Connect with us

Cronaca

Statua di San Vito rubata nel Salento in vendita in Lussemburgo

I Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale (TPC) restituiscono alla Diocesi di Nardò-Gallipoli una statua lignea raffigurante San Vito, rubata nel 1981 dalla Chiesa della Collegiata di Santa Maria Assunta

Pubblicato

il

Sabato prossimo, 14 dicembre, alle ore 18, a Galatone, presso la Chiesa della Collegiata di Santa Maria Assunta, nel corso della Santa Messa officiata da S.E.R. Monsignor Fernando Tarcisio Filograna, Vescovo della Diocesi di Nardò- Gallipoli, il Maggiore Lorenzo Pella, Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) di Udine, alla presenza del sindaco, Ragioniere Flavio Filoni, del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Lecce, Colonnello Paolo Dembech, del Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi, Lecce e Taranto, Archietetto Maria Piccarreta, restituirà al Referente per l’Arte Sacra della Diocesi, Monsignor Giuliano Santantonio ed alla comunità di fedeli, una statua lignea policroma comprensiva di reliquia al petto raffigurante San Vito, risalente al XVII secolo, sottratta proprio dalla citata chiesa salentina da ignoti nel 1981 e posta in vendita da un privato presso una casa d’aste in Lussemburgo.

Nella foto grande in alto si può vedere il particolare dello stemma vescovile.

La messa in vendita del manufatto chiesastico era stata accertata dai militari del reparto dell’Arma dei Carabinieri, specializzato nel contrasto dei reati commessi ai danni del patrimonio culturale nazionale, nel corso di mirate attività di monitoraggio dei siti web che trattano la compravendita di oggetti d’arte.

Le verifiche e gli approfondimenti che ne erano seguiti anche attraverso il raffronto tra le fotografie della statua raffigurante San Vito desunte dal sito web e i relativi dati descrittivi, in particolare uno stemma che rimandava al Vescovado di Nardò, con quelli già presenti nel Bollettino delle Ricerche TPC, nella Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti gestita dal Comando Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale, nonché nel corrispondente database di Interpol denominato Psyche, consentiva di verificare la perfetta corrispondenza tra la statua presentata alla vendita in Lussemburgo e quella sottratta a Galatone nel 1981.

L’opera, risalente ad epoca rinascimentale, in ottime condizioni di conservazione, del valore di 30mila euro, era stata posta in vendita da un cittadino lussemburghese ignaro della provenienza delittuosa del bene.

Le risultanze degli accertamenti svolti venivano tempestivamente comunicate alla Procura della Repubblica di Lecce che, in regime rogatoriale, attraverso l’emissione di un Ordine Europeo di Indagine all’omologo lussemburghese predisposto dalla titolare delle indagini, D.ssa Paola Guglielmi, otteneva il sequestro dell’opera che veniva recentemente recuperata e rimpatriata dai Carabinieri del Nucleo TPC di Udine.

L’evento testimonia, ancora una volta, come il costante monitoraggio del mercato antiquariale on line, nonché la perseveranza dimostrata dai militari di questo Reparto specializzato dell’Arma dei Carabinieri, permetta, anche a distanza di molti anni, il ritorno a casa, reinserendola nel contesto territoriale che le è proprio, di un’opera costituente la memoria storica salentina e della sua comunità di fedeli.

Cronaca

Aereo bloccato a Brindisi per malore: panico coronavirus a bordo, ma era infarto

Pubblicato

il

Ieri un treno, oggi un aereo. Ma stavolta il panico è stato sconfitto a stretto giro.

Dopo l’episodio della serata di venerdì, in stazione a Lecce, dove un treno proveniente da Roma è rimasto fermo a porte chiuse con i passeggeri bloccati a bordo per un’ora per un allarme lanciato da una viaggiatrice di sospetto caso coronavirus, oggi è successa la stessa cosa, con durata e risonanza fortunatamente differente, all’aeroporto del Salento.

Un passeggero di un volo proveniente da Milano ha accusato un malore all’atterraggio. La cosa ha immediatamente fatto scattare l’allarme tra gli altri passeggeri. Complice il crescente senso di percezione, sfociato il più delle volte in allarmismo, del diffondersi del coronavirus, la preoccupazione ha portato all’ansia tra i presenti ed alle prime misure di precauzione per gli addetti ai lavori.

Anche qui i passeggeri sono stati trattenuti a bordo, con le uscite del velivolo bloccate. Gli accertamenti hanno però rapidamente restituito la tranquillità: l’uomo aveva avuto un infarto che nulla aveva a che vedere con il coronavirus.

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase, arrivano i carabinieri in elicottero: l’esito dei controlli

Pubblicato

il

Nella giornata di ieri, 21 febbraio, la presenza di pattuglie di carabinieri accompagnate da un elicottero dell’Arma ha catalizzato l’attenzione sul territorio tricasino.
L’atterraggio del velivolo nei pressi del cimitero nuovo di Tricase, in corrispondenza della cerimonia per il conferimento della cittadinanza a Liliana Segre tenutasi proprio ieri mattina a Palazzo Gallone, ha fatto pensare all’arrivo proprio della senatrice.
Si trattava, invece, di un ordinario controllo programmato dai carabinieri della compagnia di Tricase, supportati da un elicottero del 6° nucleo di Bari.

I controlli

L’attività svolta ha portato a conclusione il servizio coordinato finalizzato al controllo della circolazione stradale e alla prevenzione di reati e illeciti in genere, svolto nei comuni di competenza del Capo di Leuca.
Le operazioni hanno portato alla denuncia in stato libertà di diversi utenti stradali per varie violazioni.

Nello specifico:
F. M., 40enne, è stato deferito per evasione. L’uomo, residente a Corsano, è sottoposto al regime degli arresti domiciliari, ma è stato sorpreso fuori dalla propria abitazione.

Due ragazzi, un 20enne ed un 22enne, sono stati invece sorpresi alla guida in stato di alterazione psicofisica correlata a uso di stupefacenti. Avevano infatti assunto cannabinoidi ed era al volante di due differenti vetture, intestate a terzi. Per loro deferimento in stato di libertà.
Simil sorte è toccata ad un 23enne, anch’esso alla guida dopo aver assunto cannabinoidi. Per lui però ritiro della patente.
Altri automobilisti incappati in controlli sono invece un 51enne alla guida sotto l’effetto di cocaina, un 63enne alticcio, cui è stata ritirata la patente, ed un 36enne che rifiutava di sottoporsi a controllo in quanto, come emerso in seguito, privo di patente di guida, mai conseguita, e alla guida di autovettura sprovvista di copertura assicurativa, poi sottoposta a sequestro.
Come lui, un altro 30enne ha rifiutato i controlli alcolemici. Segnalato all’autorità giudiziaria anch’egli.

Il dispositivo impiegato

Il dispositivo impiegato per i controlli, che proseguiranno nei giorni a venire, conta l’impiego di 14 militari e 7 automezzi, con i seguenti esiti sin qui conseguiti:
11 controlli persone sottoposte arresti domiciliari;
99 automezzi controllati di cui 23 motoveicoli;
143 persone identificate;
5 controlli esercizi pubblici;
31 contravvenzioni al codice della strada elevate,
3 patenti di guida ritirate,
2 autovetture sottoposta a sequestro amministrativo.

Continua a Leggere

Cronaca

Lavori nella baia di Porto Miggiano: tutti assolti

Pubblicato

il

La sezione unica penale della Corte d’appello di Lecce ha ribaltato la sentenza di primo grado sui lavori del costone roccioso della baia di Porto Miggiano.
Tutti i condannati sono stati assolti perché il fatto non sussiste. L’area verrà quindi restituita al Comune.

In quattro erano già stati assolti in primo grado. Tra loro anche il sindaco dell’epoca, Cretì.
Per gli altri invece si era protratto l’iter giudiziario.
Il dirigente dei lavori pubblici, Salvatore Bleve, 67 anni di Cerfignano; il direttore dei lavori, Daniele Serio, 57 anni di Surbo, gli autori del progetto, Francesco Leo e Antonio De Fazio, rispettivamente 57 anni di Bari e 71 di Taranto; la responsabile del settore ambiente, Francesca Achiropita Pisanò, 54 anni di Rossano Calabro e l’amministrazione unico della società che eseguì i lavori, Maria Grazia Doriano, 43 anni di Vico Equense, erano stati condannati a vario titolo dagli 8 ai 10 mesi per deturpamento e distruzione di bellezze naturali e per abusivismo edilizio in area sottoposta a vincolo.

Per l’appello però il fatto non sussiste e non ci sono reati imputabili ai soggetti indicati. Ora, da qui a 90 giorni, verranno depositate le motivazioni che hanno portato alla sentenza.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus