Connect with us

Cronaca

Case-vacanza: nella rete truffatori online

Denunciati a piede libero autori degli affitti farsa a Gallipoli: l’affittuario, giunto sul luogo, nel migliore dei casi trovava uno stabile già abitato o affittato, nel peggiore neanche quello…

Pubblicato

il

I Carabinieri di Gallipoli hanno denunciato, in stato di libertà, due truffatori seriali, entrambi già noti, per i reati di truffa e frode informatica aggravata e continuata, ritenendoli responsabili di decine raggiri sugli affitti di case – vacanza, avvenuti nella stagione estiva 2015, nei confronti di ignari gruppi di giovani, provenienti, nella maggior parte dei casi da Napoli e provincia.

Le due persone denunciate, G.D., 34enne di Barcellona Pozzo di Gotto (ME) e T.A., 45enne di Torino, pur non conoscendosi tra di loro e agendo in modo autonomo, avevano posto in essere le truffe con il medesimo modus operandi: si accreditavano su siti di annunci online ed e-commerce (considerati fra i più affidabili e totalmente estranei alle condotte illecite) con finti profili intestati a persone inesistenti, con dati personali e contatti (solo tramite email) altrettanto fittizi (spesso veniva creata una casella di posta elettronica ad hoc) ed in qualche caso addirittura si sono spacciati per vere e proprie agenzie immobiliari.

Inserivano, quindi, in questi siti annunci di affitto di case – vacanza di loro presunta proprietà o disponibilità nelle migliori zone balneari di Gallipoli (Baia Verde, Lido Conchiglie, Lido San Giovanni, Rivabella, ecc.) ed attendevano che qualcuno fosse interessato. Per dare maggiore verosimiglianza all’annuncio inserivano foto in realtà tratte da altri annunci, magari di anni passati, o comunque facilmente reperite attraverso qualsiasi motore di ricerca.

truffaonlineUna volta trovato l’acquirente, sempre per mantenere verosimile l’inganno, traendo così definitivamente in errore l’aspirante turista, in totale buona fede, veniva spedito tramite mail un contratto di locazione ad uso turistico assolutamente perfetto (se non fosse per i dati personali del locatore completamente di fantasia e, quindi, fasulli) che, firmato, veniva reinviato tramite mail. A questo punto il locatario, sempre più tranquillo e sicuro di non avere sorprese, versava la caparra con bonifico bancario o ricarica su carta prepagata. Ovviamente, una volta giunto sul luogo presunto dell’abitazione, nel migliore dei casi trovava uno stabile già abitato o già affittato, nel peggiore non trovava nulla.

Le indagini dei carabinieri hanno permesso, mediante l’analisi dei profili, degli indirizzi di posta elettronica, degli indirizzi IP dei pc utilizzati per le truffe e seguendo a ritroso i flussi di pagamento, di individuare i due diversi autori delle truffe capaci di imbrogliare in decine di casi, riuscendo ad estorcere cifre per diverse centinaia di euro ad ogni affitto, per un valore complessivo di svariate decine di migliaia di euro. Le indagini sono tutt’ora in corso poiché le denunce sono diverse decine.

 

Cronaca

Aggressione in strada: tre arresti

Galatone: in tre e armati di coltello ridussero in fin di vita il 21enne Dario Potenza. Il GIP: «Un’aggressione bestiale, connotata da una ferocia inaudita»

Pubblicato

il

Avevano accoltellato un giovane in strada e sono stati catturati dopo un mese.

È il risultato dell’indagine condotta dalla Stazione Carabinieri di Galatone, con l’ausilio del NOR dell’Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Gallipoli, conclusasi con l’esecuzione di tre ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP presso il Tribunale di Lecce, Dott.ssa Giulia Proto, su corrispondente richiesta del Sost. Proc. Dott.ssa Francesca Miglietta.

Gli arrestati sono i galatonesi Giuseppe Marzano, 53 anni, già condannato nel 2014 per tentato omicidio, Vincenzo Lanzillotto, 40 anni, con precedenti per stupefacenti e Marco Colazzo, 24 anni, incensurato. I tre fermati dovranno rispondere di tentato omicidio.

I fatti risalgono alla notte tra l’11 ed il 12 dicembre scorso, quando la vittima, Dario Potenza, 21 anni, venne raggiunta dai suoi aggressori, a volto scoperto, all’interno di un bar di Galatone. Tentò la fuga dalla porta posteriore e cercò di  nascondersi, invano, dietro una macchina. L’intera sequenza è stata ripresa dal sistema di videosorveglianza di un’abitazione prospicente al luogo del delitto. I tre, in particolare, dapprima colpirono la giovane vittima con calci e pugni, per poi sferrargli alla schiena 3 fendenti con un arma da taglio non meglio identificata. Non contenti, uno dei tre decise di sferrare anche un calcio al volto del giovane, ormai a terra agonizzante. Come ha sottolineato il GIP: «Un’aggressione bestiale, connotata da una ferocia inaudita da parte di tutti gli indagati».

Il raid punitivo terminò solo grazie all’intervento di un poliziotto, libero dal servizio, che dalla finestra della propria abitazione, udito il trambusto in strada, urlò agli aggressori per poi scendere in strada mettendoli in fuga.

La vittima venne trasportata in codice rosso prima all’ospedale di Gallipoli, poi a Lecce, dove, dopo la constatazione della perforazione del polmone con una perdita di ben 2 litri di sangue, a notte fonda subì un arresto respiratorio e fu salvato solo grazie al supporto di un rianimatore.

Intanto a Galatone i carabinieri avevano acquisito i filmati di videosorveglianza.

La spregiudicatezza dei tre aggressori, tutti a volto scoperto, non è rimasta impunita. Tutti, infatti, sono stati riconosciuti e compitamente identificati dai militari dell’Arma, che ben conoscevano la realtà sociale e delinquenziale galatonese. Catturati all’alba presso le proprie abitazioni, sono stati accompagnati presso la Casa Circondariale di Lecce con l’accusa di tentato omicidio.

Continua a Leggere

Cronaca

Violento incidente in serata: 4 feriti

Pubblicato

il

Tremendo schianto nella prima serata di ieri sulla via che da Lecce porta a Melendugno, a qualche centinaio di metri dal centro abitato melendugnese.

Una Volvo XC60 ed una Mini si sono scontrate frontalmente per cause e responsabilità ancora da appurare.

La Volvo ha terminato la sua corsa a pochi centimetri da un albero d’ulivo, dopo aver scavalcato un muretto a bordo strada.

Feriti i 4 occupanti che viaggiano in coppia rispettivamente nelle 2 vetture. Il più grave, accompagnato in codice rosso al Vito Fazzi di Lecce ed in coma, un 22enne a bordo della Mini.

Foto di pagina Facebook Melendugno.net

Continua a Leggere

Cronaca

Galatina: violento incidente in mattinata

Scontro frontale tra 2 vetture, traffico bloccato e soccorsi per 2 feriti

Pubblicato

il

Violento incidente in mattinata tra due vetture sulla Galatina – Collemeto.
Una Peugeot ed una Bmw sono violentemente entrate in collisione frontale, finendo praticamente distrutte nella parte anteriore. La Bmw per giunta è finita riversa su una fiancata, occupando la carreggiata e provocando la chiusura al traffico del tratto di strada interessato per diverse ore.

Feriti gli automobilisti coinvolti ma non a rischio vita: l’uomo a bordo della Peugeot 2008 ha accusato un trauma addominale e riportato una ferita ad una gamba. L’altro coinvolto, un anziano galatinese, è stato trasportato all’ospedale ‘Vito Fazzi’ di Lecce in ambulanza.
Rilievi affidati alla stradale che, da una prima ricostruzione, avrebbe stabilito che le due auto viaggiano in verso opposto.
Sul posto anche gli agenti del Commissariato di Galatina, la polizia locale ed i Vigili del Fuoco di Lecce.

Foto da Galatina.it

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus