Connect with us

Cronaca

Aggressione ad un minore al bar. Nei guai 20enne leccese

Il giovane al momento dell’aggressione era già sottoposto all’obbligo di dimora  e di presentazione alla polizia giudiziaria per rapina e lesioni personali (reati commessi il 18 agosto 2020 a San Cataldo) in concorso con altre tre persone, in danno di un uomo al quale venivano portati via, usando violenza fisica, una Fiat Punto, un orologio ed una borsa

Pubblicato

il

Gli agenti in servizio presso la Sezione Volanti della Questura di Lecce, hanno tratto in arresto su “Ordinanza di sostituzione della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G. con quella degli arresti domiciliati”, Patrick Intrepido, 20enne leccese.


L’uomo del 13 giugno all’interno di un Bar sito nelle vicinanze di Porta San Biagio, è avvenuta una violenta aggressione nei confronti di un minorenne leccese.


Il tutto ha preso le mosse da un motivo davvero futile: Intrepido si è infastidito per il fatto che il minorenne, passando tra i tavolini, avrebbe incautamente urtato con il suo zaino una busta contenente un regalo, posata sul tavolo da lui occupato.


Dopo averlo ingiuriato, il giovane è passato repentinamente alle vie di fatto, sferrandogli uno schiaffo; nonostante il tentativo di difesa del minorenne, l’aggressione è continuata con l’ausilio del fratello di Intrepido, di 18 anni appena, anch’egli cliente del bar, il quale ha afferrato la giovane vittime per le spalle, facendolao cadere per terra.


L’azione è proseguita con un  colpo sul piede del malcapitato sferrato con una delle sedie del bar.


Subito dopo l’aggressione,  i due fratelli si sono allontanati, lasciando la vittima dolorante e senza l’aiuto di alcuno; infatti, nonostante la presenza di numerosi avventori, testimoni diretti della violenza usata dai due, nessuno è intervenuta in soccorso del minore, che ha dovuto chiamare da sé il 113.

La vittima, a causa delle percosse subite, riportato una prognosi di giorni 10 presso il locale Pronto Soccorso.


I due fratelli sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per lesioni personali aggravate dai futili motivi e violenza privata.


La circostanza che all’atto dell’aggressione Intrepido fosse sottoposto all’obbligo di dimora  e di presentazione alla polizia giudiziaria per rapina e lesioni personali (reati commessi il 18 agosto 2020 a San Cataldo) in concorso con altre tre persone, in danno di un uomo al quale venivano portati via, usando violenza fisica, una Fiat Punto, un orologio ed una borsa, ha determinato l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico a chiedere l’aggravamento della misura all’Autorità Giudiziaria.


Pertanto Intrepido è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.


Casarano

Taurisano-Casarano: schianto e corsa in ospedale

Pubblicato

il

Ancora un violento incidente stradale sulle strade del Salento, da settimane quotidianamente interessate da fatti di cronaca di questo tipo.

Stamattina ben 3 mezzi si sono scontrati sulla strada provinciale 360 che collega Taurisano e Casarano.

Si tratta di un Iveco Daily, una Fiat Punto e una Opel Kadett. L’impatto ad un incrocio con stop nel territorio di Taurisano.

Sul posto l’intervento del 118. L’ambulanza ha condotto i coinvolti in ospedale. Sono tre i feriti. Tra loro anche un bambino di 9 anni che era in macchina con il nonno.

Concitati i momenti subito dopo l’impatto. Negli occhi dei testimoni, di passaggio in quell’istante, uno dei coinvolti sull’asfalto, soccorso dagli operatori sanitari.

Tutta la brutalità dello scontro nelle lamiere delle macchine. La Punto, in particolare, accartocciata su più lati dall’impatto.

Intervento anche di polizia locale, polizia di stato e protezione civile “Falchi del Salento”.

Foto Protezione Civile Salento

Continua a Leggere

Cronaca

Volo fuori strada: codice rosso per 19enne

I vigili del fuoco lo estraggono dalle lamiere lungo la Meridiana del Salento

Pubblicato

il

Un volo fuoristrada, lunghi minuti concitati bloccato nelle lamiere della sua auto e poi la corsa in ospedale in codice rosso.

Nella serata di ieri, pochi minuti prima delle 22:00, un ragazzo di 19 anni è stato protagonista di un bruttissimo incidente sulla strada provinciale 367, la cosiddetta Meridiana del Salento.

A bordo di una BMW 118 il giovane ha perso il controllo del mezzo in prossimità dell’uscita verso Soleto.

La macchina è volata nelle campagne adiacenti la Provinciale, cappottandosi. Alcuni passanti hanno chiamato i numeri d’emergenza.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno estratto il diciannovenne dalle lamiere della sua macchina, all’interno della quale era rimasto incastrato.

Il 118, accorso nel frattempo sul posto, ha preso in consegna il giovane trasportandolo in codice rosso all’ospedale di Lecce, Vito Fazzi.

Continua a Leggere

Cronaca

Quando iniziano i lavori per il primo lotto della 275

Pubblicato

il

Dall’ultimo numero cartaceo de Il Gallo

In qualunque verso la si percorra, la Maglie-Leuca è una strada in salita. Il rifacimento della SS275 è ancora in bilico: il progetto di ammordenamento, avviato quasi 30 anni fa e passato per l’annullamento della prima gara 6 anni addietro, nonché dalla chiusura di un interminabile contenzioso amministrativo, sembra avvicinarsi a soluzione definitiva, quantomeno per il rifacimento di una parte della statale.

L’avvio dei lavori per il primo lotto è ancora una volta vicino, ma al contempo la cantierizzazione non ha data certa in calendario. Una serie di snodi burocratici aprono la corsa contro il tempo per veder avviare i lavori alla fine della prossima primavera. L’ostacolo, però, è sempre dietro l’angolo. Giugno 2023, pertanto, resta da oggi la più rosea delle previsioni. Vediamo insieme perché.

Subito le prime proroghe

Lo scorso mese di giugno, il presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, ha convocato i sindaci e gli amministratori dei Comuni interessati proprio al passaggio del primo lotto del tracciato, che va dal territorio di Maglie alla zona industriale di Tricase. Si tratta degli amministratori di: Melpignano, Maglie, Muro Leccese, Scorrano, San Cassiano, Nociglia, Botrugno, Surano, Montesano Salentino, Andrano, Tricase.

Alla presenza del commissario straordinario e responsabile della Struttura Territoriale Anas Puglia, Vincenzo Marzi, è stato illustrato in quella sede il progetto definitivo del suddetto lotto, per un importo complessivo di oltre 244 milioni di euro spalmati su 23,3 chilometri con raddoppio delle corsie (da due a quattro). Qui, è stato analizzato anche lo stato di attuazione del procedimento in corso.

È seguita, nei singoli Comuni citati, la discussione in merito. I Consigli Comunali sono stati chiamati, uno per uno, a deliberare l’approvazione del progetto in questione. Uno step fondamentale affinché, mentre il Ministero per la Transizione Ecologica e la Regione Puglia stilano le loro valutazioni ambientali, si possa avere la documentazione necessaria a far scattare dapprima le disposizioni di pubblica utilità dell’opera e l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio, e poi la messa a bando dell’opera.

Uno dopo l’altro, hanno risposto positivamente Melpignano, Maglie, Botrugno, San Cassiano, Nociglia, Surano, Andrano, Montesano e Tricase. Muro Leccese, frenato dal Covid, ha deliberato (dopo proroga) lo scorso 5 agosto. Resta quindi Scorrano, investito dalle vicissitudini giudiziarie che hanno visto coinvolto il sindaco Mario Pendinelli.

Così come accaduto per Muro, anche a quest’ultimo Comune il Commissario ha concesso una proroga di 15 giorni per partorire una risposta. E va da sé che, sino all’esito nero su bianco, perduri il timore di un imprevisto che possa cristallizzare ancora una volta la Conferenza dei Servizi e, di conseguenza, la nascita della nuova 275.

Come e quando

Qualora tutto dovesse procedere secondo i piani, quindi, i prossimi appuntamenti sono i seguenti. Entro metà settembre l’approvazione definitiva del progetto. Entro fine novembre la stesura del progetto esecutivo. Cinque mesi poi (e siamo a fine aprile 2023) per indire la gara d’appalto. Per arrivare, infine, ai lavori ad inizio giugno 2023 (con termine da stabilirsi). Se la domanda più frequente è il “quando”, la risposta (seppur riferita al solo avvio del primo lotto) è quindi non prima di 10 mesi. Pur sempre un traguardo se si pensa che, per la prima volta dopo quasi 30 anni, si porrebbe la prima pietra di un’opera che ormai per molti è più una chimera che un progetto.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus