Connect with us

Cronaca

Borse contraffatte: giro di vite a Torre San Giovanni

Arrestato senegalese con sorpreso a vendere la sua merce ha tentato la fuga minacciando e strattonato i carabinieri. Denunciato anche un nigeriano

Pubblicato

il

Giro di vita per il commercio abusivo nelle nostre Marine.

A Torre san Giovanni i carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato per  minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, introduzione nello Stato Italiano e commercio di prodotti contraffatti Semsou Fall  senegalese di 43 anni.

Sul Lungomare Japigia, all’interno dell’area adibita al locale mercato settimanale, i militari dell’Arma hanno sorpreso il senegalese intento a vendere borse contraffatte dei principali marchi di moda.

Il 43enne, dopo aver proferito frasi minacciose agli uomini in divisa, nel tentativo di eludere il controllo ha strattonato uno di loro per poi darsi alla fuga lungo la spiaggia.

Ha cercato di far perdere le proprie tracce più volte entrando in acqua  tentando di mimetizzarsi tra i bagnanti.

Il suo escamotage, però, non è servito a nulla: appena rientrato sull’area asciutta, è stato bloccato e la sua merce contraffatta, 24 borse del valore commerciale di circa mille euro, sequestrata.

L’arrestato, espletate le formalità rito, è stato accompagnato presso la casa circondariale di Lecce.

Identificato e denunciato anche un altro venditore abusivo, un nigeriano di anni 46, residente a Monteroni di Lecce, sorpreso a vendere 17 borse contraffatte per un valore commerciale questa volta di euro 700 circa.

Castrignano del Capo

Coronavirus: bufala in chat anche a Castrignano del Capo

Pubblicato

il

Anche a Castrignano del Capo, così come ad Andrano, il comune interviene per smentire un falso allarme coronavirus diffuso mediante whatsapp.

Ecco il comunicato su Facebook:

“In queste ore su Whatsapp sta girando un audio con voce femminile in cui si parla di un allarme Coronavirus a Castrignano del Capo.
Smentiamo ufficialmente tali voci messe in circolo da qualche incosciente ed irresponsabile solo per creare inutilmente panico.
Le autorità competenti sono già al lavoro per risalire all’autore di questo gesto”

Continua a Leggere

Andrano

Incidente litoranea Tricase-Andrano: un morto

Pubblicato

il

Tragico schianto nel pomeriggio di oggi sulla litoranea Andrano-Tricase, in territorio della marina di Andrano.

Un uomo di Specchia, Salvatore Serafino, 64 anni, è finito con l’auto contro un palo. All’arrivo dei soccorsi non c’era più nulla da fare.

La vittima avrebbe perso il controllo del mezzo a causa di un infarto. Il decesso, secondo i primi riscontri dei sanitari, potrebbe essere avvenuto prima dello schianto.

Sul posto anche carabinieri e polizia locale.

Continua a Leggere

Andrano

“Sfuggiti a quarantena per tornare in Salento”: bufala semina panico ad Andrano

Pubblicato

il

Cresce l’allarme, cresce la psicosi.

Il coronavirus è sulla bocca di tutti, anche su quella di chi talvolta farebbe meglio a riflettere prima di parlare: si susseguono infatti le storie inventate e le fake news.

Le app di messaggistica pullulano di notizie che poco hanno di veritiero. E tra le numerosissime false testimonianze di presunti infermieri di vari ospedali d’Italia che ne avrebbero viste di cotte e di crude, spunta un messaggio audio che racconta di una coppia che sarebbe sfuggita alla quarantena del lodigiano per raggiungere Castiglione d’Otranto.

Lo mettiamo in chiaro subito, è una bufala.

Una informazione non vera che ha messo oggi scompiglio nel territorio di Andrano. Nell’audio una voce femminile racconta che la coppia avrebbe un figlio. Quest’ultimo frequenterebbe la scuola dove lavora una insegnante, presunta moglie di uno dei contaminati.

Il panico ha iniziato a correre tra i telefonini e le famiglie della zona. In tanti, in breve, si sono convinti che la coppia in questione fosse sfuggita alla quarantena consigliata loro dai medici e che “era in chiesa per festeggiare il 50esimo di matrimonio dei genitori di uno dei due”.

Nel pomeriggio è arrivata una nota ufficiale del sindaco di Andrano, Salvatore Musarò, che ha gettato acqua sul fuoco.

Il primo cittadino, specificando che sono state informate le autorità competenti, ha affermato che le persone in questione non risiedono nei comuni della Lombardia sottoposti a misure cautelari.

E inoltre, la famiglia attorno alla quale è stata costruita la falsa storia, è rientrata in Salento ben prima del periodo in cui sono scattate le misure anti coronavirus in Lombardia.

Il sindaco infine invita a “non diramare notizie allarmistiche e prive di fondamento”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus