Connect with us

Cronaca

Case-vacanza: nella rete truffatori online

Denunciati a piede libero autori degli affitti farsa a Gallipoli: l’affittuario, giunto sul luogo, nel migliore dei casi trovava uno stabile già abitato o affittato, nel peggiore neanche quello…

Pubblicato

il

I Carabinieri di Gallipoli hanno denunciato, in stato di libertà, due truffatori seriali, entrambi già noti, per i reati di truffa e frode informatica aggravata e continuata, ritenendoli responsabili di decine raggiri sugli affitti di case – vacanza, avvenuti nella stagione estiva 2015, nei confronti di ignari gruppi di giovani, provenienti, nella maggior parte dei casi da Napoli e provincia.

Le due persone denunciate, G.D., 34enne di Barcellona Pozzo di Gotto (ME) e T.A., 45enne di Torino, pur non conoscendosi tra di loro e agendo in modo autonomo, avevano posto in essere le truffe con il medesimo modus operandi: si accreditavano su siti di annunci online ed e-commerce (considerati fra i più affidabili e totalmente estranei alle condotte illecite) con finti profili intestati a persone inesistenti, con dati personali e contatti (solo tramite email) altrettanto fittizi (spesso veniva creata una casella di posta elettronica ad hoc) ed in qualche caso addirittura si sono spacciati per vere e proprie agenzie immobiliari.

Inserivano, quindi, in questi siti annunci di affitto di case – vacanza di loro presunta proprietà o disponibilità nelle migliori zone balneari di Gallipoli (Baia Verde, Lido Conchiglie, Lido San Giovanni, Rivabella, ecc.) ed attendevano che qualcuno fosse interessato. Per dare maggiore verosimiglianza all’annuncio inserivano foto in realtà tratte da altri annunci, magari di anni passati, o comunque facilmente reperite attraverso qualsiasi motore di ricerca.

truffaonlineUna volta trovato l’acquirente, sempre per mantenere verosimile l’inganno, traendo così definitivamente in errore l’aspirante turista, in totale buona fede, veniva spedito tramite mail un contratto di locazione ad uso turistico assolutamente perfetto (se non fosse per i dati personali del locatore completamente di fantasia e, quindi, fasulli) che, firmato, veniva reinviato tramite mail. A questo punto il locatario, sempre più tranquillo e sicuro di non avere sorprese, versava la caparra con bonifico bancario o ricarica su carta prepagata. Ovviamente, una volta giunto sul luogo presunto dell’abitazione, nel migliore dei casi trovava uno stabile già abitato o già affittato, nel peggiore non trovava nulla.

Le indagini dei carabinieri hanno permesso, mediante l’analisi dei profili, degli indirizzi di posta elettronica, degli indirizzi IP dei pc utilizzati per le truffe e seguendo a ritroso i flussi di pagamento, di individuare i due diversi autori delle truffe capaci di imbrogliare in decine di casi, riuscendo ad estorcere cifre per diverse centinaia di euro ad ogni affitto, per un valore complessivo di svariate decine di migliaia di euro. Le indagini sono tutt’ora in corso poiché le denunce sono diverse decine.

 

Cronaca

Scorrano: preso ladro di offerte

Ha rubato le offerte in chiesa e poi urinato sull’altare: fermato R.D., 30enne pregiudicato di Gagliano del Capo

Pubblicato

il

È stato identificato l’uomo che sabato scorso si era introdotto nella chiesa madre di Scorrano, trafugando i soldi delle offerte dei fedeli ed una collana votiva dalla statua della Madonna (clicca qui).

L’energumeno, dopo aver sgraffignato i soldi e la collana, ha anche urinato sull’altare, davanti al Crocifisso.

A tradirlo le telecamere della chiesa che lo hanno immortalato mentre, dopo aver forzato la porta di ingresso, sottraeva circa 150 euro in contanti dalla cassetta delle offerte, oltre a rubare una catenina in oro con l’effige della madonna normalmente utilizzata per adornare la statua di Santa Domenica, patrona di Scorrano.

Le ricerche avviate dai carabinieri della Compagnia di Maglie hanno dato i loro frutti grazie anche alla collaborazione degli uomini della Compagnia di Tricase.

L’uomo ad aver profanato la chiesa di Scorrano è R.D., 30enne pregiudicato di Gagliano del Capo.

Le perquisizioni messe in atto dai carabinieri hanno consentito di rinvenire la maggior parte della refurtiva, che il pregiudicato  aveva già impegnato presso un compro oro della zona, oltre agli indumenti utilizzati per compiere il furto.

I monili, del valore di circa 500 euro, sono stati restituiti al parroco della chiesa di Scorrano.

Continua a Leggere

Cronaca

Non cliccate su quel link

MediaWorld: “È in corso una truffa online da parte di ignoti che utilizza illecitamente il nostro marchio sul web, su Facebook e via messaggi SMS”

Pubblicato

il

Tra le tante fake pericolose che circolano in rete segnaliamo quella che coinvolge ad insaputa dell’azienda la MediaWorld.

Se ricevete un sms con la dicitura “sei uno dei vincitori del concorso MediaWorld. seleziona qui il prodotto” seguito da un link siete stati presi di mira per una truffa online.

È la stessa MediaWorld a “richiamare l’attenzione di tutti i nostri clienti e del pubblico in generale che è in corso una truffa online da parte di ignoti che utilizza illecitamente il marchio MediaWorld sul web, su Facebook e via messaggi SMS“.

Soggetti non autorizzati“, avvertono da mediaworld, “invitano attraverso i canali di cui sopra i clienti ad aderire a scegliere un premio o ad una “fantomatica promozione” inviando a nome dell’azienda messaggi ingannevoli che comunicano una falsa vincita a seguito di un estrazione che riporta un link ad un sito non di proprietà dell’azienda al fine di sottrarre al cliente i propri dati personali“.

MediaWorld nel confermare di aver ufficialmente sporto denuncia alle autorità competenti, invita vivamente “a prestare la massima attenzione e ricorda che tutte le comunicazioni MediaWorld passano solo ed esclusivamente attraverso i canali ufficiali dell’azienda e fanno sempre ed esclusivamente riferimento a pagine presenti sul sito mediaworld.it“.

Più in generale, aggiungiamo noi, fate sempre attenzione quando vi vogliono fare credere di aver vinto ad un concorso al quale non avete mai partecipato!

Continua a Leggere

Cronaca

Raccolta rifiuti, sciopero in quattro paesi

Niente salari. Braccia incrociate a Montesano, Palmariggi, Miggiano e Presicce-Acquarica.

Pubblicato

il

La Segreteria Territoriale FP CGIL e i dieci lavoratori addetti al servizio nei cantieri di Montesano, Palmariggi, Miggiano e Presicce-Acquarica denunciano «una situazione non più sostenibile per i lavoratori, poiché allo stato attuale l’azienda non ha provveduto ad erogare lo stipendio di ottobre nei tempi stabiliti dal contratto collettivo nazionale», spiega il segretario provinciale della Fp-Cgil Lecce, Paolo Taurino, «una inadempienza grave che mette in seria difficoltà economica le famiglie dei lavoratori, nella maggior parte monoreddito. Ad oggi, nonostante i contatti avviati con l’azienda Armando Muccio srl, che gestisce il servizio, non abbiamo ricevuto alcun riscontro. Per questo motivo ci ritroviamo costretti a dichiarare lo stato di agitazione in questi cantieri».

Il sindacato ha scritto al prefetto, ai sindaci ed al commissario prefettizio di Acquarica-Presicce per chiedere un incontro urgente e aprire la fase di raffreddamento della vertenza.

«Se non abbiamo ulteriori riscontri», avverte il sindacalista, «siamo pronti ad incrociare le braccia e purtroppo a causare disagi alla cittadinanza. Purtroppo l’azienda ha convocato le parti solo per venerdì 22 novembre, cioè otto giorni dopo la scadenza naturale del pagamento dei salari. In altre occasioni questi incontri si sono risolti in un nulla di fatto ed hanno protratto la condizione di difficoltà dei lavoratori fino alla fine del mese. Ai Comuni abbiamo più volte chiesto che siano le stazioni appaltanti, ossia i Comuni, a sostituire l’azienda appaltatrice nella liquidazione degli stipendi. Uno strumento di salvaguardia che viene ostacolato. La Fp Cgil», conclude Taurino, «torna chiede con forza che siano i Comuni a pagare i lavoratori».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus