Connect with us

Galatina

Galatina: si ripartirà da Coluccia?

Amministrative 2012: caduto a dicembre, l’ex Sindaco potrebbe essere riproposto da UdC e Io Sud. Il PdL potrebbe ripresentare Maurizio Fedele

Pubblicato

il

Amministrative 2012: caduto a dicembre, l’ex Sindaco potrebbe essere riproposto da UdC e Io Sud. Il PdL potrebbe ripresentare Maurizio Fedele; nel PD si vocifera di un prepotente ritorno di Sandra Antonica. Questo perché dopo appena diciotto mesi di governo, lo scorso 20 dicembre è andato in scena l’ultimo atto dell’Amministrazione guidata dall’ormai ex sindaco Giancarlo Coluccia. E non è una novità per il Comune di Galatina, che nell’arco di cinque anni (la durata di una normale legislatura!) ha visto avvicendarsi a Palazzo Orsini ben tre esponenti di altrettanti schieramenti diversi (Giuseppe Garrisi, Sandra Antonica e, per l’appunto, Giancarlo Coluccia). Ma già dallo scorso luglio i venti di crisi hanno soffiato sull’assise cittadina fino ad arrivare ad una mozione di sfiducia ai danni di Coluccia da parte del PD. Sull’altra sponda il PdL ha assunto una posizione di dissenso ma comunque di attesa mentre i Socialisti hanno ingaggiato un estenuante tira e molla su alcune decisioni dell’Amministrazione non condivise, che hanno portato alle dimissioni dei due assessori Antonio Garzia e Carmine Spoti, con il conseguente loro passaggio tra le fila dell’opposizione. Coluccia ha cercato di porre rimedio alla crisi con l’azzeramento delle deleghe assessorili e cercando il dialogo con le varie forze politiche al fine di stabilire una nuova alleanza che potesse continuare a far vivere l’Amministrazione. E qui le contemporanee dimissioni dei consiglieri Maurizio Fedele, Francesco Sabato e Giuseppe Viva (PdL), Piero Lagna, Daniela Sindaco e Daniela Vantaggiato (PD), Davide Quarta (I Galatinesi), Maria Grazia Sederino (Moderati e Popolari), Marcella Biancorosso, Giuseppe Marrocco, Massimo Sparatane e Giuseppe Spoti (Socialisti). La spallata decisiva, però, è arrivata dalle dimissioni di due esponenti della maggioranza, Antonio Pepe (UdC) e Marco Lagna (Io Sud). Dopo vari dissapori, contrasti e falliti tentativi di mediazione, inevitabile a quel punto la caduta dell’Amministrazione con il conseguente fallimento di quella che doveva essere la “coalizione della svolta”, una sorta di terzo polo nostrano con Io Sud, UdC e Socialisti, che aveva trionfato nelle consultazioni elettorali del 12 aprile 2010. Insomma, un copione già visto sebbene con differenti protagonisti. Sulla situazione che ha determinato il crollo della sua Amministrazione, un provato Coluccia ha dichiarato: “I Socialisti sono molto bravi ad individuare le persone che possono vincere le competizioni elettorali, ma hanno dimostrato di non avere cultura di governo, sono refrattari all’amministrare. È la terza Amministrazione, dopo quelle di Rizzelli ed Antonica, che fanno cadere. Ho mal riposto la fiducia  ma, al contrario della vecchia Amministrazione, non ho cambiato trenta Assessori. Come primo firmatario della mia sfiducia c’è Antonio Pepe, che ha tradito non tanto i valori della sua appartenenza, perché è passato dal PdL all’UdC, ma quelli della mia coalizione. Si è sempre caratterizzato per la sua voglia di arrivismo, tanto che aveva chiesto al PdL la candidatura a Sindaco. Poi non ottenendola, è passato dopo qualche mese nella maggioranza. Io non sposo teoremi ma cerco di guardare i fatti”. Non ha perso tempo il prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta, che con proprio decreto ha conferito l’incarico di commissario prefettizio a Matilde Pirrera, 51enne originaria di Enna, vice prefetto vicario, che dopo appena due giorni dalla caduta di Coluccia ha assunto l’incarico di amministrare la città fino alla prossima primavera. Oltre alla nomina del commissario, il Prefetto ha proceduto con quelle dei due sub commissari, ossia Filippo Romano, vice prefetto e dirigente dell’Ufficio Immigrazione, e Beatrice Agata Mariano, vice prefetto aggiunto, dirigente in posizione di staff dell’Ufficio di Gabinetto. In vista della prossima tornata elettorale filtrano già le prime indiscrezioni, anche se ogni discorso appare prematuro. Pare che UdC e Io Sud tenteranno di riportare Coluccia alla guida di Palazzo Orsini. Il PdL potrebbe riproporre Maurizio Fedele, già candidato sindaco alle precedenti elezioni, mentre nel PD si vocifera di un prepotente ritorno dell’ex sindaco Sandra Antonica, anche se resta da decifrare il quadro delle possibili alleanze.

Massimo Alligri

Continua a Leggere

Attualità

I sindaci salentini a scuola di volo

L’aeroporto di Galatina, che ospita il 61° Stormo ed il 10° Reparto Manutenzione Velivoli, con i suoi 100 milioni di euro all’anno di indotto che ricadono sul territorio, è a buon titolo fra le più importanti aziende del Salento

Pubblicato

il

Una giornata dedicata ai sindaci della provincia di Lecce per far conoscere la realtà e le attività dell’aeroporto di Galatina.

È quello che è accaduto questa mattina in quella che è la scuola di volo più antica ed al tempo stesso la più moderna a livello internazionale.

Accolti in maniera pressoché impeccabile dal Colonnello Alberto Surace, Comandante del 61° Stormo, i Comuni della provincia, rappresentati dai propri sindaci o dai relativi rappresentanti, hanno avuto modo di visitare le infrastrutture, di toccare e di salire sugli aerei militari e di fare anche un giro emozionante sul simulatore di volo.

Questo open-day è un’ iniziativa  che si inserisce nell’ambito di un’azione di apertura verso l’esterno che L’Aeronautica Militare da tempo conduce a tutti i livelli e che ha appunto lo scopo di far conoscere le proprie attività, i propri compiti ed anche i propri innovativi mezzi.

L’aeroporto di Galatina, che ospita il 61° Stormo ed il 10° Reparto Manutenzione Velivoli (Ente tecnico che si occupa della manutenzione dei velivoli addestratori e di quelli delle Frecce Tricolori), con i suoi 100 milioni di euro all’anno di indotto che ricadono sul territorio, è a buon titolo fra le più importanti aziende del Salento ed inoltre può vantare, a differenza di altre realtà militari in Italia, un ottimo rapporto con il territorio ed i suoi abitanti.

Questi i concetti espressi nel briefing iniziale tenuto dal Comandante Surace che ha anche esposto quanto elevato sia il livello di professionalità raggiunto dai propri uomini e dalle proprie donne e da quelli del coubicato 10° RMV.

Ma quel che ha meravigliato tutti è stato indubbiamente apprendere l’importanza e la rilevanza che questa realtà salentina ha a livello mondiale; dall’Argentina a Singapore, passando per Kuwait ed Arabia Saudita, queste solo alcune delle nazioni che hanno deciso di formare i propri jet-pilot presso la base di Galatina e molti altri che attendono il proprio turno per poter avviare qui la propria formazione.

Una punta di diamante nell’eccellenza formativa che viene riconosciuta tale da Paesi con esperienze specifiche fuori discussione come gli Stati Uniti o Singapore o Austria e che fornisce un introito nelle casse dello Stato di tutto rispetto, visto che la formazione di un solo allievo costa qualche milione di euro che le singole nazioni, son felici di spendere pur di formarsi in questa scuola.

Ai sindaci è stato inoltre illustrato il sistema virtuale ad oggi  più avanzato ed innovativo (realizzato dalla italiana Leonardo, del gruppo Finmeccanica) che consente all’allievo in addestramento di volare, nel chiuso del simulatore, in formazione con un aereo reale (dimezzando quindi i costi di esercizio) o che consente addestramenti spinti che altrimenti sarebbero costosissimi e pericolosi da effettuare realmente.

Altra novità presentata in questo appuntamento, l’imminente arrivo, sulla base del nuovo velivolo addestratore T345, anche questo di produzione Leonardo che permetterà di erogare addestramento al volo a circa un decimo dei costi del velivolo di categoria superiore e consentirà la formazione di secondo e terzo livello, soppiantando quindi gradualmente l’ormai anziano MB339.

Un velivolo che, oltre le prestazioni tecnologiche, presta anche attenzione all’ambiente, come ha sottolineato a seguito di una specifica domanda il Comandante Surace, perché ha un impatto inquinante minimo rispetto a quelli del passato.

Insomma, una giornata in cui i sindaci hanno avuto modo di comprendere quanto importante sia questa realtà a pochi Km da noi conosciuta ormai in tutto il mondo e soprattutto avviata a diventare ancor più riferimento per i futuri piloti.

Antonio Memmi

Continua a Leggere

Alessano

Short Message, droga nel sud Salento: le condanne

18 anni a Sergio Panarese, detto Fragola, 34 anni di Tricase, accusato di essere il promotore e di aver diretto il gruppo attivo su Tricase

Pubblicato

il

Oltre 150 anni di carcere al Processo celebrato nella’ula bunker di Borgo San Nicola a carico degli imputati, tutti condannati, arrestati nel corso dell’operazione dei carabinieri Short Message che un anno fa smantellò due associazioni cirminali che controllavano il traffico di droga nel basso Salento.

Le indagini hanno consentito di documentare le attività illecite di due distinte associazioni finalizzate al traffico di sostanze stupefacenti.

La prima era attiva sui territori di Tricase e Tiggiano con ramificazioni nel capoluogo brindisino e nella città di Terlizzi (Ba), dedita alla gestione del traffico di sostanze stupefacenti (cocaina, eroina, marijuana e hashish) sulle piazze di spaccio di numerosi comuni della provincia.

Le indagini ha consentito di individuare i fiorenti canali di approvvigionamento riconducibili ad esponenti di un agguerrito clan malavitoso della predetta località barese (Dello Russo – Ficco), i quali, a loro volta, si rifornivano anche da soggetti di nazionalità albanese.

La seconda associazione criminale operava  su Taurisano Corsano, e riguardava principalmente il traffico e lo spaccio di eroina nei paesi del basso Salento, gestito da esponenti della criminalità del quartiere 167 della città di Lecce.

L’Operazione “Short Message” è stata condotta dai carabinieri della Stazione  di Specchia con il supporto del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Tricase.

Le condanne

18 anni per Sergio Panarese, detto Fragola, 34 anni di Tricase, accusato di essere il promotore e di aver diretto il gruppo attivo su Tricase;

7 anni e 8 mesi per Pasquale Nestola, 49 anni, di Galatina, a fronte di una richiesta di 14 anni e mezzo, per il quale è caduto il reato di essere il finanziatore e condannato come semplice partecipe dell’associazione;

8 anni e 4 mesi a Stefano Schirinzi, 32 anni, di Tiggiano, detto Big o Servola;

9 anni a Ivan Abate, 39 anni di Taurisano;

8 anni e 9 mesi a Roberto Dello Russo, 38 anni, di Terlizzi (Ba);

8 anni e 8 mesi a Paolo Ficco, di 39, di Terlizzi;

4 anni e 4 mesi ad Alessandro De Giorgi, 28 anni, di Brindisi;

8 anni e 2 mesi a Teodoro Vindice, 52 anni, di Brindisi, alias Padre;

10 anni a Dario De Angelis, 29 anni, di Tricase;

7 anni e 8 mesi a Michela De Ruvo, 30 anni, di Terlizzi;

7 anni e 8 mesi a Simone Martella, 35 anni, di Tiggiano detto Moto”;

3 anni a Matteo Zocco, 23 anni, di Corsano, assolto dal reato associativo e per il quale il pm aveva chiesto 8 anni;

4 anni e 8 mesi a Luca Andrea Fratolillo, 33 anni, di Tricase;

5 anni a Luca Frisone, 47 anni, di Lecce, detto Frisa;

5 anni per Roberto Corpus, 53 anni, di Lecce;

4 anni a Giovanni Rizzo, 50 anni, di Taviano, alias Collana;

3 anni per Massimo Petracca, 40 anni, di Castrignano del Capo;

4 anni a Donato Angelo Rainò, 51 anni, di Taviano, detto Donatello;

2 anni e 6 mesi ad Eleonora Baldassarre, 41 anni, di Cavallino;

2 anni e 6 mesi per Francesco Bongiorno, 49 anni, di Lecce;

2 anni e 6 mesi per Antonio Calò, 46 anni, di Lecce, detto il Nano;

2 anni e 6 mesi a Mario De Luca, 42 anni, di Lecce;

Giuseppe Guglielmo, 44 anni, di Miggiano;

2 anni a Sergio Margoleo, 26 anni, di Ugento;

3 anni a Cristian Fortiguerra, 32 anni, di Tricase, alias Crigu;

3 anni per Cosimo Damiano Marco Piro, 48 anni, di Taurisano;

2 anni e 2 mesi per Roberto Santo, 44 anni, di Lecce, detto il Gemello;

un anno e 8 mesi a Cristina Baglivo, 34 anni, di Tricase;

un anno e 8 mesi a Donato Orlando, 33 anni, di Tricase;

3 anni a Salvatore Savarelli, 24 anni, di Gagliano del Capo;

6 mesi a Simone Portaluri, 36 anni, di Cutrofiano.

Le accuse, a vario titolo, contestate agli imputati sono quelle di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio, estorsione e porto illegale di armi.

Continua a Leggere

Cronaca

Litigano per un cavallo e gli spara in faccia

L’autore del tentato omicidio è stato individuato dai carabinieri che lo hanno accompagnato in caserma

Pubblicato

il

Una lite iniziata male e finita peggio. A Galatina, un imprenditore agricolo di 37 anni e un operaio di 27 litigano per il prezzo di vendita di un cavallo e finisce in tragedia.

L’uomo di 37 anni, di Galatina, ha fatto esplodere un colpo di pistola al volto di un 27enne incensurato, scampato alla morte ma trasporato d’urgenza all’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce ed ora in Rianimazione con prognosi riservata.

L’autore del tentato omicidio è stato individuato dai carabinieri di Gallipoli che lo hanno accompaganato in caserma per interrogarlo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus