Connect with us

Cronaca

Tricase, Don Flavio: «Basta furti in chiesa!”

Il parroco però esorta a non scadere in commenti poco civili e atteggiamenti di giustizialismo, «decisamente inappropriati, tanto più in un contesto simile»  

Pubblicato

il

Non può più definirsi un caso quello che ha stravolto la quiete spirituale nella Chiesa di San Domenico di Tricase, appartenente alla parrocchia della Chiesa Madre.

Lo spiacevole episodio ripreso dalle telecamere interne si ascrive infatti ad una lunga serie di furti (consumati o tentati) che vessano ormai da anni le parrocchie della nostra diocesi.

«Dovrò presenziare ad un processo a settembre per un furto di due anni fa», dichiara Don Flavio Ferraro fresco di nuova denuncia contro ignoti.

Il parroco chiarisce le dinamiche dell’accaduto del 25 luglio scorso (erano circa le 13): «Ce ne siamo accorti grazie ad una disattenzione fatale dell’uomo che, introdottosi in Chiesa, ha staccato il catenaccio e lo ha sostituito con un altro, impedendone l’apertura all’addetto nel momento in cui lo stesso doveva provvedere alla raccolta delle offerte; solo dopo averlo forzato ci si è imbattuti nel misfatto».

Dalle immagini della videocamera di sorveglianza, è possibile notare come l’uomo si intrufoli nell’edificio guardandosi furtivamente attorno, per poi attraversare la navata centrale per verificare se potesse agire indisturbato, e tornare a svuotare una cassetta delle offerte, dopo averne forzato l’apertura.

Don Flavio ci tiene anche a motivare la scelta di pubblicare il video e lanciare un appello sui social oltre alla speranza di risalire all’identità dell’energumeno di turno: «Mi auguro che possa avere un’efficacia deterrente al ripetersi di questi episodi e che il responsabile sappia che per un simile gesto è giusto che paghi».  

Il parroco esorta al tempo stesso a non scadere in commenti poco civili e atteggiamenti di giustizialismo «decisamente inappropriati, tanto più in un contesto simile».

Contesto, lo ribadiamo, non nuovo a questi episodi, come testimoniato da un video in circolazione su Youtube, risalente al 2016 e  che ritrae un giovane intento in un furto (con atti di vandalismo inclusi) nella Chiesa di Sant’Andrea a Presicce, salvo poi essere arrestato dai carabinieri di Tricase.

Gioele Zito

Cronaca

SS 274: brutto incidente tra auto e motoape

Soccorsi sul posto e rallentamenti: traffico deviato temporaneamente su uno svincolo

Pubblicato

il

Incidente dopo il tramonto sulla Strada Statale 274 che collega Leuca a Gallipoli.

Il sinistro, registrato poco prima delle 21, è avvenuto nei pressi di Taviano.

I mezzi coinvolti sono andati quasi distrutti. Si tratta di una Toyota e di un Motoape. I resti hanno ostacolato e rallentato il traffico, che è poi stato deviato dalle forze dell’ordine in direzione dello svincolo per Melissano.

Sono due i feriti. La peggio l’ha avuta l’uomo a bordo del Motoape: lo schianto lo ha sbalzato fuori dal mezzo, sull’asfalto. Per lui corsa in ospedale in codice rosso.

Non sarebbero gravi invece le condizioni dell’altro uomo coinvolto.

Continua a Leggere

Cronaca

Ruffano, incendio in centro nella notte

Fiamme accanto a portone su Corso Margherita di Savoia

Pubblicato

il

Mistero a Ruffano dove, nella notte, un piccolo incendio è divampato nel cuore della notte.

Le fiamme hanno preso vita in pieno centro, su Corso Margherita di Savoia, nei pressi del portone di una abitazione.

I vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase sono accorsi sul posto ed hanno domato il rogo. I carabinieri indagano sull’accaduto per risalire ad eventuali responsabili.

Continua a Leggere

Cronaca

Spaccio di cocaina: fermato 29enne

Sostanza e materiale atto alla preparazione delle dosi: in arresto uomo di Poggiardo

Pubblicato

il

Arresto in flagaranza di reato nella giornata ieri, venerdì 13 settembre, a Poggiardo.
I carabinieri hanno fermato M. G. B., 29enne del posto, per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.
Il fermo è arrivato dopo una perquisizione personale e domiciliare nella quale i militari hanno rinvenuto 6 involucri contenenti 24 grammi circa di cocaina, oltre a sostanza da taglio, bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi.
Sottoposto il tutto a sequestro, i carabinieri hanno portato il 29enne presso la casa circondariale di Lecce dove ora è stato lasciato nella disposizione dell’autorità giudiziaria.
Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus