Connect with us

Andrano

Cereali antichi, patto di filiera locale

Castiglione d’Otranto: al via la procedura partecipata, opportunità per i piccoli contadini e strumento di rigenerazione delle aree agricole del Salento

Pubblicato

il

Sono uno strumento per creare un’alleanza tra i piccoli, piccolissimi, produttori del Salento, ma rappresentano anche un tentativo di rigenerazione delle aree agricole abbandonate: i patti di filiera locale per i cereali antichi diventeranno presto realtà sul territorio, grazie all’impegno di una cordata di realtà impegnate attivamente.

Domani, sabato 9 novembre, alle ore 17,30, presso la ex scuola elementare di Castiglione d’Otranto, l’associazione Casa delle Agriculture Tullia e Gino e l’omonima cooperativa organizzano il primo incontro partecipato sul tema, assieme a Rete Salento Km0.

L’appuntamento, patrocinato dal Comune di Andrano, rientra in “Gallery: un osservatorio partecipante”.

Quest’ultimo progetto, ideato da Coppula Tisa con il coinvolgimento di venti associazioni della provincia di Lecce, è risultato vincitore dell’avviso pubblico Puglia Partecipa nell’ambito della legge regionale sulla partecipazione n. 28 del 13 luglio 2017.

Un esercizio di cittadinanza attiva, osservato dall’Università del Salento: il Dipartimento di Storia Società e Studi sull’Uomo validerà, infatti, questo metodo come prassi adottabile in attuazione della Legge Regionale n. 28 del 13 luglio 2017, “Legge sulla Partecipazione”.

Casa delle Agriculture, chiamata a essere parte attiva in questo percorso, ha deciso di valorizzare questa opportunità per strutturare dal basso un vero e proprio patto economico-ambientale-sociale.

Dopo l’avvio del primo Mulino di Comunità della Puglia, inaugurato nel marzo scorso, dunque, si rilancia.

«L’obiettivo», sottolineano gli attivisti dell’associazione di Castiglione, «è stimolare una nuova produzione agricola con metodi sostenibili su terreni poco utilizzati; convincere i contadini o le famiglie proprietarie di un piccolo pezzo di terra a tornare a coltivare; generare economia territoriale creando una filiera del lavoro etica. E tutto ciò per aiutare i giovani a restare qui e per rigenerare bellezza nel Salento, ricucendo un paesaggio rurale ferito dalle patologie fitosanitarie e, prima ancora, da quelle dell’abbandono».

Nel processo sono, pertanto, coinvolti contadini, famiglie e piccoli proprietari di terre – e dunque di un pezzo di paesaggio – associazioni e amministrazioni, «mettendo a sistema la partecipazione dal basso e l’impegno istituzionale». E, «soprattutto, fuoriuscendo dalla tenaglia della concorrenza e dal giogo di un mercato che schiaccia i contadini, sganciando, dunque, anche il ragionamento economico dalle quotazioni della “borsa merci” e dai meccanismi perversi della grande distribuzione organizzata».

«Casa delle Agriculture», dichiarano da Coppula Tisa, «è nostro partner in questa edizione della Gallery in quanto espressione di una buona pratica per la salvaguardia del paesaggio attraverso la rigenerazione dei terreni improduttivi. Siamo convinti che includere nel nostro processo una tematica così rilevante sia utile a stimolare la cultura della partecipazione, anche in un’ottica di integrazione e messa in sicurezza dei percorsi generativi offerti dalla cittadinanza attiva locale».

Si comincia, dunque, nel pomeriggio di domani con una assemblea pubblica in cui verrà esposta l’idea dei patti di filiera e verrà resa nota l’esperienza virtuosa della cooperativa Gino Girolomoni, nelle Marche.

Il dibattito con i partecipanti servirà a raccogliere idee e proposte per il miglioramento della proposta, che include anche regole relative al reperimento di sementi bilogiche, alla rotazione delle colture per la fertilità dei terreni, all’introduzione di piante mellifere per aiutare le api a sopravvivere.

Lo sbocco commerciale è garantito dal circuito virtuoso creato in questi mesi dalla coop. Casa delle Agriculture grazie al Mulino di Comunità.

«Il territorio cresce grazie a progetti come questo, che utilizzano gli strumenti partecipativi nella definizione di strategie di filiera. Nelle fonti bibliografiche», sottolineano da Rete SalentoKm0, «i paesi del Capo di Leuca sono descritti come grandi produttori di cereali; Casa delle Agriculture ha valorizzato e recuperato questa vocazione con il progetto del Mulino di Comunità e continua a identificarsi come soggetto attuatore di crescita territoriale con lo sviluppo dei Patti di filiera, grazie ai quali un pubblico più ampio di piccoli produttori potrà trovare canali di distribuzione dei propri cereali. Crediamo che la Rete Salento Km0 possa ottenere grandi benefici da questo progetto. Lo sviluppo di sinergie di filiera è la chiave intorno alla quale stiamo lavorando, su fronti diversi ma comuni».

Info Casa delle Agriculture Tullia e Gino: 348/5649772, ass.casadelleagriculture@gmail.com, fb Casa delle Agriculture

Andrano

Non fa rientro a casa: ritrovato senza vita forse per una caduta

Un uomo di Spongano, di 76 anni, è deceduto in sua proprietà ad Andrano dove si recava nel tempo libero. Causa sospetta una caduta provocata da un malore

Pubblicato

il

Non aveva fatto rientro a casa, facendo scattare l’allarme tra i familiari che, dopo qualche ora, lo hanno ritrovato senza vita.

È deceduto, forse a causa di un forte colpo alla testa, un uomo di 76 anni, A. P., uscito di casa nella giornata di ieri per raggiungere una sua proprietà ad Andrano.

È qui, dove spesso si recava per dedicarsi a degli hobby e per trascorrere del tempo libero, che è stato trovato il suo corpo, privo di vita.

Era su una scala in pietra, con una evidente ferita alla testa che potrebbe essere la causa del decesso. Per chiarire l’accaduto, l’autorità giudiziaria ha disposto il trasferimento della salma al “Fazzi” di Lecce, dove verrà effettuata una ispezione cadaverica.

Le ipotesi in ballo sono due: un malore che potrebbe avergli fatto perdere l’equilibrio e battere fortemente la testa, oppure uno scivolone a causa del quale si sarebbe verificato il forte impatto con la pietra.

Gli altri dati raccolti dai carabinieri hanno escluso l’ipotesi aggressione: il 76enne aveva con sé i suoi effetti personali, portafogli compreso, e non vi era traccia del passaggio di altri sul posto.

Immagine di repertorio.

Continua a Leggere

Andrano

Un’Agriludoteca contro lo spopolamento dei nostri paesi

Castiglione d’Otranto: avvio del progetto in uno spazio ludico e inclusivo dedicato a Utopie, agricoltura e comunità. Festa di comunità con laboratori agricoli e di lettura per bambini e omaggio a Gianni Rodari

Pubblicato

il

Spopolamento significa anche e soprattutto rischio di perdita dei legami di solidarietà, caratteristica fondamentale delle comunità rurali. È per riallacciarli, consolidarli, evitare le solitudini, educare alla restanza che nasce il progetto “Verso l’Agriludoteca di Comunità”, che sarà inaugurato domani, domenica 29 dicembre, alle ore 17, presso la ex scuola elementare di Castiglione d’Otranto (Andrano): uno spazio ludico e pedagogico per i più piccoli; luogo di inclusione e valorizzazione delle differenze; strumento per salvaguardare saperi, pratiche e valori del mondo rurale vissuto in chiave nuova.

A voler concretizzare questa nuova sfida sono state l’associazione Casa delle Agriculture Tullia e Gino e l’omonima cooperativa, con il sostegno del Csv Salento e la collaborazione di Coppula Tisa, L’Otto Onlus, Auser Ponte Andrano-Castiglione, L’Adelfia Lab, Comune di Andrano e Comune di Castro.

Il progetto sarà avviato con un pomeriggio di festa che prevede, alle 17, la presentazione pubblica dell’iniziativa e a seguire due laboratori per i più piccoli. Per i bambini dai 3 ai 5 anni, “Terra Libera Tutti” sarà curato dalle volontarie di Casa delle Agriculture. Per i bambini dai 6 ai 12 anni, “Le parole di Rodari”, laboratorio di lettura ad alta voce a cura di Michela Santoro (libreria Idrusa) ed Elisa Maggio (associazione culturale Narrazioni), proporrà un fantastico viaggio tra le pagine più belle di Le favole al telefono, I viaggi di Giovannino Perdigiorno e le meravigliose filastrocche. Un omaggio al grande maestro e poeta della fantasia, nell’imminenza dell’anno “rodariano”, visto che nel 2020 si festeggeranno i 100 anni dalla nascita di Gianni Rodari. Per i genitori e i nonni, invece, “Facciamo comunità”, con la condivisione del rito del tè e dei dolci fatti in casa.

Il progetto: verso l’agriludoteca di comunità dove non c’è più una scuola

A Castiglione d’Otranto, la mancanza della scuola primaria di primo e secondo grado, chiusa da anni a causa delle poche nascite, sta diventando un vero fattore disgregante: le famiglie iscrivono i propri figli in altri centri (Montesano,Andrano,Tricase) e questo affievolisce i legami di comunità in un paese che ne ha forte bisogno (è in via di spopolamento) ed è scoglio difficile da superare nell’inclusione dei bimbi che hanno altre abilità o sono a rischio sociale (genitori adolescenti e poco istruiti, padri disoccupati, figli di migranti, evasione scolastica, etc), tutte situazioni presenti sul territorio. Anche per questo, come segno di inversione di tendenza, il progetto troverà casa, per il momento, nella ex scuola elementare, per consentirle di tornare a svolgere le funzioni per le quali è nata.

“Più volte – fanno sapere da Casa delle Agriculture – le famiglie ci hanno manifestato il bisogno di garantire in maniera stabile l’animazione pedagogica e di socializzazione per i bambini, con il fine primario di includere piccoli affetti da disturbo dello spettro autistico o con altre abilità e a rischio sociale. Secondo obiettivo è quello di ricostruire una sorta di “gruppo scuola” tra le famiglie. Terzo obiettivo è puntellare l’educazione sui temi dell’ecosostenibilità ambientale e rispetto per gli altri”.

Per sviluppare progettualità inclusive e lungimiranti, Casa delle Agriculture intende promuovere il volontariato tra le famiglie, le associazioni partner e le realtà della rete già presente sul territorio animando un progetto che va nella direzione di una agriludoteca di comunità: un luogo di gioco, didattica ecologica, pratiche di educazione al rispetto dell’altro e dell’ambiente, spazio di inclusione per bambini dai 3 ai 12 anni.

La rete solidale intorno al progetto

La realizzazione del progetto è stata resa possibile grazie al sostegno del Csv Salento, poiché è risultato vincitore dell’ultimo bando per la Promozione e Formazione del Volontariato, e con un investimento fatto da Casa delle Agriculture attingendo a suoi fondi di bilancio.

Il Comune di Andrano ha messo a disposizione lo spazio; il Comune di Castro ha donato degli arredi dismessi della sua scuola dell’infanzia, recuperati dai volontari.

Come spiega il presidente del Csv Luigi Conte, “Verso l’Agriludoteca di comunitàrappresenta “un momento di forte aggregazione sociale per un territorio, come quello di Castiglione d’Otranto, dove il calo delle nascite ha determinato la chiusura della scuola primara e, quindi, uno depauperamento sociale importante che è giusto affrontare con consapevolezza e innovazione, che certo non mancano”.

L’associazione Casa delle Agriculture Tullia e Gino ha intrapreso per questo una collaborazione con Coppula Tisa, organizzazione di volontariato di Tricase con una lunga storia nelle pratiche di tutela ambientale; con L’Otto Onlus, associazione per la promozione della salute mentale che a Muro Leccese porta avanti le proprie attività in questo campo anche a seguito di specifica convenzione con la Asl di Lecce; con l’Auser Ponte Andrano-Castiglione, associazione che riunisce gli anziani del posto che dedicheranno dei pomeriggi per favole, intrecci e impasti con i bambini; con L’Adelfia Lab, i laboratori urbani de L’Adelfia ad Andrano, che con la lunga esperienza degli psicomotricisti funzionali Rosario e Salvatore Surano agevolerà il percorso di inclusione; la cooperativa Casa delle Agriculture fornirà le competenze agricole necessarie.

Continua a Leggere

Andrano

Carabinieri: controlli a tappeto nel Capo

Pubblicato

il

I Carabinieri della Compagnia di Tricase rendono noto l’esito del servizio coordinato d’iniziativa finalizzato al controllo della circolazione stradale e alla prevenzione di reati e illeciti in genere svolto nelle serate di San Martino e successive.

I comuni interessati sono quelli di Tricase, Presicce-Acquarica ed altri del Capo di Leuca.

I controlli

In 6 sono stati deferiti in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza alcolica e sotto l’influenza di sostanze stupefacenti.
Un uomo è stato fermato in un posto di controllo a S.M. di Leuca alla guida di una autovettura sotto effetto di tasso alcoolemico di 1,70 g/l.
Patente ritirata per lui.

Ad Alessano, sempre ad un posto di blocco, un altro automobilista è stato trovato sotto effetto di tasso alcoolemico di 2,64 g/l.
Patente ritirata e veicolo sottoposto a sequestro amministrativo, in questo caso.
Terzo caso nel territorio di Presicce-Acquarica dove una persona sottoposta ad accertamenti risultava avere un tasso alcolemico pari a 1,60 g/l. Anche qui, patente ritirata.

Un altro controllo a Presicce-Acquarica invece ha sorpreso un uomo alla guida di un ciclomotore positivo a sostante stupefacenti. Il mezzo è stato sottoposto a sequestro amministrativo, con annesso ritiro della patente.

Patente ritirata anche ad Andrano ad un automobilista alla guida con un tasso alcolemico pari a 2,2 g/l e, a seguito di accertamenti clinici di laboratorio, risultato positivo anche a sostante stupefacenti.

Altri reati

Una serie di individui sono invece stati deferito per spaccio di sostanze stupefacenti:

– 1 soggetto deferito poichè a seguito di perquisizione personale veniva trovato in possesso di 3,21 grammi di marijuana, nonche’ di una somma contante suddivisa in banconote di piccolo taglio pari a 40€ ritenuta provento spaccio e pertanto sottoposta a sequestro;

– 1 soggetto deferito per falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico, uso di atto falso, falsa attestazione a p.u., guida senza patente: fermato posto di controllo a S.M. di Leuca alla guida di una autovettura, esibiva patente di guida di nazionalità albanese, risultata falsa a seguito di accertamenti.

– 1 soggetto deferito per evasione: non risultava presente presso l’abitazione ove si doveva trovare agli arresti domiciliari e veniva pertanto denunciato alla competente autorità giudiziaria.

– 1 soggetto deferito per furto e danneggiamento di autovettura
ritenuti responsabili del furto di una borsa custodita all’interno di una macchina parcheggiata su pubblica via e forzata per impossessarsi della borsa stessa.

Segnalati poi al competente ufficio territoriale di governo 8 soggetti per detenzione stupefacente per uso personale.

Per i controlli suddetti, sono stati impiegati 25 militari, n. 12 veicoli, con i seguenti esiti:
– n. 11 controlli persone sottoposte agli arresti domiciliari e/o sorveglianza speciale di pubblica sicurezza;
– n. 108 veicoli controllati;
– n. 141 persone identificate;
– sostanza stupefacente sequestrata: gr. 20,40 tipo “marijuana”, gr. 0,5 tipo “cocaina”, gr. 1 tipo “hashish”;
– n. 1 esercizio pubblico controllato in Tricase;
– n. 3 veicoli sottoposti a sequestro amministrativo;
– n. 36 contravvenzioni al c.d.s., in particolare per mancato utilizzo cinture di sicurezza e revisioni;
– n. 7 patenti di guida ritirate.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus