Connect with us

Bagnolo del Salento

Spacciatori, guida senza patente o in stato d’ebrezza: raffica di denunce

Nei consueti controlli del fine settimana i Carabinieri della Compagnia di Maglie hanno denunciato 10 persone per diversi reati

Pubblicato

il

Lo scorso fine settimana i Carabinieri della Compagnia di Maglie hanno svolto un servizio coordinato per la prevenzione e la repressione dei reati in genere, con particolare riferimento ai reati contro il patrimonio ed in materia di sostanze stupefacenti. Particolare attenzione è stata posta alla prevenzione delle cosiddette “stragi del sabato sera” causate spesso dalla forte velocità, e dall’abuso di sostanze alcooliche e stupefacenti.

CarabinieriA Poggiardo denunciato a piede libero D.V.P., studente 17enne di Minervino di Lecce, per spaccio di sostanze stupefacenti: Aveva ceduto sostanza stupefacente ad un 18enne di Ruffano, e a seguito di una perquisizione presso il domicilio, è stato trovato in possesso di un involucro contenente 16  grammi di marijuana. L’assuntore è stato segnalato alla Prefettura di Lecce per uso non terapeutico sostanze stupefacenti.

A Nociglia, denunciato per furto aggravato R.D., operaio 65enne di Montesano Salentino: in qualità di dipendente di un’azienda operante nel settore della raccolta di materiale ferroso, si era impossessato furtivamente di alcuni motori elettrici con avvolgimento in rame. La successiva perquisizione ha consentito il rinvenimento della refurtiva e la restituzione all’avente diritto.

Denunciato M.S., operaio 20enne di Maglie: durante un controllo della circolazione stradale, alla guida della propria autovettura, ha riferito ai Carabinieri di aver dimenticato a casa la patente di guida; dalla verifica dei militari dell’Arma è però emerso che la patente gli era stata ritirata pochi mesi prima poiché trovato alla guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti. Il giovane è stato denunciato a piede libero per false dichiarazioni sull’identità o su qualità personali e guida senza patente.

Sempre a Maglie, segnalato per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti, e denunciato per favoreggiamento personale R.A. impresario 42enne di Scorrano: a seguito di un controllo alla circolazione stradale è stato trovato in possesso di 2 dosi di cocaina ed eroina. Nel corso delle operazioni l’uomo ha reso dichiarazioni mendaci al fine di ostacolare le indagini e “coprire” l’uomo che aveva ceduto le dosi.

Ancora a Maglie, denunciato per guida senza patente e per falsità materiale F.M., commerciante senegalese di  36 anni: controllato alla guida del proprio veicolo, è stato sorpreso senza la patente di guida poiché già revocata; da un controllo approfondito è anche emerso che il contrassegno assicurativo dell’autovettura di proprietà era palesemente contraffatto. Il veicolo è stato sottoposto a sequestro amministrativo.

A Soleto, denunciato per guida senza patente (gli era già stata revocata), T.L. di 55 anni. Sono invece stati denunciati guida in stato di ebbrezza: M.S., 35enne di Otranto; C.F., commerciante 43enne di Martano; S.D., 27enne di Surbo; F.E. , 29enne di Bagnolo del Salento, Denunciato per guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti R.M., imprenditore 40enne di Scorrano.

Infine sono state segnalate alle competenti prefetture per uso non terapeutico sostanze stupefacenti 8 persone di età compresa tra i 16 e i 32 anni e sequestrati un grammo di eroina, 15 gr. di marijuana ed uno spinello.

 

Alessano

100 test in 100 Comuni: test sierologici, ok dalla Regione

L’annuncio del sindaco di Montesano Giuseppe Maglie. Screening epidemiologico anche a Poggiardo, Corsano, Ruffano, Melissano, Alessano, Uggiano la Chiesa, Andrano, Surano, Diso, Maglie e Bagnolo

Pubblicato

il

Lo screening epidemiologico proposto dal Comune di Montesano Salentino, insieme ai comuni di Poggiardo, Corsano, Ruffano, Melissano, Alessano, Uggiano la Chiesa, Andrano, Surano, Diso, Maglie e Bagnolo, ha avuto il benestare della Regione Puglia.

Lo ha annunciato il sindaco di Montesano, Giuseppe Maglie, che fa riferimento alla nota del direttore del Dipartimento Promozione della Salute della Regione Puglia, dr. Vito Montanaro, del 25 maggio scorso, “indirizzata al nostro Comune e a tutti gli altri proponenti”, con al quale “la Regione ha accolto favorevolmente la nostra iniziativa”.

L’indagine epidemiologica, che nei prossimi giorni andremo a realizzare”, spiega il sindaco di Montesano, “sarà inserita nel piano territoriale per la valutazione epidemiologica della circolazione virale della popolazione regionale, organizzato dalle ASL territorialmente competenti per il tramite dei Dipartimenti di Prevenzione. Come Comuni potremo dare un contributo concreto alla mappatura della circolazione del virus, effettuando uno screening, nelle nostre comunità, delle categorie di persone che più sono state a rischio contagio nella fase del lockdown, al fine di comprendere bene quale sia stato l’effettivo impatto del virus nei nostri territori”.

Giuseppe Maglie, sindaco di Montesano Salentino

Giuseppe Maglie che, oltre ad essere sindaco di Montesano, di professione è biologo, ritiene che “questo tipo di indagine sia ancora più probante rispetto, per esempio, allo screening a campione del Ministero della Salute e dell’ISTAT di questi giorni, in quanto un siffatto studio si concentra sulla popolazione che più è stata esposta a rischio e presenta, quindi, maggiori possibilità di individuare soggetti con presenza di anticorpi e magari anche di positivi asintomatici. Capire il numero di asintomatici presenti è fondamentale allo scopo di prevedere e prepararsi per eventuali riprese di focolai epidemici che improvvisamente potrebbero verificarsi”.

L’auspicio del primo cittadino montesanese è “che tale iniziativa sia attuata anche in altri Comuni; questo ci darà un quadro molto più attendibile della reale situazione nel Salento della circolazione del Covid19 . Nel nostro Comune mi occuperò personalmente della realizzazione dell’indagine sierologica che non avrà oneri né per i cittadini né per l’amministrazione comunale”.

Giuseppe Maglie, infine, ringrazia, “i colleghi sindaci che hanno riposto in me la loro fiducia e il dr. Montanaro per avere avuto la sensibilità di percepire immediatamente l’importanza del ruolo che i Comuni possono avere in questa complessa problematica”.

Continua a Leggere

Attualità

Sicurezza strade aree interne: 10 milioni per piccoli paesi

Paesi salentini finanziati: Bagnolo, 163mila; Cannole, 243mila; Giuggianello, 145mila; Giurdignano, 219mila; Palmariggi, 157mila; Patù, 168mila; Sanarica, 183mila; Seclì, 180mila; Surano, 166mila; Zollino, 194mila

Pubblicato

il

Si è riunita questa mattina a Palazzo Chigi la cabina di regia per l’utilizzo del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) per il rilancio della crescita.

Nel corso dell’incontro al quale hanno preso parte il Dipartimento per il Sud e la Coesione Territoriale, il Dipartimento Affari Regionali, il Ministero delle Infrastrutture, il Ministero dell’Ambiente e la Conferenza delle Regioni si è stabilita una nuova assegnazione di 10 milioni di euro del FSC 2014-20 alla Regione Puglia per un “Piano straordinario di messa in sicurezza delle strade nei piccoli Comuni delle aree interne“. Lo ha reso noto l’ufficio stampa del ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia.

I Comuni salentini finanziati: Bagnolo del Salento, 163mila; Cannole, 243mila; Giuggianello, 145mila; Giurdignano, 219mila; Palmariggi, 157mila; Patù, 168mila; Sanarica, 183mila; Seclì, 180mila; Surano, 166mila; Zollino, 194mila.

Continua a Leggere

Bagnolo del Salento

Molestava studentesse: arrestato salentino a Roma

Atti persecutori e violenza sessuale: si fingeva grande chef per attrarre le sue prede

Pubblicato

il

Aveva messo in subbuglio più di un intero quartiere di Roma con i suoi atteggiamenti molesti, durati mesi. È finito ora in arresto Salvatore Mariano, 23enne di Bagnolo del Salento.

Il giovane, domiciliato nella capitale, si fingeva un grande chef per attrarre studentesse e giovani ragazze.

I suoi metodi però andavano ben oltre le bugie. Con la scusa di poter concedere posti di lavoro, otteneva numeri di telefono di ragazze che poi perseguitava e stalkerizzava.

Nella zona di Piramide, Ostiense e Marconi alcune vittime avevano avuto, nel tempo, il coraggio di denunciare quanto gli era accaduto. Tra messaggi privati e post in gruppi Facebook nei quali era descritto l’accaduto, il tam tam ha reso la questione di dominio pubblico. In poco tempo la pericolosità del soggetto è arrivata all’autorità giudiziaria.

Le indagini hanno permesso di appurare che il 23enne, che si dimostrava in principio educato e gentile, si comportava da vero e proprio molestatore: dai racconti di alcune vittime emergono baci rubati, palpeggiamenti e in un caso addirittura l’aver costretto una donna a masturbarlo.

Per il gip è un “soggetto privo di qualsivoglia capacità di autocontrollo“. Stante “il concreto pericolo di reiterazione”, il giudice ha quindi disposto l’arresto del salentino per atti persecutori e violenza sessuale, disponendo che venga trattenuto presso il carcere di Regina Coeli.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus