Connect with us

Attualità

“Supermercati e alimentari restino chiusi a Pasqua e Pasquetta”

Uiltucs Lecce: “Una decisione diversa cozzerebbe con l’invito a restare a casa rivolto a tutta la cittadinanza”. Ordinanze già firmate a Galatone, Sternatia e Salice. Se entro la serata non arriva l’ordinanza regionale di chiusura si accoderanno anche altri come Lecce, Cavallino e Tricase

Pubblicato

il

Non aderiremo allo sciopero, ma riteniamo fondamentale disporre la chiusura delle attività nei giorni festivi. I sindaci si adoperino”.


È in sintesi il messaggio fatto giungere ad ognuno dei Comuni della provincia di Lecce dalla Uiltucs (il sindacato di categoria della UIL che rappresenta i lavoratori del terziario, turismo, commercio e servizi) di Lecce.


«Non aderiremo allo sciopero generale dei lavoratori del commercio alimentare proclamato da Filcams Cgil di Puglia e Lecce per le giornate di Pasqua e Pasquetta. Ciò non toglie che la Uiltucs di Lecce resta fermamente contraria alle aperture commerciali nei giorni del 12 e 13 aprile, così come in tutti i giorni di festività religiose e civili. Tuttavia, in questo momento di grave emergenza sanitaria, riteniamo opportuno agire con la massima cautela e con senso di responsabilità».


Antonella Perrone, segretario generale Uiltucs Lecce


Lo dichiara Antonella Perrone, segretaria provincia della Uiltucs, che lancia un appello ai primi cittadini del territorio: «Invitiamo tutti i sindaci della nostra provincia, sulla scorta del provvedimento già adottato dal primo cittadino di Bari Antonio De Caro, ad emanare apposite ordinanze di chiusura delle attività commerciali per le due giornate in questione, ritenendo peraltro superfluo garantire un tale servizio nei giorni di Pasqua e Pasquetta», dice la segretaria Uiltucs,  «visto che cozzerebbe con l’invito a restare a casa rivolto a tutta la cittadinanza».


«Siamo convinti», prosegue la Perrone,  «che occorra gestire l’emergenza con senso civico e responsabilità, comprendendo il momento che stiamo vivendo ed operando con la massima serietà. Senso di responsabilità che hanno dimostrato e continuano a dimostrare tutti i lavoratori del commercio consapevoli dei forti rischi a cui sono sottoposti, essendo anche loro in prima linea per garantire l’approvvigionamento di beni essenziali. Invitiamo pertanto le aziende del commercio ad applicare scrupolosamente tutte le norme di sicurezza sui posti di lavoro previsti dai protocolli, perché sia garantita la salute di questi lavoratori».


«Cogliamo l’occasione», conclude la segretaria provinciale, «per ringraziare tutti i lavoratori della grande, media e piccola distribuzione nel settore alimentare per l’abnegazione e il senso di responsabilità che stanno mettendo in campo in questi giorni per il bene della collettività».


Il punto centrale della questione è proprio quel «cozzerebbe con l’invito a restare a casa».

Negli ultimi anni il commercio alimentare ha sempre lavorato molto durante la mattinata del Lunedì dell’Angelo quando i negozi restavano aperti per consentire a chi organizzava la Pasquetta di approvvigionarsi del necessario nella stessa giornata.


È chiaro che nelle condizioni attuali non sono consentite né scampagnate, né tantomeno pranzi all’aperto. Ecco che allora tenere aperti anche nei giorni di festa supermercati ed alimentari potrebbe essere colto in maniera distorta come un invito a lasciarsi andare.


ORDINANZA REGIONALE SUBITO O CI PENSINO I COMUNI


Un pensiero immediato e logico che in tanti hanno subito realizzato e, proprio per questo, pare assai probabile che la Regione emani un’ordinanza di chiusura valida per tutto il territorio pugliese.


Nell’attesa Comuni, come Salice Salentino, Galatone e Sternatia, si sono già messi al sicuro con un’ordinanza del proprio sindaco.


Da molti altri Comuni, Lecce, Cavallino e Tricase in primis, i primi cittadini si sono già detti pronti ad emanare un’ordinanza nel caso non arrivino entro la serata chiare ed inequivocabili indicazioni dal Governatore Emiliano.


Anche perché una decisione tardiva potrebbe fare anche danni, con il rimedio che sarebbe peggio del male. Una corsa all’acquisto di chi pensava di trovare tutto aperto anche nei giorni di Pasqua e Pasquetta infatti potrebbe favorire proprio quegli assembramenti che si vogliono evitare.


Attualità

Strade, palestra e impianto sportivo: Supersano investe milioni nel futuro

Pubblicato

il


Il Comune di Supersano strizza l’occhio al futuro e si prepara alla messa di un atto di una serie progetti che riguardano strade, palestra ed un impianto sportivo (foto-rendering a fine articolo).





A loro, sostegno per la copertura della spesa di progettazione definitiva ed esecutiva, anche dei fondi ministeriali.





Il Ministero dell’interno ha infatti stanziato 93mila euro che saranno così ripartiti:
• 16mila per la messa in sicurezza delle strade comunali;
• 38mila per la messa in sicurezza dell’impianto sportivo “Rocco De Vitis” – via Bellini;
• 39mila per la messa in sicurezza edificio palestra scuola primaria – via Puccini





Progetti per cui, nel complesso, verranno investite le seguenti somme:





-l’importo del progetto esecutivo per la messa in sicurezza delle strade comunali ammonta a 1 milione di euro.





– l’importo del progetto esecutivo dell’impianto sportivo “Rocco De Vitis” – via Bellini ammonta a 355mila euro.
-l’importo del progetto esecutivo per la messa in sicurezza edificio palestra scuola primaria – via Puccini ammonta a 1 milione di euro.




“Continua l’impegno”, commenta l’amministrazione, “con attenzione al reperimento di risorse utili alla cura del nostro territorio. Continua l’impegno nel programmare progetti che potranno essere realizzati nel prossimo futuro, perché ci sta a cuore Supersano, perché ci stanno a cuore i nostri ragazzi, perché ci stanno a cuore tutti i cittadini”.






















Continua a Leggere

Attualità

Tricase: gli studenti del “Via Apulia” premiati dal Presidente della Repubblica

Primo posto assoluto al concorso nazionale “I giovani ricordano la Shoah”: collegamento in remoto con Mattarella e la ministra Azzolina prima della diretta su Rai 1. Presente anche il sindaco De Donno che ha consegnato un riconoscimento alla scuola per «aver onorato la città con un così prestigioso risultato»

Pubblicato

il

Mattinata prestigiosa per l’Istituto comprensivo “Via Apulia” di Tricase premiato direttamente dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dalla ministra dell’istruzione Lucia Azzolina per il primo posto assoluto conseguito dalla Terza B della scuola media al concorso nazionale “I giovani ricordano la Shoah” e annunciato lo scorso 23 gennaio.

Causa covid, purtroppo la cerimonia si è svolta in remoto ed è stata impossibile la consueta visita dei ragazzi al Quirinale per presenziare di persona il cerimoniale della Giornata della Memoria.

Prima della diretta tv (Rai 1) gli alunni della Terza B hanno tenuto un collegamento privato con il Quirinale e incassato gli apprezzamenti del Presidente e della Azzolina.

Poi la diretta televisiva a cura del Tg1 dal Quirinale.

In rappresentanza del Comune, presso la sede centrale della scuola in corso Apulia hanno affiancato per l’occasione la dirigente scolastica Rina Mariano: il sindaco Antonio De Donno, l’assessore Anna Forte e la presidente del consiglio comunale Rosanna Zocco.

«Siamo presenti», ha detto il sindaco, «per onorare questo risultato prestigioso, in un periodo in cui purtroppo le condizioni non permettono altro tipo di manifestazioni. Perché non si ripeta mai più ciò che è accaduto nel momento più triste della nostra storia è necessario ricordare e testimoniare!».

De Donno si poi rivolto «ai ragazzi, la dirigente scolastica Rina Mariano e tutti i docenti, cui rivolgiamo i nostri complimenti ed il nostro grazie per aver onorato la Città di Tricase con un premio così significativo».

La motivazione che ha accompagnato il prestigioso risultato: «Gli alunni hanno approfondito la storia della vita di Ida Marcheria Di Segni e della sua fabbrica di cioccolatini; la protagonista ha saputo ricostruire la sua esistenza, dopo la deportazione nei campi di sterminio, dedicandosi al suo laboratorio di dolciumi. La lettura del libro “La ragazza che sognava la cioccolata” e il documentario “Auschwitz e la cioccolata” entrambi di Roberto Olla, sono le fonti a cui si sono ispirati gli allievi. I disegni, gradevoli nella loro semplicità, dialogano con la storia rievocata, fondendosi con le modalità proprie del linguaggio del web e sono ben riferiti ai passaggi cruciali della vita di Ida. Le pagine del sito web elaborato dagli alunni, inoltre, si caratterizzano per l’efficacia comunicativa frutto di una collaborazione interdisciplinare».

Continua a Leggere

Attualità

Aumentano i contagi: il bollettino di oggi

In Puglia 1.233 casi positivi su 11.802 test registrati con il tasso di positività al 10,44%

Pubblicato

il

Nella nostra regione sono stati registrati 1.233 casi positivi su 11.802 test registrati con il tasso di positività che schizza di nuovo verso l’alto attestandosi al 10,44%

La Puglia (zona arancione e con un indice settimanale RT di 1,1), continua, dunque, a fare i conti con i numeri della pandemia.

Solo in provincia di Lecce i tamponi positivi sono stati 144.

Registrati, purtroppo altri 30 decessi, due dei quali in provincia di Lecce.

Il riepilogo

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati effettuati 1.276.613 test.

62.204 sono i pazienti guariti.

53.443 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 118.739, di cui 9.851 nella sola provincia di Lecce.

BOLLETTINO DELLA REGIONE PUGLIA DEL 27 GENNAIO 2021

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus