Connect with us

Cronaca

Malori a catena ad un compleanno intasano 118: sfiorata tragedia

Uomo rischia la vita costretto ad attendere soccorsi impegnati con 5 persone che condividono una curiosa coincidenza

Pubblicato

il


Un compleanno ha rischiato di trasformarsi in tragedia lo scorso mercoledì in quel di Lecce.





Un gruppo di persone, tutte over 40, ha mandato in tilt la macchina dei soccorsi a causa di una serie di sintomi manifestatisi a catena.





Il misfatto





Corriere Salentino racconta nei dettagli la vicenda: in 7 si sarebbero riuniti per celebrare un compleanno e parte della combriccola avrebbe brindato con un liquore alla marijuana fatto in casa.





Gli effetti della bevanda avrebbero causato dalla tachicardia alla secchezza orale, passando per mal di testa e stato confusionale. Costringendo ben 5 persone in ospedale.




“Ma quale festa…?”





Sempre sulle colonne del Corriere la smentita di uno dei malcapitati: non si sarebbe tenuta alcuna festa e non vi sarebbe stato nessun liquore alla marijuana. A detta del protagonista della vicenda, semplicemente, in vari orari della giornata, parte del gruppo si sarebbe recata in visita, a scaglioni, alla stessa persona festeggiata, bevendo qualcosa in un bar e manifestando, in momenti successivi e separati, dei malori.





Il malcapitato





Ad accusare un malore lo stesso giorno e la stessa sera, però, anche un’altra persona che, per come la si voglia mettere, si è comunque ritrovata senza soccorsi. L’uomo infatti era in tutt’altro posto e nulla aveva a che vedere con quanti sopra, ma causa l’intasamento del 118 è stato costretto ad attendere i soccorsi al punto da rischiare la vita e salvarsi per pochi fortunati minuti.





Resta insomma un po’ di incongruenza tra quanto registrato dalla stampa e quanto raccontato da uno dei protagonisti. Ma rimane ai fatti la sfortunata coincidenza che, in una sera di fine primavera come un’altra, ha rischiato di mettere insieme un compleanno ed una disgrazia.


Campi Salentina

Trova portafogli e lo consegna: Campi premia Mohammad

Pubblicato

il

Mohammad è un bambino siriano di 9 anni, ospite insieme alla sua famiglia, nel SIPROIMI dell’Ambito di Campi Salentina gestito da Arci Lecce.

Nei giorni scorsi, Mohammad ha rinvenuto un portafoglio nei pressi di un bar del centro storico e, insieme al padre, lo ha subito riconsegnato nelle mani del sindaco perché venisse recapitato al legittimo proprietario grazie all’aiuto della Polizia Locale.

I protagonisti di questa vicenda sono stati ricevuti oggi dal primo cittadino Alfredo Fina che ha voluto premiare il gesto di Mohammad donandogli una pergamena in segno di riconoscenza.

Alla cerimonia sono intervenuti il Presidente di Arci Lecce Anna Caputo e l’Assessore alle Politiche Sociali Alessandro Conversano che ha voluto omaggiare Mohammad con il libro dello scrittore, da poco scomparso a causa del Coronavirus, Luìs Sepúlveda: “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”.

Continua a Leggere

Cronaca

Spongano è…cardioprotetta!

Pubblicato

il

Grazie alla tempestiva adesione al progetto realizzato da AReSS Puglia (Agenzia regionale socio sanitaria), Spongano è stata inserita nell’elenco dei primi 33 Comuni pugliesi assegnatari di un defibrillatore semiautomatico che sarà installato presso la palestra della Scuola Secondaria di I grado, a disposizione di tutte le associazioni sportive che utilizzano la struttura.

La cerimonia di consegna, alla quale han partecipato il sindaco Gigi Rizzello e il vicesindaco Giancarlo Marti, si è tenuta questa mattina presso la sede del Consiglio Regionale Puglia alla presenza del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, dell’assessore regionale al Bilancio, allo Sport e alle Politiche giovanili Raffaele Piemontese e dei rappresentanti di Anci e AReSS Puglia.

Continua a Leggere

Casarano

Danneggia macchine in sosta e rischia il linciaggio: caos a Casarano

Pubblicato

il

Caos in serata a Casarano dove un ragazzo ha improvvisamente dato in escandescenze in strada ed ha iniziato a danneggiare delle auto, nei pressi del bar La Dolce Vita.

Dal nulla, il protagonista della vicenda, non meglio identificato, ha iniziato a inveire contro delle vetture in sosta nei pressi di un bar, utilizzando anche delle pietre. Apparentemente senza motivo e senza un preciso bersaglio.

Il rumore ha immediatamente attirato in strada i residenti in zona. In pochi istanti un gruppo di persone ha provato a bloccarlo. Tra questi alcuni dei proprietari delle vetture interessate che, in preda all’ira, han provato a raggiungerlo.

Il ragazzo fuori controllo, uno straniero, a quel punto, cogliendo il rischio linciaggio all’orizzonte, è fuggito a gambe levate rifugiandosi proprio nel bar suddetto. Qui, si è chiuso nella toilette, barricandosi sino all’arrivo dei carabinieri. Con i militari anche il 118, giunto sul posto per l’eventuale necessità di un tso.

La situazione è rientrata solo all’arrivo delle forze dell’ordine. Danni da quantificare.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus