: “Ok alle proposte, no a polemiche e passerelle”

Il primo cittadino: “Taccia chi non ha come fine il solo bene di Tricase e il salvataggio dell’Acait. È il momento dell’unità, del bene del paese: rimbocchiamoci le maniche e facciamolo tutti insieme, a prescindere da ideologie e partiti”

Pubblicato

il

Piove, ma neanche tanto. Anche nei giorni prima il tempo era stato uggioso e la pioggia è caduta giù insistente ma senza segni di alcuna violenza. Probabilmente, però, il logorio delle gocce che hanno scavato piano piano, non sono quelle della pioggia ma quelle dell’incuria, dell’inadeguatezza, dell’improvvisazione, atavici mali alle nostre latitudini. Così, all’ora di pranzo di un grigio pomeriggio di febbraio, lo squillo del telefono avverte di un messaggio su whatsapp. E subito dopo un altro. Ed un altro ancora. E poi una lunga serie che ovviamente ha allarmato chi scrive.


Lo sconcerto nello scorrere le foto è stato alleviato solo dall’apprendere che non ci sono stati né morti né feriti. E già, perché non fosse stata l’ora di pranzo di una giornata piovosa, la probabilità che qualcuno gironzolasse nei pressi sarebbe stata molto alta (ricordiamo che impiegati comunali dall’altra parte usufruiscono di un capannone per gli attrezzi e dello spiazzo per parcheggio automezzi).


Dato fiato al fiuuuu per lo scampato pericolo, però, è iniziata la rabbia, accompagnata dal solito sconcerto per quello che ci tocca in sorte. E il riferimento non è alla fatalità o alle calamità naturali ma all’inadeguatezza e all’improvvisazione di cui prima. Sui tetti, proprio della parte interessata dal crollo, da poco erano stati installati pannelli fotovoltaici: cascati giù insieme al solaio!


Negli anni passati, va ricordato, sempre in quegli edifici si erano tenute mostre e manifestazioni di vario genere. Acquistato nel 2003 dal Comune con mutuo trentennale (un milione e 675mila euro, parco compreso), l’Acait negli anni è stato, per un motivo o per l’altro, abbandonato al suo destino. Ad eccezione della parte che si affaccia su via Apulia, ristrutturata e resa funzionale a varie attività oltre che ad ospitare la sede della Pro Loco. Il sogno tanto sbandierato ed utile in ogni campagna elettorale  era quella di riportare l’intera Acait agli antichi splendori anche se con destinazioni d’uso diverse dall’antico tabacchificio. Finora nessuno è mai stato in grado di rendere quel sogno realizzabile.


Così come la zona non è mai stata bonificata dall’amianto che ancora oggi è lì, in bell’evidenza e rischia di disperdere le sue pericolose tossine nell’aria.


Il sindaco Carlo Chiuri: “Fuori i mercanti dal tempio”

Il sindaco Carlo Chiuri non le manda certo a dire: “Non è il momento di riempire i vuoti con parole senza senso ma quello di lavorare per risolvere i problemi. Avevamo già avviato un percorso per intervenire sull’Acait, tant’è vero che, appena il giorno prima del crollo, l’ingegnere Vito Ferramosca, responsabile dell’Ufficio Tecnico comunale, aveva accompagnato il personale del Demanio per un sopralluogo proprio in quei locali”.


Carlo Chiuri


Ben venga chi vuole dare una mano e presentare proposte sane e fattibili”, taglia corto il primo cittadino, “come è abitudine di questa amministrazione chineremo il capo e ci metteremo a lavorare. Il semaforo, però, sarà rosso per chi ha interesse solo a fare polemica e passerelle per proprio tornaconto. Taccia chi non ha come fine il solo bene di Tricase e il salvataggio dell’Acait. È il momento dell’unità, del bene del paese: rimbocchiamoci le maniche e facciamolo tutti insieme, a prescindere da ideologie e partiti“.


Resti fuori ogni logica politica della quale sinceramente”, tuona Chiuri, “non me ne frega niente (trasposizione libera e… edulcorata, NdA). Fuori i mercanti dal tempio!”.


Cronaca

Scomparso il professor Mazzorin dell’Uni Salento

In servizio ha tenuto gli insegnamenti di “Archeozoologia: metodologia” e “Storia dell’alimentazione nell’antichità” nei corsi di laurea del Dipartimento di Beni culturali

Pubblicato

il

SCOMPARSO IL PROFESSOR JACOPO DE GROSSI MAZZORIN

È scomparso ieri il professor Jacopo De Grossi Mazzorin, docente all’Università del Salento di “Metodologie della ricerca archeologica” e Direttore del MUSA – Museo Storico-Archeologico dal 2018 al 2022.

In servizio a UniSalento dal 2001, ha tenuto gli insegnamenti di “Archeozoologia: metodologia” e “Storia dell’alimentazione nell’antichità” nei corsi di laurea del Dipartimento di Beni culturali, dove ha fondato il Laboratorio di Archeozoologia (LAZUS), nel quale si sono formati numerosi allievi e ha creato un vivace gruppo di ricerca. In precedenza, era stato in servizio alle dirette dipendenze della Soprintendenza Archeologica dell’Abruzzo e come funzionario presso la Soprintendenza Archeologica di Roma.

Nel 1990 ha avuto un ruolo di primo piano nella fondazione dell’Associazione italiana di Archeozoologia (AIAZ), di cui è stato anche Presidente dal 2011 al 2017; dal 1990 era anche membro dell’International Council for Archaeozoology (ICAZ).
Affermato studioso di fama nazionale e internazionale, autore del primo manuale scientifico di settore pubblicato in Italia (“Archeozoologia. Lo studio dei resti animali in archeologia”, Roma-Bari 2008), ha all’attivo 250 pubblicazioni relative allo studio dei resti animali di siti di età preistorica, protostorica, classica e medievale e di ambito fenicio-punico e orientali.
De Grossi Mazzorin ha realizzato inoltre mostre ed esposizioni di materiali archeozoologici in diversi musei del territorio nazionale fin dal 1977; dal 1998 al 2000 ha coordinato il comitato scientifico per la progettazione ed esecuzione del Polo tematico “Il cavallo e l’uomo” del Museo Civico “Gustavo VI Adolfo di Svezia” del Comune di Blera (VT) e nel 2011 ha prestato la sua consulenza per la progettazione esecutiva e realizzazione del sistema museale di Sestri/Castiglione, ricoprendo anche la posizione di coordinatore scientifico delle tematiche archeologiche in qualità di esperto in archeologia delle risorse ambientali e della produzione ed archeologia preistorica.

È stato membro delle Missioni Archeologiche Italiane in Siria (scavi di Ebla e Tell Tuqan), in Turchia (scavi di Hierapolis e Mersin), in Nepal (scavi di Gotihawa), nella Repubblica Dominicana (scavi di Loma Perenal), in Marocco (scavi di Thamusida), Tunisia (scavi di Althiburos) e a Malta (scavi di Tas Silg); ha tenuto corsi e seminari di archeozoologia presso la Scuola Normale Superiore di Parigi e le università di Barcellona, Valencia, Oslo, Tarragona e Pretoria (Sudafrica); è stato responsabile di diversi progetti di ricerca, nazionali e internazionali.

«Nel corso del mio mandato, del professore Jacopo De Grossi Mazzorin ho potuto apprezzare lo spessore scientifico e umano, ma soprattutto la dedizione con la quale ha portato avanti le proprie attività didattiche e scientifiche, appassionando gli studenti e contribuendo a dare lustro al nostro Ateneo in un settore, quale quello archeologico, in cui da tempo l’Università del Salento è un’eccellenza a livello nazionale e internazionale», dice il Rettore Fabio Pollice, «Se ne è andata una persona speciale, amabile e signorile; ne sentirò, ne sentiremo tutti la mancanza e non mancheremo di ricordarlo in maniera adeguata. Esprimiamo alla famiglia e a tutti coloro che lo hanno amato il nostro più sentito cordoglio».

I funerali si svolgeranno domani, 7 febbraio 2023, alle ore 15, nella parrocchia “San Francesco d’Assisi” a Montemario (piazzetta di Monte Gaudio, 8 – Roma).

Continua a Leggere

Attualità

Allerta tsunami! Evacuata costa adriatica anche nel Salento

Allarme cessato alle 7:19. Nella notte allontanati i cittadini residenti nelle zone basse ritenute a rischio

Pubblicato

il

Allerta tsunami diramato dalla Protezione civile in seguito ad un violento terremoto avvenuto tra Turchia e Siria e che conta già centinaia di vittime.

L’allarme è rientrato alle 7:19 quando, sempre la Protezione civile, ha comunicato la fine di allerta tsunami.

“Si richiama l’attenzione sulla allerta rossa tsunami prevista sulle nostre coste dalle 6:40”, si leggeva sul primo avvertimento, “necessario allontanamento dalle zone costiere basse”.

Dove i vigili urbani dei Comuni di competenza, come avvenuto a Tricase hanno provveduto a far evacuare le abitazioni a rischio.

Il livello di allerta Rosso (Watch) indica che le coste di una o più regioni possono essere colpite da un’onda di maremoto con un’altezza superiore a 0.5 metri in mare aperto e/o un run-up (R) superiore a 1 m; cioè che l’inondazione potrà superare la quota topografica di un metro sul livello del mare.

Quando l’onda di maremoto ha queste caratteristiche, esiste un pericolo reale non solo per le persone più vicine alla costa ma anche per chiunque si trovi in zone poco elevate rispetto al livello del mare.

Per calcolare le aree che possono essere inondate, si fa riferimento a una stima probabilistica sulla massima altezza aspettata dell’onda, che è descritta nel documento emesso dal Capo Dipartimento di protezione civile nel 2018.

Per capire meglio il significato dell’allerta Rossa (watch) bisogna ricordare due cose: la prima è che anche un’onda di un solo metro può generare pericolose inondazioni, in grado di spingersi per centinaia di metri nell’entroterra, e fortissime correnti in grado di trascinare in mare anche persone adulte.

La seconda è che l’allerta Rossa (Watch) può annunciare l’arrivo di onde molto più alte e pericolose, e che queste possono continuare anche per diverse ore dopo l’onda iniziale.

Quando viene diramato un messaggio di allerta Rossa (Watch) è necessario allontanarsi immediatamente dalle zone costiere più basse rispetto al livello del mare, spostandosi in modo ordinato ma veloce in luoghi più elevati.

Le aree da evacuare sono indicate nei piani di emergenza comunali, e sono al momento consultabili per alcune regioni sul sito TSUMAPS.

L’evacuazione deve essere compiuta in tutte le regioni indicate nel messaggio.
gdl.ingvterremoti@ingv.it

Continua a Leggere

Cronaca

Si lega pietra al collo per gettarsi in mare, lo salvano i carabinieri

L’episodio sulla costa salentina alcune settimane fa: feriti due militari

Pubblicato

il

Una vita salvata grazie al pronto intervento dei Carabinieri della Stazione di Galatone e del NORM della Compagnia di Gallipoli.

Una vita a cui un uomo del posto ha tentato di porre fine provando a gettarsi nelle acque agitate e fredde del lungomare di Santa Maria al Bagno.

Tutto accade la sera del 29 dicembre scorso ma il Nuovo Sindacato Carabinieri di Lecce ne dà notizia solo oggi così: “Un passante nota il giovane con una corda al collo fissata ad una grossa pietra e compresa la situazione di imminente pericolo lancia l’allarme alla locale Centrale Operativa mediante l’utenza 112.

I militari dopo pochi minuti raggiungono l’uomo ad un passo dal compiere il gesto estremo e compresa la necessità di dover agire nel più breve tempo possibile, iniziano a parlare con lo stesso al fine di dissuaderlo dal compiere il tragico gesto.

Dopo i primi tentativi andati a vuoto, i militari riuscivano ad avvicinare l’uomo e bloccarlo mettendolo definitivamente in salvo e assicurandolo quindi alle cure dei sanitari e all’abbraccio dei propri familiari che nel frattempo erano giunti sul posto. Nell’evento di soccorso, i due militari della Stazione CC di Galatone riportavano lesioni occorse per trarre in salvo l’interessato procurate nella rovinosa e pericolosa caduta sugli scogli del lungomare. La Segreteria Provinciale di Lecce esprime il proprio ringraziamento ai coraggiosi militari intervenuti e formulando gli auguri per una rapida e completa guarigione”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus