Connect with us

Alessano

Alessano: gattino ucciso e abbandonato in un secchio

La denuncia: «All’interno di un secchio era deposta la carcassa di un gatto, avvolta da una busta perforata in più punti. Vicino, anche un guanto ed uno strato di cellophane»

Pubblicato

il

Macabro ritrovamento ad Alessano. Ce lo segnala un nostro lettore, Francesco Bello che racconta la sua disavventura. «Durante la consueta passeggiata con i miei amici a quattro zampe, l’ennesimo rinvenimento funesto. A comprovare ancora, un’enigmatica ed occulta violenza sugli animali. Poco più di un mese fa, sempre nel borgo alessanese», ricorda Francesco, «mi era capitato di assistere un gattino morente, il quale riversava sul ciglio di un marciapiede, nell’indifferenza ed insensibilità più totali».


Nell’ultimo caso di specie, «per merito del mio Ugo e del suo fiuto infallibile al netto della sue 16 primavere annesse ad evidenti malanni, mi son ritrovato dinanzi a dei segni indecorosi, quasi certamente brutali gesti consumati ai danni di un felino».


In particolare, nei pressi di una strada secondaria del paese, «all’interno di un secchio era deposta la carcassa di un gatto, avvolta da una busta perforata in più punti. Vicino, anche un guanto ed uno strato di cellophane. Probabilmente, strumentazione integrata e/o strumentale alla violenta dinamica avvenuta. Rattristato da quanto constatato, ho fatto ricorso all’unica opzione ammessa, vale a dire, allertare le autorità competenti e per segnalare l’accaduto e per provvedere alla rimozione dell’animale ucciso».


Ciò detto, resta un esteso alone di mistero sulle recenti vicende alessanesi, «perpetrate a discapito di innocenti ed incolpevoli animali e paradigmatiche di arcana, enigmatica ed allarmante ferocia di matrice umana».

In ultimo, Francesco si lascia andare ad una doverosa e genuina riflessione: «Quello che potrebbe essere un auspicio di semplice esecuzione e di spicciola pretenziosità, fa fatica a trovare una giusta ed adeguata rispondenza nella realtà. Considerato il generico proliferare dell’aggressività in tutte le sue sfaccettature, ridondante nostro malgrado in qualsiasi contesto, dai social ad esempi più tangibili come l’episodio qui riportato. Il rispetto per ogni creatura del creato, in primo luogo verso gli ultimi, i deboli siano essi appartenenti al genere umano siano essi appartenenti al regno animali, dovrebbe essere la forza motrice, il faro rifulgente di valori, compassione e progresso su cui fondare ed animare ogni società o più propriamente l’agire umano».


Del resto, uno dei precetti (firmato Dalai Lama) quale pietra miliare, valevole per tutti a prescindere da credenze e/o affiliazioni filosofico-religiose, è il seguente: «Il nostro primo scopo in questa vita è di aiutare gli altri. E se non puoi aiutarli, almeno non ferirli». Troppo utopistico?


Alessano

Montesardo nella Messapia: archeologia, territorio, turismo culturale

Giovedì 30 giugno, alle ore 20, presso l’Ecomuseo dei Paesaggi Culturali del Capo di Leuca Il Massarone

Pubblicato

il

Un incontro pubblico con l’intenzione di coinvolgere la cittadinanza nella riflessione sul destino di un’area di rilevante interesse archeologico ancora poco o nulla documentata e valorizzata.

L’incontro si terrà giovedì 30 giugno, alle ore 20, presso l’Ecomuseo dei Paesaggi Culturali del Capo di Leuca Il Massarone.

Secondo le ricostruzioni del prof. Francesco D’Andria, il sito attualmente occupato dal nucleo storico di Montesardo, in epoca messapica sarebbe stato un centro nevralgico, dominante un vasto territorio, la cui «acropoli era cinta da mura a blocchi squadrati databili al IV secolo avanti Cristo», di cui restano significative emergenze.

L’appuntamento sarò un’occasione di conoscenza di quanto finora emerso e di confronto sul tema delle strategie di restituzione del sito di Montesardo nella prospettiva del turismo culturale. Interverranno:

Saluti istituzionali Osvaldo Stendardo, sindaco di Alessano.

Moderatrice Elisabetta Russo, assessore delegato alla Frazione di Montesardo.

Interventi di: Paolo Marasco Assessore al Turismo-Affari Generali e Ambiente; Francesco D’Andria, archeologo, professore emerito dell’Università del Salento e membro dell’Accademia dei Lincei; Francesco Meo, archeologo dell’Università del Salento e direttore del Museo Archeologico di Muro Leccese; Vincenzo Santoro, responsabile Dipartimento Cultura e Turismo Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Continua a Leggere

Alessano

Alessano in festa per i 100 anni di Antonietta

I nipoti: «La tua gioia, la tua forza e il tuo spirito continuano a vincere, tuttora, contro il tempo»

Pubblicato

il

Cifra tonda per Antonietta, all’anagrafe Antonia Piani, nata il 7 giugno del 1922 (!) ad Alessano.

Toccante il messaggio di auguri dei nipoti: «Adorata zia Tetta, 100 anni sono un traguardo davvero importante e tanto ambito! La tua vita è, ancora oggi, un riferimento, un esempio, un modello per tutti noi e anche come vivi il tuo centesimo compleanno ne è la conferma. Sei una donna che non smetterà mai di essere amata da tutte le persone che la circondano. La tua gioia, la tua forza e il tuo spirito continuano a vincere, tuttora, contro il tempo».

La comunità di Alessano si stringerà con tutto il suo affetto intorno alla concittadina centenaria sabato 11 giugno, quando, alle 18, verrà anche celebrata una messa presso la chiesa di Sant’Antonio.

Continua a Leggere

Alessano

Investito mentre passeggia col cane sulla Alessano-Presicce

Il malcapitato è stato condotto a Lecce per accertamenti, mentre i carabinieri si son presi cura del barboncino, rimasto temporaneamente senza il suo padrone

Pubblicato

il

Una disavventura, talvolta, si può concludere anche con un sorriso.

Ce lo dimostra quanto accaduto nella giornata di ieri, 2 giugno, sulla strada provinciale 79, quella che collega Alessano a Presicce-Acquarica.

Un uomo è stato investito mentre portava a spasso il suo cane (a fine articolo foto e video). Ma il conducente dell’auto che lo ha colpito si è prodigato immediatamente per soccorrere pedone ed animale.

È successo tutto poco prima delle 19. Un uomo di Alessano era lungo la provinciale con il suo barboncino nero. All’improvviso l’imprevisto: una Jeep sopraggiunge ed investe il malcapitato, colpendolo con la parte anteriore della vettura.

Non è un incidente da poco: l’auto resta addirittura danneggiata nel parabrezza.

Il conducente però non si allontana, come talvolta accade, e si prodiga immediatamente per soccorrere il cane ed il suo padrone.

Con lui, anche un medico di passaggio: una dottoressa che, vista la scena, si è fermata a prestare soccorso prima dell’arrivo dei rinforzi.

Sul posto sono infatti arrivati, poi, i sanitari del 118 con un’auto medica ed han deciso di accompagnare l’uomo investito in ospedale a Lecce, per accertamenti.

Per fortuna le sue condizioni non sono critiche e presto la tensione del momento rientra.

Complice anche il bel gesto dei carabinieri che, dopo le operazioni di rito relative al sinistro, si son presi cura del cagnolino, rimasto temporaneamente senza il suo padrone.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus