Connect with us

Cronaca

Videopoker e slot machine truccati, blitz della finanza

Sequestrati beni per un valore di oltre 15 milioni di euro, nei guai alcuni componenti di una ditta di Racale dedita all’esercizio del gioco d’azzardo

Pubblicato

il

Un giro d’affari milionario. I militari del comando provinciale della guardia di finanza in seguito a serrati accertamenti hanno posto sotto sequestro una serie di beni dal valore di 15 milioni di euro.

Nel mirino degli inquirenti una ditta di Racale che era dedita all’esercizio del gioco d’azzardo attraverso l’alterazione di slot machine ed apparecchiature da intrattenimento.

L’esecuzione delle misure è intervenuta al termine di un’ampia indagine condotta dalla locale direzione Distrettuale Antimafia che aveva già portato nell’anno 2015 all’esecuzione di 27 ordinanze di custodia cautelare  ed al sequestro preventivo di beni riconducibili agli indagati per un valore pari ad 12 milioni di euro.

In particolare dalle investigazioni è risultato che i gestori della ditta in questione avessero dei collegamenti con società e ditte individuali intestate a prestanome, attraverso le quali distribuivano ed installavano presso vari esercizi commerciali dislocati sull’intero territorio nazionale, “videopoker”, “slot machine” e “totem”, riproducenti il gioco d’azzardo.

Le indagini hanno consentito inoltre di riscontrare come alcuni componenti dell’organizzazione minacciassero i titolari degli esercizi interessati dalle istallazioni, assumendo atteggiamenti intimidatori.

Accertata anche l’esistenza di 2 trust fittizi, di cui uno utilizzato per segregare il patrimonio delle suddette società allo scopo di eludere la normativa antimafia in tema di confisca dei beni.

Sulla scorta di dette emergenze investigative, certamente indicative di una abitualità nelle condotte delittuose, il GICO del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Lecce ha quindi eseguito, su delega della locale Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Lecce, approfonditi accertamenti nei confronti dei componenti del citato sodalizio, volti a verificare l’esistenza dei presupposti legislativi per l’applicazione delle misure di prevenzione personali e patrimoniali, ai sensi della vigente legislazione antimafia.

La Seconda Sezione Penale di Lecce ha in conseguenza disposto il sequestro dei beni mobili, immobili e delle disponibilità finanziarie che non hanno trovato giustificazione nei redditi dichiarati e nelle attività svolte dagli indagati e dai loro familiari.

In particolare sono stati sottoposti a vincolo reale società attive nel settore del commercio all’ingrosso di videogames ed apparecchi da intrattenimento, nel settore della compravendita immobiliare, nella gestione di attività turistico alloggiative e nel commercio all’ingrosso di alimentari, nonché immobili di pregio (tra cui una struttura alberghiera ed un castello) e terreni agricoli ubicati nei comuni di Ugento, Racale, Taviano, Gallipoli Melissano, autovetture e disponibilità finanziarie, per un valore complessivamente stimato dei beni posti sotto sequestro quantificato in 15 milioni di euro.

Il sequestro ha nel dettaglio riguardato: 93 fabbricati (abitazioni, locali commerciali e garage), 33 terreni, 9 società di capitali ed una ditta individuale, 20 automezzi, saldi attivi riferiti a 40 fra depositi bancari e rapporti assicurativi nonché quote societarie del valore di 450.000 euro.

I beni in questione sono stati affidati all’amministrazione di un custode giudiziario appositamente nominato dal Tribunale di Lecce.

 

Cronaca

Coronavirus al Fazzi? Tampone negativo

Si attendono notizie dagli esami sul tampone inviato a Bari

Pubblicato

il

Sospetto coronavirus al Fazzi?
Il primo tampone effettuato sul paziente avrebbe già smentito tale ipotesi.
Attuato il protocollo si attende ora il risultato definitivo delle analisi sul tampone inviato a Bari.
Il paziente è una militare di stanza a Treviso che avrebbe accusato tosse secca e febbre negli ultimi 15 giorni.

Al momento però la sua temperatura corporea sarebbe di 36 °C

Continua a Leggere

Cronaca

Aereo bloccato a Brindisi per malore: panico coronavirus a bordo, ma era infarto

Pubblicato

il

Ieri un treno, oggi un aereo. Ma stavolta il panico è stato sconfitto a stretto giro.

Dopo l’episodio della serata di venerdì, in stazione a Lecce, dove un treno proveniente da Roma è rimasto fermo a porte chiuse con i passeggeri bloccati a bordo per un’ora per un allarme lanciato da una viaggiatrice di sospetto caso coronavirus, oggi è successa la stessa cosa, con durata e risonanza fortunatamente differente, all’aeroporto del Salento.

Un passeggero di un volo proveniente da Milano ha accusato un malore all’atterraggio. La cosa ha immediatamente fatto scattare l’allarme tra gli altri passeggeri. Complice il crescente senso di percezione, sfociato il più delle volte in allarmismo, del diffondersi del coronavirus, la preoccupazione ha portato all’ansia tra i presenti ed alle prime misure di precauzione per gli addetti ai lavori.

Anche qui i passeggeri sono stati trattenuti a bordo, con le uscite del velivolo bloccate. Gli accertamenti hanno però rapidamente restituito la tranquillità: l’uomo aveva avuto un infarto che nulla aveva a che vedere con il coronavirus.

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase, arrivano i carabinieri in elicottero: l’esito dei controlli

Pubblicato

il

Nella giornata di ieri, 21 febbraio, la presenza di pattuglie di carabinieri accompagnate da un elicottero dell’Arma ha catalizzato l’attenzione sul territorio tricasino.
L’atterraggio del velivolo nei pressi del cimitero nuovo di Tricase, in corrispondenza della cerimonia per il conferimento della cittadinanza a Liliana Segre tenutasi proprio ieri mattina a Palazzo Gallone, ha fatto pensare all’arrivo proprio della senatrice.
Si trattava, invece, di un ordinario controllo programmato dai carabinieri della compagnia di Tricase, supportati da un elicottero del 6° nucleo di Bari.

I controlli

L’attività svolta ha portato a conclusione il servizio coordinato finalizzato al controllo della circolazione stradale e alla prevenzione di reati e illeciti in genere, svolto nei comuni di competenza del Capo di Leuca.
Le operazioni hanno portato alla denuncia in stato libertà di diversi utenti stradali per varie violazioni.

Nello specifico:
F. M., 40enne, è stato deferito per evasione. L’uomo, residente a Corsano, è sottoposto al regime degli arresti domiciliari, ma è stato sorpreso fuori dalla propria abitazione.

Due ragazzi, un 20enne ed un 22enne, sono stati invece sorpresi alla guida in stato di alterazione psicofisica correlata a uso di stupefacenti. Avevano infatti assunto cannabinoidi ed era al volante di due differenti vetture, intestate a terzi. Per loro deferimento in stato di libertà.
Simil sorte è toccata ad un 23enne, anch’esso alla guida dopo aver assunto cannabinoidi. Per lui però ritiro della patente.
Altri automobilisti incappati in controlli sono invece un 51enne alla guida sotto l’effetto di cocaina, un 63enne alticcio, cui è stata ritirata la patente, ed un 36enne che rifiutava di sottoporsi a controllo in quanto, come emerso in seguito, privo di patente di guida, mai conseguita, e alla guida di autovettura sprovvista di copertura assicurativa, poi sottoposta a sequestro.
Come lui, un altro 30enne ha rifiutato i controlli alcolemici. Segnalato all’autorità giudiziaria anch’egli.

Il dispositivo impiegato

Il dispositivo impiegato per i controlli, che proseguiranno nei giorni a venire, conta l’impiego di 14 militari e 7 automezzi, con i seguenti esiti sin qui conseguiti:
11 controlli persone sottoposte arresti domiciliari;
99 automezzi controllati di cui 23 motoveicoli;
143 persone identificate;
5 controlli esercizi pubblici;
31 contravvenzioni al codice della strada elevate,
3 patenti di guida ritirate,
2 autovetture sottoposta a sequestro amministrativo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus