Connect with us

Alessano

Alessano: tentano rapina… col nome sulla felpa!

Tre giovani malviventi tentano rapina in negozio di casalinghi. Dopo il fallimentare tentativo, vengono rintracciati grazie alle testimonianze e al ritrovamento di un passamontagna e di una felpa riportante il nome di uno di loro

Pubblicato

il

Tre arresti nella nottata di ieri in seguito ad un fallimentare tentativo di rapina ai danni di un negozio di articoli casalinghi di Alessano. I giovani improvvisatisi rapinatori sono Biagio Ruocco, 22enne di Corsano, Pompeo Alessandro D’Amilo, 23enne di Tricase, e Tommaso Mele, incensurato 23enne di Castrignano del Capo.

Pompeo Alessandro D'Amilo

Pompeo Alessandro D'Amilo



Attorno alle 18 di ieri, due di loro si sono presentati a volto coperto nel negozio, armati di pistola, intimando alla commessa a svuotare la cassa e consegnargli il denaro contenuto. La dipendente dell’attività ha risposto e ripetuto ai malviventi di non avere contanti in cassa, ma i rapinatori, non fidandosi della donna, hanno deciso di prelevare il registratore e scappare con l’intero apparecchio. Tuttavia la coppia ha dovuto abbandonare ben presto l’improvvisato piano: non è ancora ben chiaro se il peso della cassa o i fili elettrici ad essa collegati abbiano impedito ai ladri di sottrarla.

Biagio Ruocco

Biagio Ruocco


Fallito il tentativo di rapina, i tre si sono dati alla fuga a piedi per le vie di Alessano, mentre scattavano le ricerche dei Carabinieri di Tricase aiutati dai colleghi della stazione locale. Ricostruita la via di fuga, grazie anche alle telecamere di sorveglianza, i militari hanno ritrovato, in una via senza uscita, un passamontagna e una felpa. All’interno di questa, una targhetta identificativa col nome di Biagio Ruocco, già noto alle forze dell’ordine. Come se non bastasse, l’identikit dei rapinatori è stato ricostruito facilmente con l’aiuto dei testimoni presenti nel negozio, grazie al tatuaggio notato sul collo di uno dei tre malviventi.

Tommaso Mele

Tommaso Mele



Alcune ore dopo le ricerche si sono concluse presso l’abitazione di Biagio Ruocco, trovato in possesso di tre coltelli a serramanico. Da lì, i carabinieri si sono spostati nell’abitazione di D’Amilo, cognato di Ruocco, dove davanti all’evidenza data dai referti e dalle testimonianze, i due hanno confessato la tentata rapina. Il nome del terzo complice, invece,  è spuntato poco dopo. Nell’abitazione di D'Amilo è stata ritrovata la pistola scacciacani (molto simile a quelle in uso alle Forze di Polizia) priva di tappo rosso utilizzata nel negozio. Anche lui ha così confessato di aver preso parte alla mancata rapina.

Alessano

Uova marce, rifiuti e piante distrutte: vandali in azione davanti a scuola di Alessano

Il sindaco Francesca Torsello: “Pochi incivili distruggono il lavoro della comunità per restituire decoro”

Pubblicato

il

“Stamattina lungo lo spazio circostante la scuola di via Rimembranze abbiamo trovato uno spettacolo indecoroso per la nostra comunità”. Esordisce così la nota con cui, sui social, il sindaco di Alessano, Francesca Torsello, commenta quanto accaduto nella notte: “Uova marce, farina, rifiuti, sporcizia, piante sradicate, fiori strappati. Da Sindaco sono indignata e profondamente rammaricata: con le autorità stiamo approfondendo la triste vicenda per individuare i responsabili. Non è possibile che noi lavoriamo per rendere più bella e accogliente la città e che alcuni incivili distruggano i frutti delle fatiche collettive. Lavoriamo giorno e notte per far ripartire al più presto un cantiere da un milione di euro per la messa in sicurezza di una scuola, abbandonato non per nostra responsabilità, a causa di un contenzioso impiantato da una ditta, sotto gli strali dell’indignazione collettiva e dei quotidiani reportage fotografici sui social e poi dobbiamo assistere a certi atteggiamenti e a questo scempio? Mi auguro che, coerentemente, ci si indigni anche per questo. I beni collettivi sono patrimonio di tutti. Chi vandalizza, sporca e deturpa non ha rispetto per il lavoro degli altri e per la comunità”. Ecco di seguito il video:

Continua a Leggere

Alessano

Ruggiano e Novaglie, senz’acqua per un giorno

La frazione di Salve e la marina di Alessano interessate dai lavori per il miglioramento del servizio di Acquedotto pugliese. A Ruggiano sospensione dell’erogazione idrica dalle 9 alle 17 di lunedì 14, a Novaglie dalle 9 alle 17 di mercoledì 16

Pubblicato

il

Acquedotto Pugliese sta effettuando interventi per il miglioramento del servizio a Ruggiano (Frazione di Salve). I lavori riguardano l’inserzione di nuove opere idriche. Per consentire l’esecuzione dei lavori, sarà necessario sospendere temporaneamente la normale erogazione idrica nell’intera frazione lunedì 14 giugno. La sospensione avrà la durata di ore 8, a partire dalle ore 9 e con ripristino alle ore 17.

Previsti interventi per il miglioramento del servizio anche a Novaglie, marina di Alessano. I lavori riguarderanno la riparazione di una perdita sulla condotta adduttrice. In questo caso l’interruzione dell’erogazione idrica, nell’intera marina, è in programma per mercoledì 16 giugno. La sospensione avrà la durata di ore 8, a partire dalle ore 9 e con ripristino alle ore 17.

Disagi saranno avvertiti esclusivamente negli stabili sprovvisti di autoclave e riserva idrica o con insufficiente capacità di accumulo.

Acquedotto Pugliese raccomanda i residenti dell’area interessata di razionalizzare i consumi, evitando gli usi non prioritari dell’acqua nelle ore interessate dalla interruzione idrica. I consumi, infatti, costituiscono una variabile fondamentale per evitare eventuali disagi.

Continua a Leggere

Alessano

Incidente di Alessano: cauto ottimismo per i ragazzi coinvolti

Le condizioni dei due 15enni, che hanno riportato rispettivamente un trauma addominale ed uno facciale, e gli sviluppi legali

Pubblicato

il

È ancora apprensione per le sorti dei due ragazzi rimasti sfortunatamente protagonisti del violento incidente registrato nella tarda serata di giovedì ad Alessano.

Test e sequestro

Entrambi 15enni, uno del posto, l’altro (il passeggero) di Tiggiano, erano a bordo di una Cagiva Mito 50, un ciclomotore con le sembianze di una moto che è possibile guidare dai 14 anni d’età. All’incrocio tra due vie a senso unico, via XXIV Maggio e via Scipione Sangiovanni (strada che porta chi arriva dalla frazione di Montesardo verso il cuore del paese), l’impatto con una Fiat Punto. La moto è finita contro la parte anteriore destra della vettura ed è rovinata sull’asfalto. A bordo della macchina un uomo del posto. I mezzi, entrambi, sono stati posti sotto sequestro dal pubblico ministero, in attesa degli sviluppi della vicenda e di, eventuali, ulteriori approfondimenti oltre a quelli di rito. Il conducente della Punto, illeso, è stato sottoposto ai test per scongiurare avesse assunto alcol o droghe prima di mettersi alla guida: è risultato negativo.

Sul luogo del sinistro, i rilievi sono stati effettuati dai carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Tricase assieme ai colleghi della stazione di Presicce-Acquarica.

In ospedale

I due giovanissimi ragazzi sono tuttora in ospedale. Per il conducente, il giovane di Alessano, è stato disposto il ricovero d’urgenza presso l’ospedale Panico di Tricase, pochi minuti dopo lo schianto. In nosocomio, il ragazzo è stato sottoposto ad un delicato intervento: ha subito un grave trauma addominale. La buona notizia è che i medici sono riusciti al momento a scongiurare l’asportazione della milza.

Gravi anche le ferite riportate dal passeggero, il ragazzo di Tiggiano, condotto dal 118 nell’ospedale Vito Fazzi di Lecce. È in coma farmacologico. Ha riportato un trauma facciale e potrebbe essere trasferito in queste ore nel reparto di chirurgia maxillo-facciale.

Entrambi i 15enni, per fortuna, non sarebbero in pericolo di vita.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus