Connect with us

Attualità

Tra risate e storia: il primo “comic movie” sui Messapi

Perchè il “Salento non è solo la terra del barocco, di spiagge, sole e mare, ma anche un enorme, eccezionale deposito di storia”

Pubblicato

il

Party Rock Salento è diventata una realtà comica affermata che, partendo dal Tacco d’Italia, ne ha superato rapidamente i confini. Conosciutissima in rete e sempre più condivisa sui social network, al grido di “lasciate ogni neurone voi ch’entrate”, la “comitiva” leccese mette di buon umore migliaia di “follower” (oltre 20mila fan su Facebook) tramite la comicità e l’autoironia che, apparentemente semplici, fanno un’analisi della società, esaltando la bellezza e la realtà culturale, sociale e gergale del nostro Salento.

Spinta dall’amore per la propria terra e dal recente successo, Party Rock Salento ha deciso di creare un “comic movie” per promuovere e divulgare, in chiave ironica, la storia e la cultura dei Messapi.

Salento non è solo la terra del barocco, di spiagge, sole e mare, ma anche un enorme, eccezionale deposito di storia, non bisogna dimenticare infatti che è stato crocevia delle più grandi civiltà ed ha un grande patrimonio da scoprire”, ricordano i ragazzi di Party Rock Salento.

ROCK SAL“Particolare importanza nella storia della nostra terra è rivestita dai Messapi… ma chi erano questi Messapi? Ne parlava perfino Erodoto, ma quanti conoscono la loro origine, il loro stile di vita? Questo popolo  abitò nel Salento 2600 anni fa e sviluppò una civiltà progredita e raffinata, che non si è ancora  in grado di decifrare. Bisognerebbe imparare a riconoscere e a sfruttare la ricchezza che la storia ci ha lasciato, riscoprire le nostre origini per valorizzare al meglio il nostro territorio.

Tanti gli studiosi e le associazioni che, fortunatamente, cercano di riportare alla luce il nostro passato; tra tutti spiccano le attività svolte in tal senso da Kalòs, l’Archeodromo del Salento, il più grande museo a cielo d’Italia situato a Caprarica di Lecce.  Dalla volontà di una maggiore divulgazione è nata la collaborazione tra Kalòs e Party Rock Salento, gruppo di giovani artisti locali che con la loro ironia mettono in luce tanti aspetti della nostra società. L’Archeodromo ed il gruppo, diretto dal talentuoso regista Giampaolo Morelli, hanno lavorato insieme e nei prossimi giorni verrà diffusa attraverso i più importanti social una serie di video che daranno visibilità, in chiave ironica, ai Messapi”.

 “Per un attimo si mette da parte il rigore della ricerca scientifica – spiega il dott. Quarta, ideatore e realizzatore dell’archeodromo. “La scelta dei social e dell’ironia è proprio dettata dalla voglia di voler avvicinare, anche e soprattutto, i giovani ad un tema importante e non semplice, facendo leva sulla loro capacità di immaginazione, di sogno e di ironia per riportare alla luce non solo la storia  ma anche gli antichi culti e leggende”.   

Quello sui Messapi, garantiscono, è solo l’inizio di un progetto volto alla sensibilizzazione verso il nostro territorio. All’interno dell’Archeodromo, infatti, non sono solo i Messapi a ritrovar il giusto lustro; il parco è una vera macchina del tempo che permette di ripercorrere diverse epoche, dalla preistoria al medioevo; un percorso guidato nel tempo per capire come l’uomo sia arrivato ad essere quello che è.

Per quanti vogliano effettuare un affascinante viaggio nella storia, Kalòs aprirà i battenti dal 7 Aprile 2015 con le sue nuove suggestive ricostruzioni che arricchiscono uno scenario che già era straordinario. In primavera, inoltre, sarà inaugurata la nuova sezione sulla civiltà contadina.  Particolare attenzione sarà rivolta alle scolaresche che potranno effettuare visite guidate, laboratori didattici e riproposizioni degli antichi giochi olimpici.

Attualità

Bonus verde e indennità fermo pesca obbligatorio

Pubblicato

il

«Stiamo lavorando per integrare la legge di bilancio con alcune misure importanti per l’agricoltura.Oltre agli emendamenti parlamentari, abbiamo presentato due emendamenti governativi: proroga del Bonus Verde e indennità fermo pesca obbligatorio».

Lo ha detto la Ministra Teresa Bellanova stamane al Tavolo con le Regioni.

«Nella Legge di Bilancio», ha proseguito la Ministra Bellanova, «abbiamo riportato l’agricoltura al centro dell’agenda politica ed economica introducendo misure significative: azzeramento delI’Irpef agricola per un valore di 200milioni di euro; 80 milioni in tre anni sul Fondo di solidarietà per l’emergenza cimice asiatica; sgravi contributivi nei primi due anni per i giovani che diventano imprenditori agricoli; 15 milioni per favorire gli investimenti delle donne in agricoltura istituendo un Fondo per mutui a tasso zero; 30 milioni di euro per l’agroalimentare Made in Italy con interventi per il rafforzamento delle filiere».

«Accanto a queste azioni, e a quanto verrà dal lavoro parlamentare», aggiunge la Ministra pugliese, «la Manovra prevede un Collegato Agricoltura che ci consentirà di dare nuove prospettive e futuro al settore e dovrà coordinarsi con il Piano strategico nazionale».

«Su questo ritengo essenziale il contributo attivo e fattivo delle regioni per rispondere in modo puntuale alle diverse esigenze territoriali e mi auguro», ha concluso al Ministra, rivolgendosi ai governi delle  Regioni, «che da tutti voi giungano in tempi celeri indicazioni e proposte».

Continua a Leggere

Appuntamenti

Uno sportello agricolo per Salve

Assistenza o consulenza sull’attività del settore agricolo: inaugurazione domani, alle ore 18 nella sala convegni di corso Roma

Pubblicato

il

Uno sportello agricolo comunale per Salve.

Sarà inaugurato domani, giovedì 21 novembre, alle 18 nella sala convegni di corso Roma.

Presso lo Sportello, istituito dall’amministrazione comunale, tutti cittadini potranno ricevere assistenza o consulenza sull’attività del settore agricolo (Xylella, nuove imprese, fiscalità, fondi europei, turismo e agricoltura, attività promozionali, mercati agricoli, ecc.).

Interverranno:

– il sindaco di Salve Francesco Villanova;

– il vice sindaco Giovanni Lecci;

– l’assessore all’agricoltura Francesco De Giorgi;

– il consigliere all’ambiente Antonio Cavallo;

 – Giuseppe Elia, responsabile dello sportello agricolo.

Continua a Leggere

Attualità

Albero dell’anno: altri 2 giorni per votare la Quercia Vallonea

Pubblicato

il

Ultimi due giorni per votare la nostra Quercia Vallonea per partecipare al Tree Of The Year 2020.

Il concorso è organizzato dalla GTF (Giant Trees Foundation), fondazione senza scopo di lucro nata per conoscere e difendere i grandi alberi, lancia un contest in occasione della giornata nazionale dell’albero.

Fino a giovedì 21 novembre, tramite GTF, si potrà ancora votare per scegliere la Vallonea di Tricase come quercia italiana che parteciperà al concorso europeo che eleggerà L’albero dell’anno 2020.

Tra i 4 alberi in corsa, il gigante tricasino sfida il Leccio dell’Etna, la Quercia delle Checche di Siena e la veneta Quercia di Fossalta.

A due giorni dalla fine delle selezioni online, la Vallonea è la più votata con oltre 350 mila voti; molto distanziate le altre: Leccio dell’Etna (quasi 63.700), la Quercia delle Checche di Siena (poco più di 62mila) e la veneta Quercia di Fossalta (110mila)

Clicca qui per esprimere la tua preferenza.

La Quercia Vallonea di Tricase è l’albero più antico del Salento: 700 anni, 700 metri quadrati di foltissima chioma ed un tronco di 4,25 metri.

E’ candidata a diventare patrimonio nazionale dell’UNESCO e nell’anno 2000 il WWF l’ha identificata come “Albero-Simbolo” del Salento e della Puglia.

Questa specie è  poco rappresentata sul territorio nazionale e quindi anche per questo ancora più preziosa.

Come spesso accade, molte sono le leggende che vengono tramandate nelle tradizioni locali sui grandi alberi, per questo la Quercia Vallonea di Tricase è conosciuta anche come “Quercia dei cento cavalieri“.

Si narra, infatti, che Federico II, durante una sua visita in Terra d’Otranto, in seguito agli scontri avvenuti a Barletta, abbia trovato riparo sotto la chioma della quercia insieme ai suoi cento cavalieri durante un forte temporale .

La quercia ha sempre rappresentato per il territorio salentino un simbolo ma anche un supporto all’economia locale perché dalle sue ghiande si ricavava il “tannino”, una sostanza utilizzata nella concia delle pelli.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus