Connect with us

Attualità

Laboratori d’analisi: “Danno e beffa”

Abaterusso: “Nel Salento dopo i tagli di questi anni, lunghe attese per i pazienti, sovraccarico di lavoro per i laboratori pubblici. Regione inadempiente da dieci anni, riorganizzi la rete dei laboratori d’analisi e punti su innovazione, qualità, risorse umane”.

Pubblicato

il

Il consigliere regionale del Partito democratico, Ernesto Abaterusso si fa promotore di una interrogazione urgente al governatore della Puglia, Michele Emiliano, sul tema dei laboratori di analisi.

AbaterussoIl sovraccarico di lavoro che stanno registrando i laboratori d’analisi pubblici”, sottolinea il consigliere di Patù, “sono l’effetto delle inadempienze del precedente governo regionale. Le centinaia di pazienti che giornalmente si affollano nei laboratori dell’ex Fazzi e nello stesso ospedale cittadinosono la faccia di una sanità che non vogliamo più vedere”.

Disservizi e disagi secondo Abaterusso “non sono più tollerabili, soprattutto quando si scaricano su persone anziane e malate. Ciò accade perché negli anni passati si è tagliato in modo scriteriato. I privilegi e gli sprechi resistono, si colpiscono i diritti dei più deboli”.

Oggi”, accusa l’esponente del Pd, “c’è un ricorso eccessivo ai laboratori di analisi pubblici perché si sono tagliate le risorse ai laboratori privati. In tal modo si è fatto un doppio danno: ai pazienti che, laddove non ci sono ospedali o laboratori distrettuali, sono costretti a spostarsi in altri comuni, con grave disagio trattandosi soprattutto di persone avanti con gli anni. Ma un danno anche ai laboratori che, con il taglio delle risorse, sono stati costretti a licenziare decine di lavoratori, molti dei quali laureati. Tutto ciò non è giusto e, con l’arrivo delle sindromi influenzali, creerà nuovi disagi ai pazienti”.

E ciò”, punta il dito l’ex deputato, “per colpa delle inadempienze della Regione Puglia che non ha mai messo mano alla riorganizzazione della rete dei laboratori. Eppure la legge 296/2006 (“di quasi 10 anni fa!”) delegava alle regioni il compito di deliberareentro il 28 febbraio 2007, un piano di riorganizzazione della rete delle strutture pubbliche e private accreditate eroganti prestazioni specialistiche e di diagnostica di laboratorio, al fine dell’adeguamento degli standard organizzativi e di personale coerenti con i processi di incremento dell’efficienza resi possibili dal ricorso a metodiche automatizzate”. In Puglia, invece, siamo all’anno zero! Per questi motivi nell’interrogazione chiedo al presidente Emiliano quali iniziative intende assumere per intervenire con urgenza sui disservizi che si stanno registrando e soprattutto di insediare una commissione, aperta alle organizzazioni professionali dei laboratori di analisi, che in tempi rapidi avanzi alla commissione sanità e al governo regionale, una proposta di  riorganizzazione della rete dei laboratori con l’obiettivo di fornire ai cittadini servizi di qualità”.

È il momento di cambiare strada”, conclude Abaterusso, “bisogna partire dal diritto a curarsi delle persone, concentrare le risorse  sulle strutture che  investono in tecnologia e risorse umane, modernizzare il sistema”.

 

Attualità

Da lunedì il caldo torna bollente

Alta pressione, stabilità e temperature in aumento: picchi come a giugno

Pubblicato

il

A partire dalle prossime ore l’anticiclone africano tornerà a rimontare su Mediterraneo ed Europa occidentale, interessando anche l’Italia”. Lo conferma il meteorologo di 3bmeteo Edoardo Ferrara che spiega: “La massima espressione dell’alta pressione sarà nella nuova settimana, quando come una bolla di aria calda tenderà ad inglobare Spagna, Francia, Italia in una prima fase. In una seconda fase, dal 22-23 luglio, l’anticiclone africano si spingerà anche su Europa centrale interessando Olanda, Belgio, Germania, Danimarca, fino a poi puntare il Nord Europa, in particolare parte delle Isole Britanniche e persino la Scandinavia.”

NUOVA ONDATA DI CALORE – In tale circostanza sarà inevitabile per l’Europa centro-occidentale sperimentare una nuova ondata di caldo africano. La parte più intensa della fiammata africana avrà picchi termici vicini ai 38-40°C da martedì e nei giorni successivi” – avverte Ferrara di 3bmeteo.com – “Punte di oltre 35-36°C saranno possibili anche sull’Europa centrale, oltre 32-33°C pure su parte dell’Inghilterra ed occasionalmente sulla Scandinavia meridionale nella seconda parte della nuova settimana.”

CONSEGUENZE SULL’ITALIA – “Come detto l’anticiclone africano interesserà anche l’Italia portando assoluta stabilità e tanto caldo almeno sino a giovedì 25 (salvo qualche temporale su Alpi e Prealpi nel weekend)” – prosegue poi Ferrara – “Le temperature saranno in netto aumento, con caldo significativo.

QUANTO DURERA’? Da giovedì 25 luglio e nei giorni successivi l’anticiclone potrebbe iniziare a perdere gradualmente il proprio smalto quantomeno sull’Italia, proprio a causa di un suo sbilanciamento verso il Nord Europa. Nonostante il tempo comunque in prevalenza soleggiato e caldo, si potrebbe dover mettere in conto qualche nuovo temporale dapprima su adriatiche e Sud, successivamente anche al Nord. Ad ogni modo data la distanza temporale si tratta di una linea di tendenza generale (non di una previsione certa), che necessiterà di conferme e molti aggiornamenti” – concludono da 3bmeteo.com

Continua a Leggere

Attualità

BMW richiama 1,3 mln di vetture

Rischio incendio dovuto a problema all’impianto elettrico: la casa madre ripara gratuitamente

Pubblicato

il

Non finiscono per Bmw i grattacapi iniziati alla fine del 2018.

Infatti altri 1,3 milioni di vetture della casa tedesca sono state richiamate dalla stessa per risolvere un problema al cablaggio della batteria. Il richiamo, che riguarda vetture vendute in tutto il mondo, è relativo ai modelli prodotti dal 2003 al 2011, Serie 5 e 6 Serie E60, E61, E63 ed E64. Il problema che ha interessato queste vetture è stato circoscritto al montaggio difettoso sul coperchio del cavo della batteria. Questa irregolarità riscontrata, potrebbe causare un guasto dell’impianto elettrico e portare quindi ad un corto circuito che potrebbe portare le vetture ad incendiarsi o non permettere di avviare il motore. Nonostante la vetustà dei veicoli interessati (le auto interessate hanno un’età compresa tra i 7,5 e i 16 anni), non ci sono costi per i clienti nel corso del richiamo. La segnalazione è diffusa grazie anche all’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore dello “Sportello dei Diritti”, che svolge servizio di monitoraggio su tutti i richiami tecnici per l’eliminazione di difetti di produzione o di progettazione riguardanti la sicurezza che interessano i veicoli circolanti, anticipando in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate vengono tempestivamente informati.

Continua a Leggere

Attualità

Entro il 31 dicembre il concorso per gli inferieri pugliesi

Lo ha annunciato il governatore di Puglia Michele Emiliano: «Concorso unico, con una sola graduatoria regionale, triennale»

Pubblicato

il

Si terrà in Puglia entro il 31 dicembre di quest’anno il concorso unico per infermieri, con una sola graduatoria regionale, triennale.

Lo ha riportato l’Ansa che si rifà ad una dichiarazione del  presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, in una nota in cui appare il numero di “mille infermieri” nel titolo, ma il governatore precisa: «Stiamo parlando di numeri importanti che attualmente sono in fase di definizione, anche alla luce della recente approvazione da parte della Giunta Regionale dei piani dei fabbisogni per ciascuna azienda. Una bella notizia per migliaia di infermieri».

«Arriviamo a questo risultato», spiega, «grazie al piano di riordino ospedaliero e alla riduzione della spesa farmaceutica, che hanno consentito di trovare il denaro per le assunzioni. Nessun taglio nella spesa sanitaria, dunque, ma solo eliminazione degli sprechi».

Il concorso sarà affidato all’Asl Bari che ha già una piattaforma, preceduto da una mobilità infraregionale (quando arriverà l’infermiere assunto, il collega potrà andare via). Presto il confronto sindacale.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus