Connect with us

Lecce

Beto Barbas: «Sempre innamorato di Lecce e del Lecce»

«Spero veramente un giorno di ritornare nel Salento ad allenare i ragazzi. Non ho altra squadra nel cuore che non sia il Lecce»

Pubblicato

il

Vi ricordate di Beto Barbas? Sicuramente uno dei giocatori più amati della storia del Lecce: l’argentino, Juan Alberto Barbas viene acquistato dalla società salentina nel 1985, nelle cui fila giocherà per le 5 stagioni consecutive.


Compagno di squadra di Maradona nelle giovanili della Nazionale Argentina e di Pedro Pasculli con la maglia giallorossa, nel 1988/1989 Barbas è stato uno dei protagonisti del miglior posizionamento della storia del Lecce: il nono posto in Serie A.


In una lunga intervista a Supernews, l’ex centrocampista giallorosso ha ripercorso gli anni d’oro trascorsi nella sua Lecce, che gli è rimasta nel cuore insieme alla sua gente: «Mi fa tanto piacere che dopo tanti anni la gente di Lecce si ricordi di me, per quello che ho fatto calcisticamente», esordisce, «anche i ragazzini che non hanno potuto vedermi giocare mi scrivono dicendomi di conoscermi grazie ai racconti dei propri parenti».


«Il Lecce venne a vedermi a Saragozza», ricorda, «e così, da un giorno all’altro, diventai un giocatore giallorosso. Sin dal primo giorno che sono arrivato a Lecce mi sono innamorato del posto e delle persone che ci abitano. Specularmente, i leccesi si sono molto affezionati a me, mi hanno apprezzato come uomo e come calciatore».


Cinque stagioni con la maglia del Lecce, 149 presenze e 27 gol. Sotto la guida di Carlo Mazzone, nella stagione 1988/89 il Lecce ha conseguito il miglior piazzamento di sempre con il 9° posto in Serie A.  Che ricordo hai?


«Sono arrivato a Lecce con poca conoscenza del calcio italiano. Quando una squadra sale in Serie A, non è facile restare nella parte alta della classifica. Abbiamo fatto grandi prestazioni. Siamo riusciti a mantenere quella posizione in campionato grazie all’esperienza di tanti compagni che avevano già giocato nella massima serie e grazie a Mazzone, che conosceva la categoria. Mi ricordo tutto di quegli anni: eravamo una squadra forte, di ragazzi che avevano fame e che volevano far bene per la società e per i tifosi. La città, poi, è meravigliosa. Io spero davvero un giorno di poterci tornare, perché Lecce con me si è sempre comportata benissimo».


Sei stato compagno dell’immenso Maradona nelle giovanili della Nazionale Argentina e nel Lecce di Pedro Pasculli, altro grande protagonista di quegli anni in maglia giallorossa…


«Con Diego avevo un grande rapporto di amicizia, direi fraterno. Abbiamo iniziato a giocare insieme nel settore giovanile dell’Argentina. Poi, lui ha debuttato nella Nazionale Maggiore prima di me. (…) Per quanto riguarda Pedro, anche lui è un mio grande amico ed ex compagno di Nazionale. In quegli anni, il Lecce voleva inserire in rosa un altro argentino, e io ho fatto subito il suo nome alla società: Pasculli era centravanti della Nazionale e capocannoniere del campionato argentino».


Se dovessi scegliere un solo ricordo della tua esperienza con la maglia del Lecce?


«Concedetemene almeno due. Il primo è il gol che ho realizzato contro il Genoa, quella famosa traversa con il pallone che, alla fine, si è infilato in porta, in quel Lecce-Genoa 2 a 1 della stagione 1989/1990.

Il secondo, invece, riguarda la salvezza conquistata una partita prima della fine del campionato grazie al 3 a 1 inflitto al Torino nel 1988/1989. Ricordo la felicità di Mazzone al termine di quella partita, che dovevano vincere necessariamente: il mister ballava per la grande gioia, e nessuno poteva fermarlo»


Nel 1985/1986 il Lecce, ormai destinato alla Serie B, vince 3-2 un’incredibile partita all’Olimpico contro la Roma, impedendole di vincere lo scudetto. Due delle tre reti giallorosse le segnasti tu…


«Arrivavamo al match contro i capitolini con appena 12 punti in classifica, eravamo praticamente già retrocessi. Siamo andati a Roma senza niente da perdere: in caso di vittoria avremmo tolto lo scudetto ai nostri avversari, mentre in caso di sconfitta sarebbe successo quello che già sapevamo, ovvero la retrocessione in B. Dopo quell’incredibile vittoria ricordo che era impossibile poter uscire dallo stadio. La prestazione contro la Roma è stata forse la più bella di quel campionato: abbiamo giocato rilassati, perché noi non dovevamo vincere a tutti i costi. I capitolini passarono in vantaggio dopo 7 minuti con Graziani. Il nostro Di Chiara innescò la rimonta con un gol al 34esimo, dopodiché arrivò la mia rete su rigore al 53esimo e anche il terzo gol, che segnai dribblando il portiere avversario Tancredi. A pochi minuti dalla fine la Roma segnò il secondo gol, ma ormai era troppo tardi. Pazzesca la nostra gioia al fischio finale…».


Nel 1990 abbandoni Lecce e il Lecce: non rientravi più nei piani del nuovo allenatore Zbigniew Boniek.


«Sarei rimasto, ovviamente, ma sono successe alcune cose. In quegli anni il mio procuratore, Antonio Caliendo, mi disse che il Monaco era intenzionato a prendermi. Boniek, mi chiese quali fossero le mie intenzioni e io gli risposi che volevo restare a Lecce, ma in un Lecce competitivo, che non giocasse con il solo obiettivo della salvezza. Parlai con il ds Cataldo, il quale mi assicurò che sarei rimasto un giocatore del Lecce. Il giorno dopo, leggendo il giornale, scopro che Boniek aveva preferito Aleinikov, e che mi lasciava, così, senza squadra. Ci sono rimasto malissimo, soprattutto per quello che avevo fatto per l’ambiente giallorosso e per l’affetto che la gente nutriva nei miei confronti. Sarei rimasto volentieri. Dopo tanti anni ho ancora il desiderio di ritornare a Lecce, immaginate quanto volessi rimanere allora».


L’attualità: oggi il Lecce guidato da Baroni, è secondo in Serie B, ad un solo punto di distanza dalla capolista Brescia. Credi che quest’anno riuscirà a tornare in Serie A? Hai mai pensato di candidarti come allenatore del Lecce?


«Per poter allenare la prima squadra devi essere molto preparato e, soprattutto, devi vivere il calcio italiano per conoscere da vicino le squadre. Ho sempre detto che mi piacerebbe tornare a Lecce per allenare i ragazzi, che vogliono imparare tanto e subito. Seguo molto il Lecce di quest’anno: conosco molti dei suoi giocatori, credo che Baroni stia facendo un buon lavoro e spero possa far salire la squadra in Serie A».


Ti sarebbe piaciuto giocare in altri club di Serie A?


«No, il mio cuore appartiene al Lecce. Se la società fosse stata intenzionata a vendermi ad un altro club, me ne sarei andato dall’Italia. Io volevo rimanere lì. Non so descrivere il rapporto che ho con la gente di questa città: mi ha sempre dimostrato massimo rispetto, mi ha sempre fatto sentire “a casa” e ancora oggi mi ricopre di affetto. Spero veramente un giorno di ritornare, perché non ho altra squadra nel cuore che non sia il Lecce».


Attualità

Ryanair, Brindisi collegherà anche Perugia e Stoccolma

“Il turismo, settore attrattivo e trainante della nostra economia, si conferma ancora una volta leva fondamentale per le scelte strategiche..”

Pubblicato

il

Dalla prossima estate Brindisi sarà collegata anche con Perugia e Stoccolma.

Due nuove rotte della Ryanair collegheranno il capoluogo dell’Umbria e la capitale scandinava, oltre alle 21 già attive sullo scalo salentino, inoltre la compagnia aerea ha annunciato un ulteriore investimento di 100 milioni di dollari, con un aeromobile aggiuntivo su Brindisi.

 “Siamo lieti di lanciare il nostro operativo estivo più grande di sempre a Brindisi, che offrirà una maggiore connettività e oltre 130 voli settimanali su 23 rotte, tra cui due nuove rotte per Perugia e Stoccolma” ha dichiarato Chiara Ravara, Head of Sales, Marketing and International Comms di Ryanair, e ha spiegato che “l’aereo aggiuntivo non solo rilancerà l’economia italiana guidando il turismo, ma creerà anche altri 30 posti di lavoro diretti nella regione. In un momento in cui altre compagnie aeree stanno riducendo la loro forza lavoro, siamo lieti di fare ulteriori investimenti sia nel nostro personale sia negli aeroporti di tutta Europa“.

 “Il turismo, settore attrattivo e trainante della nostra economia, si conferma ancora una volta leva fondamentale per le scelte strategiche messe in campo da Ryanair e Aeroporti di Puglia”  ha sottolineato Antonio Maria Vasile, vice president of Aeroporti di Puglia, “disporre di un secondo aereo basato su Brindisi, rappresenta una straordinaria possibilità di sviluppo di un territorio, divenuto brand riconosciuto a livello internazionale grazie alla cultura, alla natura, all’enogastronomia e alla storia ma anche rispetto alla straordinaria capacità della Puglia di far fronte alla crisi pandemica“.

Continua a Leggere

Cronaca

Arrestato 42enne, minacciava e perseguitava moglie e figli

L’uomo, non pago, ha continuato a perseguitarli minacciandoli di morte. E’ la triste cronaca di una donna…

Pubblicato

il

La follia di certi uomini è agghiacciante. Per sfuggire a violenze e angherie una donna di etnia rom si era allontanata da casa, portando con se anche i figli, per rifugiarsi in una struttura protetta e poter sfuggire a violenze e angherie fisiche e psicologiche.

L’uomo, non pago, ha continuato a perseguitarli minacciandoli di morte. E’ la triste cronaca di una donna di Lecce che da mesi cerca di sfuggire alle violenze del marito.

Lei 38 anni, ed i figli (di cui un minore), erano riuscita a sfuggire alle violenze quotidiane dell’uomo, della stessa nazionalità, ma il quarantaduenne, scoperto il luogo dove avevano trovato “rifugio”, ha iniziato a seguirli ed a pedinarli e, dopo essersi introdotto furtivamente nel luogo dove vivevano, non ha esitato a minacciarli di morte, accusandoli di averlo abbandonato.

I figli, per fortuna, sembra non abbiano subito maltrattamenti fisici, ma hanno solo respirato la venefica cappa familiare assistendo atterriti e terrorizzati alle violenze subite dalla dalla donna.

Continua a Leggere

Attualità

Turismo Confindustria, Giovanni Serafino Presidente per altri 4 anni

E’ per me un onore ed un piacere essere stato riconfermato alla guida della Sezione…

Pubblicato

il

L’Assemblea della Sezione Turismo di Confindustria Lecce ha confermato per il quadriennio 2021/25 come suo presidente Giovanni Serafino, 58 anni, imprenditore del settore da circa 40 anni, impegnato sia nell’incoming, sia nella promozione territoriale. Organizza eventi di natura turistica e culturale, oltre ad essere docente in numerosi corsi di formazione. Serafino è anche giornalista pubblicista.

L’Assemblea ha eletto vice presidente Fernando Nazaro – Bianco Palace Hotel; delegato nel Comitato Piccola Industria Vincenzo Portaccio – Torre Pizzo Srl; delegato nel gruppo Turismo di Confindustria Puglia Giuseppe Coppola – Niccolò Coppola Srl; delegata all’Internazionalizzazione Amedea Nielli – Adriateca Real Estate; delegata alla Formazione Stefania Mandurino – Elios Tour. Componenti del Consiglio di Sezione, insieme al presidente e al vice presidente, sono: Giuseppe Coppola, Sergio Mandurino, Rosellina Martino, Andrea Montinari, Anna Paola Montinaro, Gabriele Totisco, Luigi Vitale.

E’ per me un onore ed un piacere – ha affermato Serafinoessere stato riconfermato alla guida della Sezione, poiché ci sono tante iniziative che sono state avviate e che, a causa dell’emergenza pandemica, hanno subito un rallentamento o sono in stand by. È necessario riprendere le redini di un settore molto promettente per l’economia del territorio, ma che deve essere governato e portato sempre di più ad intercettare fasce diversificate di turismo, alle quali proporre ogni volta pacchetti integrati di sicuro appeal. Insieme ai colleghi della Sezione, infatti, punteremo a creare occasioni di formazione professionale qualificata e cercheremo anche di costruire eventi di ampio respiro che diano lustro al territorio e alle sue peculiarità. In questo, sarà fondamentale la sponda istituzionale, a partire dalla Regione Puglia, fino ai comuni più piccoli: solo facendo sistema e lavorando tutti insieme, del resto, potremo ottenere risultati straordinari. Non è più tempo dell’improvvisazione, il Salento e la Puglia sono un vero e proprio brand turistico sul quale lavorare e costruire progettualità valide 360 giorni all’anno”.

Complimenti a Giovanni Serafino per la sua riconferma – ha detto il presidente reggente di Confindustria Lecce Nicola Delle Donne. – Il turismo rappresenta un settore fondamentale per Confindustria Lecce e per il nostro territorio, sul quale occorre lavorare in sinergia con gli altri comparti per offrire il meglio ai visitatori. Paesaggio, arte, cultura, gastronomia, sport, salute sono tutti aspetti di un turismo di qualità al quale dobbiamo puntare e per il quale, sono certo, il presidente Serafino ed i suoi colleghi sapranno creare le offerte e le condizioni migliori. Auguro a tutti un buon lavoro, con l’auspicio che le normative nazionali ed internazionali messe in campo per resistere al covid19, diano presto i loro frutti, consentendo davvero di riprendere a vivere i territori e le loro specificità”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus