Connect with us

Casarano

Non aprite quella finestra!

Casarano di notte: forse plastica, forse rifiuti, o la cattiva abitudine di bruciare i rimasugli delle lavorazioni agricole o forse…

Pubblicato

il

È un fantastico ottobre che ha le temperature della primavera piuttosto che autunnali e, complice anche la diminuzione delle zanzare, sarebbe bello poter passare le serate lasciando spalancate le finestre.

Sarebbe. Il condizionale è d’obbligo perché spesso le sere e le notti casaranesi sono caratterizzate da un intenso odore forte e spesso nauseante che gratta in gola e fa star male.

Forse plastica, forse rifiuti, forse la cattiva (ed antica) abitudine di bruciare i rimasugli delle lavorazioni agricole o forse… di tutto un po’! Qualunque cosa sia, stiamo parlando di un vero e proprio tormento per coloro che vivono soprattutto nella zona nord di Casarano.

In verità basta fare un giro su internet per capire che quella appena esposta non è una questione prettamente casaranese ma altri casi simili si sono già verificati a Copertino e a Leverano, tanto da indurre i rispettivi sindaci a sporgere denuncia contro ignoti per far sì che le Forze dell’ordine possano avviare formale indagine.

In realtà non è nemmeno facile intuire cosa a Casarano possa accadere perché, a differenza di quel che accade in quella zona della Campania, che un tempo era conosciuta come “terra di lavoro” e che oggi invece, anche all’estero, viene riconosciuta come “terra dei fuochi”, da noi non ci sono cumuli di spazzatura non raccolta a cui la malavita possa dare fuoco.

Così come, l’indomani mattina, non si ha notizia di ritrovamenti di tracce corpose dei falò notturni.

Nel frattempo, però, soprattutto sulle bacheche di Facebook, si rincorrono le denunce degli odori nauseabondi che costringono a chiudere le finestre. Le forze dell’ordine hanno già intensificato i controlli per individuare la causa e soprattutto gli eventuali artefici ma è un po’ come beccare il numero esatto alla roulette perché appiccare il fuoco è non attimo e poi, in assenza di una formale denuncia (in grado di dare avvio ad indagini strutturate), si può solo sperare nella flagranza del reato.

A questo punto appare ovvio come siano due le cose da mettere in pratica e che da più parti vengono sollecitate: chiedere al sindaco (responsabile principale della salute pubblica dei propri cittadini) di sporgere una denuncia contro ignoti e poi (anzi, principalmente) vigilare!

Ognuno di noi, tanto di notte quanto di giorno deve segnalare subito ai carabinieri ogni attività sospetta di piromani che, oltre che essere dei criminali che attentano alla salute pubblica, sono anche degli imbecilli che respirano la stessa aria che inquinano. Attiviamoci affinché si possano aprire serenamente le finestre e difendiamo il nostro diritto di respirare.

Antonio Memmi

Casarano

Casarano: incidente sulla provinciale per Parabita

Pubblicato

il

Incidente stradale nel pomeriggio sulla Casarano-Parabita in direzione Parabita, sulla nuova bretella che dalla Provinciale Casarano-Supersano immette sulla SP 334.

Nel violento tamponamento sono rimaste coinvolte più vetture. Automobilisti di passaggio hanno prestato i primi soccorsi ai coinvolti. In seguito si sono recate sul posto le forze dell’ordine.

Seguono aggiornamenti.

Foto di Protezione Civile Salento.

Continua a Leggere

Attualità

Scarpa: “Via le strisce blu da ospedali ed ambulatori”

“È improponibile fare cassa sulla sofferenza della gente. Si paga già troppo in “ticket” per una sanità pubblica perennemente sabotata da destra e sinistra”…

Pubblicato

il

In una nota inviata agli organi di stampa il Segretario del Partito Comunista per la Federazione Provincia di Lecce, Andrea Scarpa, scrive: “È improponibile fare cassa sulla sofferenza della gente. Si paga già troppo in “ticket” per una sanità pubblica perennemente sabotata da destra e sinistra per favorire i privati. Chiediamo che vengano al più presto rimosse le strisce blu e che si faccia in modo che ci siano abbastanza parcheggi per esempio in un ospedale, il Vito Fazzi di Lecce, nel quale affluiscono le utenze da tutta la provincia a causa dei declassamenti di tanti ospedali, le chiusure di tanti reparti, le mancanze di staff e posti letto”.

E continua: “Non si può risparmiare sulla sanità pubblica causando disagi così imponenti e poi aggiungere un’ulteriore “tassa sulla povertà” a chi non si può permettere la sanità privata.

Non si può tantomeno giustificare tutto ciò come soluzione alla presenza dei parcheggiatori abusivi. Gli abusivi aumentano in tutta Italia, soprattutto nel Meridione, principalmente a causa della disoccupazione dilagante. È ben noto che le stesse autorità trovino futile cercare di multare gli abusivi, poiché puntualmente risultano nullatenenti.

Vogliamo che la sanità sia pubblica“, chiude, “gratuita e di qualità e che il lavoro sia veramente un diritto garantito. Vogliamo un piano di trasporti pubblici serio. Non si può fare aspettare una persona 30/50 minuti per un bus e poi lamentarsi se la gente preferisce prendere l’auto creando ingorghi, mancanze di parcheggi e “parcheggi selvaggi”.

Continua a Leggere

Casarano

Ispezioni su luoghi di lavoro: 5 deferimenti

Multati in 3 su cantiere edile e due titolari di caffetterie

Pubblicato

il

Attività ispettiva dell’Arma a contrasto del lavoro nero e irregolare su Casarano.

I militari della locale stazione, con il supporto di personale del nucleo carabinieri ispettorato del lavoro di Lecce, hanno controllato una serie di ditte.

Sicurezza in cantiere

Su un cantiere edile hanno individuato e deferito 3 persone per avere, a vario titolo, omesso di predisporre idonee impalcature atte a scongiurare la caduta nel vuoto dei lavoratori dipendenti. I deferiti sono due titolari di ditte salentine ed un terzo soggetto, in qualità di coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione dei lavori.

Controlli nei bar

Successivamente i controlli hanno interessato degli esercizi commerciali.

Due donne, titolari di altrettanti bar, sono state deferite per aver omesso di sottoporre alla prescritta sorveglianza sanitaria i lavoratori dipendenti.

Nel corso dei suddetti servizi, i carabinieri hanno contestato ammende per un totale di 15mila e 400 euro.

Autorità giudiziaria e competenti enti assistenziali, previdenziali e fiscali, sono stati informati dai carabinieri dell’esito dei controlli.

Foto di repertorio

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus