Connect with us

Cronaca

Si può morire di paura nella notte di Capodanno?

Purtroppo sì. Mentre tutti festeggiavano a suon di botti e fuochi pirotecnici l’arrivo del nuovo anno, in un appartamento leccese si accasciava la piccola Diana davanti agli occhi increduli dei suoi amici umani

Pubblicato

il

Diana, cucciola di maremmano di soli 11 mesi, dopo un triste abbandono, da poco aveva trovato una famiglia che l’aveva accolta con amore, ma a nulla sono valse le cure dei suoi compagni umani quando, spaventata a causa dei botti di capodanno, il suo cuore non ha retto e un infarto l’ha portata via dall’affetto dei suoi cari.


«Molte persone credono», afferma Giuseppe Albanese, Presidente dell’Associazione ATA PC Lecce, « che quando le associazioni animaliste si battono per l’abolizione di questa becera pratica di festeggiare l’arrivo del nuovo anno con botti e fuochi d’artificio, lo facciano per partito preso. Purtroppo non è così e la morte di Diana ne è un esempio».


«In molte città», continua Albanese, «ormai vanno di moda le ordinanze contro i botti di fine anno ma, fino a quando queste ordinanze non verranno realmente applicate, non serviranno a nulla. A nostro avviso, non basta fare un’ordinanza per vietare i botti, che già sono vietati perché illegali, ma occorre varare una legge nazionale che abolisca definitivamente questa pratica, perché gli animali hanno il diritto a non morire a causa dei botti di Capodanno».

«Vietare non basta, occorrono controlli seri e sanzioni mirate. La nostra Associazione», conclude Giuseppe Albanese, «si batterà con tutte le sue forze affinché questa usanza possa essere debellata, appellandosi al diritto alla vita di tutti gli esseri viventi e lo faremo in memoria della piccola Diana».


Cronaca

Uccisi con oltre 60 fendenti: continua la caccia al killer di Eleonora e Daniele

Pubblicato

il


Circa 60 fendenti inferti alle due vittime: l’assassino di Eleonora Manta e Daniele De Santis si è accanito con ferocia sui corpi di delle due vittime. E’ al momento questa l’unica certezza nota, confermata dall’autopsia e riferita dal legale di famiglia, sul duplice omicidio del giovane arbitro e della sua fidanzata uccisi lunedì sera a Lecce, nel palazzo in cui erano appena andati a vivere insieme.

È giallo, invece, sull’omicida che viene cercato da due giorni: attorno a lui sembra stringersi sempre più il cerchio delle indagini. Anche se fonti inquirenti hanno smentito le voci trapelate su un sospettato già interrogato, altre fonti vicine alle indagini parlano con insistenza di una persona che sarebbe al centro dell’attenzione degli investigatori. Si sa che oltre all’ascolto di testimoni, si sono susseguite oggi perquisizioni e acquisizioni di materiale, e che l’attività investigativa è stata particolarmente intensa in uno dei paesi della provincia di Lecce, Aradeo. Una delle tracce seguite è quella di quel nome, ‘Andrea’, gridato da Eleonora prima di venire uccisa. Lo hanno raccontato i testimoni che hanno detto agli investigatori di averla sentita gridare “Andrea no, Andrea” prima che i fendenti uccidessero entrambi e di avere visto poi fuggire un uomo con un coltello in mano, con il cappuccio di una felpa nera calato sulla testa, guanti neri e uno zainetto giallo sulle spalle.

Il delitto è avvenuto nel condominio in cui vivevano le vittime, in via Montello n.2 angolo via Martiri d’Otranto, nel rione Rudiae, nei pressi della stazione ferroviaria. L’ipotesi più probabile è che le due vittime conoscevano il loro assassino, al quale hanno aperto la porta mentre stavano cenando. Daniele indossava pantaloncini e ciabatte. Sul movente gli inquirenti non si sbilanciano e non confermano né smentiscono l’ipotesi che possa trattarsi di un delitto passionale. La sensazione però è che gli investigatori stiano seguendo una pista concreta. Dovrebbe essere chiara anche la dinamica dei fatti. L’ultimo ad essere ucciso, sulle scale al primo piano del condominio, sarebbe stato proprio Daniele, forse mentre tentava di sottrarsi alla ferocia dell’assassino. Daniele al termine di questa stagione calcistica sognava di arbitrare in serie B e di affermarsi come amministratore di condominio. Infatti, amministrava il condominio in cui viveva e dove aveva deciso di convivere con la sua ‘Elly’.

La sua fidanzata, invece, originaria di Seclì, laureata in giurisprudenza e neo assunta all’Inps, sarebbe stata uccisa per prima sul pianerottolo di casa con numerosi fendenti. Dopo aver completato la sua missione, il killer sarebbe fuggito per le scale e avrebbe imboccato via Martiri d’Otranto facendo perdere le proprie tracce. Ora si aspetta l’esame dei file delle telecamere di sorveglianza della zona per poter consolidare gli indizi raccolti dagli investigatori, basati principalmente sulle dichiarazioni dei testimoni e su qualche traccia lasciata. Quello che è certo è che non si è trattato di un delitto d’impeto, ma di un omicidio premeditato perché il killer ha agito con il volto coperto, indossava i guanti e aveva con sé un coltello che gli investigatori stanno cercando.

Continua a Leggere

Cronaca

Patù torna nella sua scuola

Dopo la ristrutturazione, il plesso riapre alle lezioni. E parte l’iniziativa “Nonno vigile”

Pubblicato

il


Il ritorno a scuola oggi, in molti Comuni della provincia, è un piccolo giorno di festa per centinaia di bambini e ragazzi.





Lo è in particolar modo a Patù dove gli studenti della scuola elementare e della scuola media di via Romano sono tornati nelle loro classi dopo un anno “in trasferta”.





Si è conclusa infatti già prima delle elezioni la ristrutturazione del plesso durata, come promesso dall’amministrazione, il tempo di un solo anno scolastico (in cui classi di Patú erano state temporaneamente trasferite a Salve).





Stamattina il taglio del nastro del sindaco Gabriele Abaterusso all’arrivo dei piccoli studenti.




Nonni vigili





Con la ripresa delle attività scolastiche a Patù, parte anche l’iniziativa “nonno vigile”. Una squadra di nonni volontari seguirà l’accesso a scuola degli studenti, accompagnandoli all’ingresso e scongiurando situazioni di pericolo date dal traffico.





Nelle foto la squadra di nonni vigili ed il taglio del nastro.






Continua a Leggere

Cronaca

Incidente sul lavoro: 41enne perde braccio

È accaduto un uomo di San Cassiano. Al suo arrivo in ospedale i sanitari non hanno potuto far altro che procedere all’amputazione dell’avambraccio sinistro

Pubblicato

il

Un incidente sul lavoro avvenuto nella tarda mattinata è costato l’amputazione dell’avambraccio sinistro ad un uomo di 41 anni.

L’operatore ecologico sarebbe incorso nell’incidente mentre era intento alla controllare un guasto al meccanismo che trita i rifiuti di un camion nel deposito mezzi di Diso.

Il meccanismo del compattatore, però, si è  improvvisamente avviato “divorando” il braccio del malcapitato.

Prontamente soccorso dai sanitari del 118 è stato trasportato d’urgenza in ospedale al pronto soccorso del Cardinale Panico dove i medici non hanno avuto scelta viste le condizioni del suo braccio ed hanno dovuto procedere all’amputazione dell’avambraccio sinistro completamente maciullato.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus