Connect with us

Ortelle

La Madonna del Santissimo Rosario a Vignacastrisi

Pubblicato

il

Come ogni anno, e da secoli, si rinnova a Vignacastrisi l’appuntamento con la festa della Madonna del Santissimo Rosario. Dagli archivi storici parrocchiali e da quelli comunali risulta, infatti, tale devozione per la Beata Vergine Maria del SS. Rosario, patrona e protettrice del paese, risalente al XVII E XVIII secolo.  Quest’anno i festeggiamenti si preannunciano particolarmente corposi. Infatti, accanto alla devozione per la Beata Vergine – che si estrinsecano con la Novena di messe e prediche e con la Processione del dì di festa – ci saranno luminarie, fuochi d’artificio, concerti bandistici e di musica popolare di ottimo livello. Nella giornata di venerdì 5, vigilia della festa, suonerà il Concerto Bandistico Città di Squinzano, diretto dal maestro Giuseppe Gregucci, mentre alle ore 19,30 uno spettacolo pirotecnico musicale accenderà le splendide luminarie dei maestri De Cagna da Scorrano. Alle 21 infine, spettacolare gara pirotecnica. Sabato 6  altro spettacolo pirotecnico alle ore 11, al termine della Processione.  In serata alla Banda di Squinzano si affiancherà quella della Grecìa Salentina, diretta dal maestro Salvatore Tarantino, per allietare  con dolci note la centrale Piazza Umberto. Domenica 7, infine, il gran finale spetta al concerto dell’Ensemble Notte Della Taranta, composta da tanti artisti del concertone finale del grande evento di agosto a Melpignano, i quali portano in giro in tutta l’Italia (e anche oltre i confini nazionali) la musica etnica e popolare salentina.
Deodato Giovanni Guida

Continua a Leggere

Appuntamenti

Incontri d’autore: Luciano Violante a Vignacastrisi

L’ex magistrato e Presidente della Camera dei Deputati, chiude la rassegna della frazione di Ortelle

Pubblicato

il

Luciano Violante, ex magistrato e Presidente della Camera dei Deputati, chiude, questa sera alle 21, in piazza Umberto I a Vignacastrisi, dialogando con Rosario Tornesello, la rassegna Incontri d’Autore, organizzata dal Comune di Ortelle e dal Comitato di Gestione della Biblioteca “Maria Paiano” con il coordinamento di Pasquale De Santis.

Giustizia e mito” è il frutto dell’incontro di due visioni offerte da due dei maggiori giuristi italiani, Violante e Marta Cartabia (Vice Presidente della Corte costituzionale), su alcune celebri opere di Sofocle, l’Antigone e l’Edipo Re.

Entrambi offrono una rilettura dei due grandi classici sopracitati, con l’obiettivo di mostrarne l’attualità rispetto al mondo della contemporaneità, tanto nella dimensione politica quanto in quella giuridica.

Nell’accettare l’invito a riflettere su tali dimensioni, i due autori ragionano sul loro sapere e ruolo, attraverso il ricorso alla lente del mondo della mitologia greca e della letteratura, senza però voler proporre nuove visioni e/o interpretazioni rispetto al campo della drammaturgia.

Legge, morale, religione: il mito e noi Antigone, ovvero il conflitto tra coscienza individuale e ragion di stato, tra legge morale e legge positiva. Edipo, ovvero la tensione tra verità storica e oggettiva e verità soggettiva, tra domanda di giustizia e intransigenza nell’amministrarla, tra colpa, errore e responsabilità.

Creonte, ovvero il contrasto tra la legge e la sua opposizione. Altrettanti dilemmi del diritto che riaffiorano continuamente nelle nostre società. Per quanto emancipata dal suo primitivo nucleo vendicativo, e oggi amministrata con molte garanzie, sancite soprattutto dalle costituzioni contemporanee, la giustizia infatti non risana mai del tutto i conti, né per le vittime né per i carnefici.

Nelle loro sapienti reinterpretazioni, Cartabia e Violante mettono l’accento su aspetti diversi. La prima esalta il diritto ragionevole, la giustizia prudente, anche se imperfetta, il senso del limite, ragionevolezza e proporzionalità, il contraddittorio (Antigone: «non chiuderti nella convinzione incondivisa»; «concediti di cambiare idea»).

Violante sottolinea che Creonte è il portatore del diritto nuovo, che fa funzionare la polis, mentre Antigone è testimone del passato, del diritto immutabile, e quindi contesta la legge degli uomini in nome del diritto degli dèi.

Ma poi ricorda che vi sono valori morali superiori alla legge positiva e meccanismi moderni per regolare i conflitti (obiezione di coscienza, giustizia costituzionale, negoziazione e trattativa con i dissenzienti). Per un verso, i problemi di ieri sono problemi di oggi.

Ad esempio, se non vi fosse un diritto più alto, Norimberga non sarebbe stata possibile (un aspetto dimenticato dai critici della globalizzazione).

D’altra parte, se le leggi dello Stato non venissero rispettate, le società sarebbero un campo di conflitti.

Continua a Leggere

Acquarica del Capo e Presicce

Tricase, sindaci e avvocati si incontrano presso il tribunale per scongiurare la chiusura

A partire dal mese di ottobre, infatti, i Funzionari di Cancelleria, attualmente in servizio, andranno in pensione e

Pubblicato

il

So bene che avete seguito la vicenda negli anni passati ma a quanto pare l’epopea continua. All’incontro del 14 giugno sono stati invitati tutti i sindaci dei Comuni i cui territori sono ricompresi nel “comprensorio” del Giudice di Pace, vale a dire Tricase, Castro, Diso, Miggiano, Montesano Salentino, Specchia, Tiggiano e Andrano Sarà presente anche il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Lecce, Roberta Altavilla. L’obiettivo è quello di far comprendere all’opinione pubblica e, soprattutto, a tutte le Istituzioni locali l’importanza di mantenere in vita il presidio giudiziario che attualmente rischia inesorabilmente di essere soppresso.
A partire dal mese di ottobre, infatti, i Funzionari di Cancelleria, attualmente in servizio, andranno in pensione e, per questo, non sarà più possibile per il Giudice esercitare le proprie funzioni. Ciò comporterebbe un’immediata ed inesorabile chiusura dell’Ufficio.

L’incontro avrà come obiettivo quello di raggiungere un accordo, di trovare una soluzione concreta, utile a consentire al GdP di svolgere le proprie funzioni almeno per i prossimi tre anni.
Nel 2021, invero, andrà a regime la “Riforma organica della Magistratura onoraria” disciplinata dal D. Lgs. n. 116 del 2017. Che avrà come riflesso l’invio di dipendenti direttamente dal Ministero della Giustizia.

La normativa prevede, tra l’altro, un ampliamento delle competenze del Giudice di Pace, sia in materia civile che in quella penale, che attualmente sono rimesse in capo al Tribunale.
Si può comprendere, dunque, la sfida storica che l’intero Capo di Leuca è chiamato a cogliere con vigore e senza tentennamenti.
Si tratta dell’opportunità di continuare a garantire, se non a potenziare, un servizio primario ed essenziale per i cittadini anche nell’ottica di quel principio di  sussidiarietà, dunque di prossimità, tanto decantato e che permetto allo Stato di essere davvero più vicino a tutti i cittadini.
Conservare e rafforzare un “servizio giustizia” davvero prossimo alla gente, infatti, consente di esprimere una maggiore fiducia nelle istituzioni e un riconoscimento per il lavoro di tanti avvocati che ogni giorno vanno avanti tra mille difficoltà, intoppi e rallentamenti. Anche noi giovani avvocati sentiamo forte l’esigenza di contribuire a questa battaglia lanciata dai colleghi più anziani.
Ne va della dignità del nostro ruolo, della funzione sociale che l’Ordinamento ci riconosce. Ma ne va soprattutto della dignità del nostro lembo di territorio, e della celerità della nostra economia, che non può essere svenduta sotto la facile scusa della “inefficienza burocratica”.

Basti pensare ai servizi accessori che potrebbero essere implementati all’interno di quegli Uffici e che accanto al potere giurisdizionale potrebbero semplificare (e accelerare) la soluzione dei problemi a carico di cittadini e imprese….
avv. Gianvito Rizzini

Continua a Leggere

Alezio

Militello Striscia il Salento

Venerdì 10 a Vignacastrisi, sabato 11 ad Alezio: Cristiano Militello in tour nel Salento con i suoi cartelli esilaranti

Pubblicato

il

Cristiano Militello è il protagonista del minitour salentino di presentazioni del suo ultimo libro “Cartelli d’Italia – (presa in) Giro d’Italia in 1000 cartelli” che lo vedrà venerdì 10 maggio, alle 20, presso la Biblioteca “Maria di Paiano” di Vignacastrisi, nell’ambito della rassegna “Incontri d’Autore” e sabato 11 maggio, ad Alezio, presso la sala convegni Parco Don Tonino Bello, nel programma culturale curato da Medeur.

Scritte assurde, cartelli strani, insegne e cognomi improbabili: un campionario improbabile ed esilarante, ma assolutamente vero, raccolto nel tempo nelle nostre strade dall’artista di Striscia.

Cartelli d’Italia è un vero e proprio viaggio tutto da ridere nella Penisola, il cui ricavato delle vendite sarà devoluto in beneficenza alla Fondazione Tog che cura gratuitamente bambini con patologie neurologiche complesse.

Dialogheranno con l’autore Loris Coppola (10 maggio), direttore di Salento in Tasca, e Julia Pastore (11 maggio), giornalista.

L’incontro con l’autore è un evento a ingresso gratuito, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Info 329.3173865

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus